Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Quattro grandi industrie si sono rivolte al Tribunale, tra cui ENI

Pet coke, 4 società chiedono dissequestro

Il pet-coke, scarto industriale derivante dalla raffinazione del petrolio proveniente dagli stabilimento Eni di Gela, avrebbe fatto scalo a Taranto per poi essere distribuito presso stabilimenti che lo hanno acquistato da un broker.
22 gennaio 2008
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

Rettifica per la SAIF di Alessandria
Provvediamo ad inserire con evidenza e in grassetto un riquadro di rettifica in questo articolo che, pur non essendo nostro, ha costituito la fonte della distorsione informativa.

Associazione PeaceLink

In relazione alla notizia riportata sul Vs. sito, secondo la quale la nostra società, Saif Srl di Cantalupo (Al), sarebbe coinvolta in una vicenda legata al commercio di pet-coke e avrebbe richiesto il dissequestro del citato materiale in una vicenda penalmente rilevante attualmente pendente innanzi al Tribunale di Taranto, è assolutamente falsa e lesiva della nostra reputazione commerciale e del nostro buon nome.

La Saif di Cantalupo non ha mai commercializzato il pet-coke e, pertanto, Vi preghiamo di voler immediatamente pubblicare la relativa smentita, chiarendo che la Saif Srl di Alessandria non è coinvolta nella vicenda in questione e che la notizia è stata diffusa per Vs. negligenza, avendo cura di precisare gli esatti nominativi delle aziende coinvolte.

Ci riserviamo, in ogni caso, di adire le competenti autorità giudiziarie per la tutela dei nostri diritti.

SAIF Srl - Cantalupo - Alessandria
Il Presidente
Giancarlo Serra
Quattro grandi industrie coinvolte nel recente sequestro di pet coke ordinato dalla Procura di Taranto in diverse regioni d'Italia si sono rivolte al Tribunale del Riesame che si riunirà mercoledì 23, venerdì 25 e mercoledì 30, per occuparsi delle richieste di dissequestro provenienti dagli avvocati Rocco Maggi ed Antonio Raffo, legali delle industrie Eni, la cui sede di Gela è stata particolarmente interessata dal sequestro, Unicoal di Milano, importante azienda che si occupa di commercio internazionale, servizi e forniture industriali, Adriacoke spa di Ravenna, Saif spa, azienda di Alessandria specializzata nella produzione di vernici e smalti.

Per ora la tesi difensiva si concentra sull'ipotesi che il pet-coke sequestrato non fosse da considerare rifiuto industriale e contenesse sostanze pericolose entro i limiti di legge. Secondo dogane e carabinieri del Noe, al contrario, l'inchiesta si è focalizzata su un presunto traffico su larga scala di rifiuti altamente nocivi.

Il pet-coke, scarto industriale derivante dalla raffinazione del petrolio proveniente dagli stabilimento Eni di Gela, avrebbe fatto scalo a Taranto per poi essere distribuito presso stabilimenti che lo hanno acquistato da un broker. Il contenuto eccessivo di zolfo e di altre sostanze altamente cancerogene e teratogene, per legge modifica lo stato del pet coke da combustibile trasportabile a pericoloso rifiuto industriale da smaltire e trattare con accurate tecniche e costi.

Se sdoganato come combustibile, diventa un vero affare, sia per chi lo compra che per chi lo vende. Agli indagati, la Procura potrebbe contestare reati di traffico di rifiuti tossici, nonché violazioni di leggi in materia ambientale e fiscale.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Pace
    Ci costituiamo in base all'art. 11 della nostra Carta Costituzionale: "L'Italia ripudia la guerra"

    Documento del Comitato per la Pace di Taranto

    Sabato 26 febbraio saremo in presidio a Taranto esprimendo la nostra preoccupazione per l'escalation militare. Chiediamo all'Italia e all’Europa di adoperarsi diplomaticamente per evitare il conflitto. Diciamo no all'estensione della Nato all'Ucraina e a nuove armi nucleari Usa in Europa.
    21 febbraio 2022 - Comitato per la Pace di Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)