Comunicato congiunto Peacelink e Wwf Taranto: “Porto commerciale e bonifiche sono le priorità”

Vogliamo esprimere la nostra solidarietà ai lavoratori che da ieri notte sono in presidio permanente nel porto mercantile e chiediamo alle istituzioni di trovare soluzioni concrete e applicabili per uscire dall'impasse.
25 settembre 2014
Fulvia Gravame

Vogliamo esprimere la nostra solidarietà ai lavoratori che da ieri notte sono in presidio permanente nel porto mercantile.  I lavori di dragaggio al porto sono stati bloccati di nuovo per l’ennesimo ricorso al TAR di una delle ditte partecipanti alla gara di appalto e l’Evergreen ha spostato l’ultima linea di trasporto rimanente nel porto del Pireo in Grecia come del resto aveva minacciato tempo fa.  Gli operai chiedono un decreto per risolvere il problema dei lavori al porto di Taranto

La verità è che sono stati stanziati milioni di euro per effettuare i dragaggi e altri lavori per ampliare il porto mercantile e aumentarne la profondità; grazie al completamento dei lavori previsti ormai da anni le navi mercantili di grosso pescaggio e specialmente le porta container potrebbero venire a Taranto; parliamo dell’ennesimo blocco di un importante finanziamento pubblico per aprire il nostro porto al vero traffico commerciale, mentre ora prevale nettamente quello industriale legato all’ILVA o all’ENI. Nel frattempo sono andati avanti i lavori per la piastra logistica ma non si sono risolti altri problemi legati alle infrastrutture di collegamento.  Fabio Millarte con un operaio della TCT, Mirko Zoriaco

La gestione del traffico commerciale richiede professionalità di alto profilo oltre alle maestranze già esistenti e peraltro in CIG da 28 mesi, a turnazione. Il nostro porto ha una conformazione naturale ottimale per ospitare il traffico commerciale ed è vicinissimo alla ferrovia, alle statali e all’autostrada.

Insomma come Peacelink e WWF Taranto riteniamo che i lavori di ampliamento del porto, insieme a quelli per le bonifiche, siano prioritari per dare alternative alla città e che richiedano molta più attenzione da parte dei decisori.                                         Gli operai del porto sono da ventotto mesi in cassa integrazione e guadagni a turnazione

Ricordiamo a questo proposito che nel Protocollo d’intesa del 26 luglio 2012  tra numerosi ministeri, Regione e enti locali che faceva riferimento alla questione ILVA esplosa quell’estate, si ribadiva l’investimento già previsto per i lavori di  ampliamento del porto e che in questi due anni sono stati approvati ben sei decreti legge sull’ILVA e nessuno sul porto o sulle bonifiche. Non è detto che serva un decreto per sbloccare i lavori del porto, ma a questo punto chiediamo azioni concrete e risolutive a tutte le istituzioni per risolvere questa situazione di stallo.     Gli operai chiedono che la TCT e il porto non muoiano.

Fulvia Gravame – Responsabile del nodo di Taranto di Peacelink

Fabio Millarte – Presidente del WWF Taranto

Note: Il contesto nell'articolo del Giornale di Puglia
Taranto, vendonsi ambiente, salute e lavoro...
Il mio articolo di oggi sul Giornale di Puglia...
http://www.giornaledipuglia.com/2014/09/taranto-vendonsi-ambiente-salute-e.html?m=1

Il sole 24 ore del 24 settembre 2014
Porto Taranto, è polemica sul terminal. Tct all'Authority: interventi attesi da oltre 12 anni. Nuova protesta dei lavoratori
www.ilsole24ore.com/art/impresa-e-territori/2014-09-24/porto-taranto-e-polemica-terminal-tct-authority-interventi-attesi-oltre-12-anni-nuova-protesta-lavoratori-103554.shtml

Articoli correlati

  • Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto
    Processo Ilva
    Taranto da ascoltare

    Dopo la sentenza Ilva, parla la città di Taranto

    Ascoltiamola questa città, seria, coraggiosa e competente, sempre più equilibrata di chi ha spacciato per razionale l'intollerabile (interviste di "RadioVera" del 4 giugno)
    6 giugno 2021 - Lidia Giannotti
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • Osservatorio mortalità a Taranto
    Citizen science
    Citizen science

    Osservatorio mortalità a Taranto

    Pubblichiamo un foglio elettronico con i dati disponibili alla data odierna. L'osservatorio mortalità è uno strumento utile e importante per tenere sotto controllo la situazione in aree particolarmente inquinate
    13 aprile 2017 - Alessandro Marescotti
  • Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?
    Taranto Sociale
    Appello inviato ogni sabato dall'8 giugno 2020

    Egregio Presidente Giuseppe Conte, adesso dovrebbe bastare, non crede?

    Taranto chiede alle istituzioni soluzioni concrete al problema inquinamento e lo fa con determinazione. Questo appello è stato sottoscritto già da oltre settemila tarantini e non solo e sarà inviato con le nuove sottoscrizioni ogni sabato fino ad ottenere risultati verificabili.
    8 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)