I paladini della pace

Pablo Picasso, l’artista che ripudiava la guerra

Dipinse Guernica, dopo il bombardamento nazista del 1937. Quel quadro rappresentava in maniera plastica e simbolica l’orrore devastante della guerra. Mise la sua fama al servizio della pace e del disarmo. Celebri divennero le sue colombe della pace.
11 luglio 2021
Redazione PeaceLink
Fonte: "Pace. 40 paladini della pace"

Pablo Picasso Identikit

Pittore e scultore spagnolo. Nasce a Malaga nel 1881. Muore nel 1973.

Pablo Picasso l’artista geniale

Considerato il più grande artista del Novecento, non esita a mettere il suo straordinario talento a servizio della pace. Nel 1937 dipinge una delle più celebri tele, Guernica, che simboleggia l’orrore della guerra. Nel 1949 realizza la sua prima colomba della pace in occasione della mostra del Congresso mondiale dei partigiani della pace a Parigi. In seguito ne disegna molte altre e contribuisce a fare della colomba un vero e proprio simbolo universale di pace.

Ideali

Testimone dei drammi e delle guerre del Novecento, mise la sua fama al servizio della pace e del disarmo.

Chiudi

"Ossario". L’ossario (o Il carnaio) di Pablo Picasso è un’opera discriminante nell’ambito dell’arte della memoria. Infatti, prima ancora che si crei una memoria visiva degli orrori dello sterminio, il pittore spagnolo delinea l’attitudine artistica al ricordo della Shoah. In un certo senso, si può affermare che Picasso fondi la memoria artistica della Shoah poiché, se è vero che già esistevano le opere degli artisti detenuti nei campi, è da quel momento che l’immaginario visivo dell’evento inizia a prendere vita. Come accade per molti snodi fondamentali dell’arte del Novecento, il genio e la sensibilità di Picasso anticipano le tendenze e le esigenze successive a dare un volto alla Shoah. (Edoardo Trisciuzzi)

RITORNA A PICASSO

Pablo Picasso,  L’ossario, 1945; olio e carboncino su tela, 199,8x250,1 cm. New York, MoMA  "Ossario". L’ossario (o Il carnaio) di Pablo Picasso è un'opera dedicata al ricordo della Shoah.

Riferimenti

Morto a 91 anni, Picasso è un testimone eccezionale del suo tempo. Dipinge “L’Ossario”, dedicato allo sterminio degli ebrei (1945), e “Massacro in Corea” (1951).

Note: Le informazioni di questa scheda sono tratte principalmente dal libro (che consigliamo vivamente per un uso didattico a scuola):

"Pace. 40 paladini della pace"

https://www.libreriauniversitaria.it/pace-40-paladini-pace-ediz/libro/9788847735392

Schoelcher: un libro da leggere
https://www.libreriauniversitaria.it/abolizione-schiavitu-esame-critico-pregiudizio/libro/9788871642239

Articoli correlati

  • Pacifisti e testimoni di pace
    Storia della Pace
    Una selezione delle figure più importanti

    Pacifisti e testimoni di pace

    Le donne e gli uomini che si sono battuti contro le guerre e che hanno promosso la cultura della pace in Italia e nel mondo. Un elenco ordinato dalla A alla Z che comprende anche chi è stato perseguitato per le proprie idee nonviolente e per essere stati obiettori di coscienza.
    26 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Victor Schoelcher, l’antischiavista
    Storia della Pace
    Paladini della pace

    Victor Schoelcher, l’antischiavista

    Lotta anche contro la pena di morte, per il miglioramento della condizione delle donne e per la protezione dei bambini. Durante la guerra franco-prussiana del 1870, si pronuncia a favore del pacifismo e dell’alleanza dei popoli.
    Redazione PeaceLink
  • Victor Hugo, lo scrittore visionario
    Storia della Pace
    Paladini della pace

    Victor Hugo, lo scrittore visionario

    Grande scrittore francese e intellettuale impegnato, Victor Hugo presiede il Congresso Internazionale della Pace che si tiene a Parigi nel 1849 e fa appello a una “fraternità europea”. Frase celebre: “Verrà un giorno in cui le pallottole e le bombe saranno sostituite dai voti”.
    Redazione PeaceLink
  • "Non dimenticarmi"
    Laboratorio di scrittura
    La ribellione di un soldato alla guerra

    "Non dimenticarmi"

    Mia mamma ha vissuto a Lugo di Romagna gli anni terribili della seconda guerra mondiale, con i tedeschi che entravano nelle case e terrorizzavano le persone. Ma non tutti erano uguali. C'erano soldati che avrebbero voluto disertare, e un giorno un soldato le scrisse parole bellissime.
    21 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)