Sabato 9 ottobre alle ore 11 a Roma in piazza Santi Apostoli presidio del comitato 9 Ottobre

“Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali”

Presidio convocato dai parenti delle vittime di stragi come Vajont, Viareggio, ponte Morandi, Moby Prince e anche dai familiari dei morti sul lavoro e da tutte le associazioni che li sostengono. La Giornata nazionale è stata istituita sul ricordo della strage del Vajont del 9 ottobre 1963.
9 ottobre 2021
Redazione PeaceLink

9 Ottobre

Perché “Noi, 9 Ottobre”? 

Perché è la “Giornata nazionale in memoria delle vittime dei disastri ambientali e industriali” istituita sul ricordo della strage del Vajont (9 ottobre 1963). Anche se abbiamo già ottenuto dal Parlamento un primo riconoscimento (Legge 14 giugno 2011, n.° 101) ora è necessario agire concretamente riguardo alle normative esistenti che impediscono l’effettivo riconoscimento dei diritti delle vittime ed evitare l’esito inaccettabile della “prescrizione” per reati di questo tipo.

Perché una riforma della Giustizia non abbia altro fine che adeguarsi alla Giustizia e Verità.

Le Vittime e i sopravvissuti non vogliono né vendette né processi sommari: vogliono che quanto subito non abbia più a ripetersi, che il loro enorme dolore serva almeno a scongiurare altre vittime.

Per questo rivendichiamo il diritto a vedere accertata ogni responsabilità, condizione per garantire la rimozione delle cause e promuovere, per il futuro, prevenzione e sicurezza.

L’improcedibilità dei processi introdotta con la recente riforma Cartabia, in sostituzione della precedente prescrizione, è la negazione di questo diritto delle vittime e dovere dello Stato. Le vittime sono il primo soggetto interessato alla rapidità delle sentenza, ma l’alternativa non può essere la mancanza di sentenza, ovvero un’impunità a orologeria. Questo determinerebbe ulteriore lassismo e spazio proprio per chi specula sulla mancanza di sicurezza.

È un tema che non riguarda tanto chi ha già subito eventi dannosi, ma che riguarda tutta la collettività esposta a pagare le conseguenze delle prossime calamità e stragi.

La legge è stata approvata, ma questo ci impone di non fermare le nostre rivendicazioni, ma di rilanciare la mobilitazione per cercare di contenerne le conseguenze, gestirne gli esiti fino ad ottenere, alla prova dei fatti, le opportune modifiche.

La legge è stata approvata, ma questo ci spinge ancor più a rivendicare il giusto riconoscimento della figura della vittima, il suo diritto di essere parte del procedimento giudiziario non limitato alla costituzione di parte civile e di mera richiesta risarcitoria.

Pensiamo che agli indagati e agli imputati vadano riconosciuti e garantiti tutti i diritti di difesa e di riabilitazione sociale, ma pari diritti vanno garantiti alle vittime, spesso costrette a subire un’enorme disparità di mezzi e strumenti con controparti economicamente e socialmente potenti. Locandina 9 ottobre 2021 a Roma

Ciò vale, in particolare, anche per le vittime sul lavoro che, a differenza degli eventi collettivi, si trovano a gestire una strage strisciante di morte e invalidità in maniera spesso solitaria e debole anche economicamente.

Di seguito il programma della giornata:

ore 11.00 presidio in piazza Santi Apostoli

ore 15.00 assemblea pubblica con la partecipazione delle associazioni delle Vittime presso Cappella Orsini via Grotta Pinta, 21 (vicino Campo de’ Fiori).

In allegato il manifesto e l’appello del comitato Noi, 9 Ottobre

https://www.facebook.com/noi9ottobre

https://twitter.com/9_ottobre

Note: PeaceLink sostiene l'iniziativa e gli obiettivi per cui è stata convocata.

Link

9 Ottobre
https://comune-info.net/9-ottobre/

Morire di profitto. N9i ottobre
https://comune-info.net/morire-di-profitto-n9i-ottobre/

Stragi dell’ambiente e del lavoro, parenti delle vittime in piazza: “Procura nazionale unica. Legge Cartabia? Dimentica diritto alla verità”
https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/10/09/stragi-dellambiente-e-del-lavoro-parenti-delle-vittime-in-piazza-procura-nazionale-unica-legge-cartabia-dimentica-diritto-alla-verita/6347934/

Articoli correlati

  • "Per chi dobbiamo votare?"
    Laboratorio di scrittura
    Ogni elettore deve essere il cane da guardia del proprio partito

    "Per chi dobbiamo votare?"

    A volte i miei studenti mi hanno chiesto per chi votare. E non ho mai risposto. Ho sempre detto: vota per chi vuoi, ma vota persone oneste. E vota dopo aver controllato i programmi e dopo aver letto la Costituzione italiana. Li ho invitati a considerare i valori della Costituzione la loro bussola.
    21 settembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità
    Latina
    Honduras

    Uno spiraglio di luce in mezzo a tanta oscurità

    Lo Stato honduregno si dichiara responsabile dell’esecuzione sommaria di Herminio Deras e di decenni di violenze contro la sua famiglia
    19 maggio 2022 - Giorgio Trucchi
  • Sei anni... con Berta
    Latina
    Honduras

    Sei anni... con Berta

    Nuovo anniversario in un nuovo contesto sociopolitico
    3 marzo 2022 - Giorgio Trucchi
  • Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie
    Conflitti
    Tra diritto internazionale e filosofia morale

    Chiudere Guantanamo: mettere fine a 20 anni di ingiustizie

    Al Senato USA dopo 8 anni si torna a parlare del futuro di Guantanamo. Davanti la Commissione di Giustizia la testimonianza di sei attori direttamente coinvolti nella storia del centro di detenzione, quattro favorevoli alla sua chiusura, due contrari.
    31 dicembre 2021 - Maria Pastore
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)