Università per stranieri di Perugia

Utilizzata come testo di riferimento la "Storia della pace" di PeaceLink in un Corso di Laurea Specialistica

Il prof. Carlo Belli ha indicato la "Storia della pace" nell'ambito dell'insegnamento di "Negoziato e Conflict Management"
11 giugno 2009

Anno Accademico 2008-2009


Corso di Laurea Specialistica: Sistemi di Comunicazione nelle Relazioni Internazionali

Anno di Corso: II
Semestre: I
Insegnamento: Negoziato e Conflict Management
Settore scientifico-disciplinare: SPS/04
Crediti Formativi: 3
Docente: Carlo Belli
Carico di lavoro globale: 75 ore
Ripartizione del carico di lavoro: 20 ore di lezioni frontali e 55 ore di studio individuale
Lingua di insegnamento: italiano

~Prerequisiti~
Nessuno in particolare, tranne una discreta conoscenza della lingua inglese, per poter leggere e
studiare testi di autori anglosassoni
~Obiettivi Formativi~
Fornire allo Studente conoscenze in ordine all’arte negoziale, alla mediazione e prevenzione dei
conflitti, e alle tecniche di costruzione della pace, anche al fine di poter interagire con
Organizzazioni internazionali e Ong impegnate in tali compiti.
~Contenuto del Corso~
Il Corso costituisce un’introduzione generale alla negoziazione internazionale e alla risoluzione dei
conflitti tra attori internazionali. È suddiviso in tre parti fondamentali, tra loro interrelate:
- analisi dei tre aspetti centrali nella definizione del contesto di evoluzione dei conflitti politici
internazionali: il sistema internazionale, le relazioni inter-statuali, le relazioni tra gli attori;
- definizione terminologiche e descrizione degli strumenti formali ed informali nella gestione dei
conflitti, includendo le seguenti tematiche: a) definizione dei concetti di negoziazione e mediazione;
la negoziazione internazionale; i principali metodi di negoziazione e le più importanti tecniche di
mediazione; b) l’evoluzione nell’arte della costruzione della pace: dalla risoluzione dei conflitti alla
trasformazione dei conflitti; tecniche eterodosse nel negoziato; l’arte della nonviolenza; gli attori
non tradizionali nella negoziazione internazionale; c) il ruolo della comunicazione nei processi di
formazione dei conflitti e nella costruzione della pace; d) tipologie particolari di conflitti: i long
lasting conflicts;
- analisi di casi applicativi e di studio.
~Metodi didattici~
Lezioni frontali, con alcune attività a carattere seminariale (argomenti trattati in relazione a specifici
accadimenti internazionali, o approfondimenti di determinate tematiche, mediante l’ausilio di
documentari e letture non indicate in bibliografia).
~Tipo di Esame~
Esami orali.
~Testi di Riferimento~


Per frequentanti:
- Carlo Simon-Belli (2005); La risoluzione dei conflitti internazionali, Guerra ed.
- Alessandro e Daniele Marescotti (2005), Storia della Pace (scaricabile gratuitamente da
http://italy.peacelink.org/storia)
Per non frequentanti:
- Carlo Simon-Belli (2005); La risoluzione dei conflitti internazionali, Guerra ed.
- Alessandro e Daniele Marescotti (2005), Storia della Pace (scaricabile gratuitamente da
http://italy.peacelink.org/storia)

Articoli correlati

  • Solo il disarmo è razionale. La pace armata è guerra
    Pace
    Kant e la guerra

    Solo il disarmo è razionale. La pace armata è guerra

    «Gli eserciti ed armamenti permanenti devono essere soppressi, perché sono già, con la loro sola esistenza, minaccia agli altri popoli, perciò violazione della pace, causa di insicurezza e quindi di corsa agli armamenti» (Kant)
    Enrico Peyretti
  • Mai più l’arma nucleare
    Pace
    Per l’Appello di Stoccolma si realizzò la campagna più estesa dei partigiani della pace nel mondo

    Mai più l’arma nucleare

    Nell’Appello di Stoccolma i partigiani della pace proclamano: “Noi esigiamo l’assoluto divieto dell’arma atomica. Noi consideriamo che il governo il quale utilizzasse contro qualsiasi paese l’arma atomica, commetterebbe un crimine contro l’umanità e dovrà essere considerato come criminale di guerra"
    7 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Il movimento per la pace in tutto il mondo
    Storia della Pace
    Il congresso della pace a Parigi dell’aprile 1949 viene convocato con un appello di 75 intellettuali

    Il movimento per la pace in tutto il mondo

    Attualmente non esistono movimenti per la pace così ingenti. Anche se hanno avuto una certa rilevanza le varie Cop e i Summit per il clima, da Rio De Janeiro, a Parigi, a Glasgow, che purtroppo sono stati quasi completamente disattesi
    29 dicembre 2021 - Laura Tussi
  • Promuovere la storia della pace per educare alla libertà
    Pace
    Campagna scuole smilitarizzate

    Promuovere la storia della pace per educare alla libertà

    Una delle cose che possiamo studiare nelle quinte classi è Iginio Ugo Tarchetti. Fu un esponente della Scapigliatura milanese che nel 1866 scrisse il primo romanzo italiano in cui si ripudia esplicitamente la guerra giungendo a parlare di diserzione. Rileggendo Tarchetti la scuola ripudia la guerra.
    Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)