Collegamenti con l'attualità

Noi e le crociate

Una relazione che analizza le crociate dal punto di vista di chi oggi ripudia la guerra.
2 marzo 2005
Gianluca Sinisi (studente della 2DL Liceo Scientifico Tecnologico "Righi" di Taranto)
Fonte: Umberto Diotti, Le Civiltà del basso Medioevo, DeAgostini, Novara 2001, pag. 200

Le crociate nel Medioevo furono presentate come guerre che servivano a liberare Gerusalemme e il Santo Sepolcro dai musulmani invasori. In realtà erano guerre di conquista, che utilizzavano questa scusa per saccheggiare le altre città, prendendone possesso.

La conquista di Gerusalemme da parte dei crociati ci viene descritta da un cronista cristiano e da uno musulmano. Il cronista cristiano, di cui non sappiamo il nome, scrive che i loro pellegrini «inseguirono e massacrarono i saraceni fino al tempio di Salomone» e, dopo aver ucciso i pagani, «fecero prigionieri nel tempio bambini e donne in gran numero, e uccisero o lasciarono in vita quelli che vollero».

Uno degli scopi di quella guerra venne raggiunto in seguito, con le razzie di oro, argento, cavalli, muli e case. Il fatto più grave è che, dopo aver commesso tutto questo e credendo che fosse giusto, andarono «ad adorare il sepolcro di Gesù nostro Salvatore e assolsero il loro debito verso di lui».

Questo ci fa capire che per i crociati non c’erano problemi ad uccidere, e che per loro bastava andare a confessarsi per assolvere i propri peccati. In realtà quelli che commettevano non li giudicavano neanche peccati veri e propri, perché avevano la giustificazione di essere lì nel nome di Dio per liberare Gerusalemme dai popoli invasori.

Il cronista musulmano, Ibnal-Athir, scrive che i Franchi assediarono Gerusalemme per quaranta giorni e costruirono due torri. Una di queste, dalla parte di Sion, fu bruciata e morirono tutti quelli che vi erano dentro. Ma la città fu presa ugualmente dalla parte settentrionale, con i Franchi che ammazzarono tutti i musulmani. Scrive anche che nel Masgid di Asqa i Franchi ammazzarono più di settantamila persone, tra cui molti Imam, dottori e devoti musulmani.

Come abbiamo visto, le crociate avevano come scopo principale la conquista di nuove terre e di nuovi capitali. Tale scopo veniva spacciato come desiderio di liberazione degli altri popoli dall’oppressione.

Questo ci fa pensare un po’ al presente, con gli USA che hanno attaccato l’Iraq con lo scopo di prendere possesso dei pozzi petroliferi; ma quello che ci vorrebbero far credere è che intendono portare la democrazia in quel Paese. Sono del parere che se si vuole veramente liberare un Paese non bisogna fare la guerra e, nel caso degli USA, se si vuole liberare il popolo iracheno non si dovrebbero ammazzare gli iracheni stessi. In conclusione, molte volte si cerca una scusa per ottenere quello che si vuole, dicendo una bugia e nascondendo la verità agli altri.

Articoli correlati

  • Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari
    Laboratorio di scrittura
    Attenzione a non diffondere notizie "tendenziose" che possano "deprimere lo spirito pubblico"

    Non meno di 15 anni di carcere se in guerra distribuisci volantini "disfattisti" ai militari

    Se un pacifista distribuisce ai militari dei volantini che "recano nocumento agli interessi nazionali" viene condannato a una pena non inferiore a quindici anni. Non è una legge della Russia di Putin ma l'articolo 265 del codice penale, ancora in vigore in Italia, sul "disfattismo"
    8 giugno 2022 - Alessandro Marescotti
  • Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile
    Pace
    Eirenefest: non solo una fiera di libri, ma soprattutto un ambito di convergenza

    Per sconfiggere la guerra, dimostriamo che un altro mondo è possibile

    Mancano pochi giorni al via del primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza, un mega evento che si terrà a Roma dal 2 al 5 giugno prossimi: un tentativo di sfidare le radici della guerra - egoismo, violenza, sopraffazione - coltivando, tutti insieme, una convergenza di valori opposti.
    22 maggio 2022 - Olivier Turquet
  • Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina
    Conflitti
    Scomparsi i negoziati e la parola "pace"

    Dolci, terribili scivolamenti del discorso pubblico sulla guerra in Ucraina

    Il discorso pubblico sulla guerra in corso si va modificando in modo rapido e sostanziale ma, al contempo, poco visibile e perciò “indolore”. Questi cambiamenti così rilevanti raramente sono oggetto di discussione in quanto tali e questo può contribuire a renderli invisibili ai nostri occhi.
    1 maggio 2022 - Daniela Calzolaio
  • Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano
    Pace
    Un evento di Santoro e Vauro, dal vivo e in streaming

    Pace proibita? Esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo protestano

    Michele Santoro e Vauro Senesi riuniscono in nome della pace, lunedì prossimo (2 maggio) alle ore 21, esponenti della cultura, del giornalismo e dello spettacolo per "opporsi alla deriva verso il pensiero unico e la resa dell’intelligenza" davanti agli orrori della guerra in corso in Ucraina.
    28 aprile 2022 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)