Collegamenti con l'attualità

Noi e le crociate

Una relazione che analizza le crociate dal punto di vista di chi oggi ripudia la guerra.
2 marzo 2005
Gianluca Sinisi (studente della 2DL Liceo Scientifico Tecnologico "Righi" di Taranto)
Fonte: Umberto Diotti, Le Civiltà del basso Medioevo, DeAgostini, Novara 2001, pag. 200

Le crociate nel Medioevo furono presentate come guerre che servivano a liberare Gerusalemme e il Santo Sepolcro dai musulmani invasori. In realtà erano guerre di conquista, che utilizzavano questa scusa per saccheggiare le altre città, prendendone possesso.

La conquista di Gerusalemme da parte dei crociati ci viene descritta da un cronista cristiano e da uno musulmano. Il cronista cristiano, di cui non sappiamo il nome, scrive che i loro pellegrini «inseguirono e massacrarono i saraceni fino al tempio di Salomone» e, dopo aver ucciso i pagani, «fecero prigionieri nel tempio bambini e donne in gran numero, e uccisero o lasciarono in vita quelli che vollero».

Uno degli scopi di quella guerra venne raggiunto in seguito, con le razzie di oro, argento, cavalli, muli e case. Il fatto più grave è che, dopo aver commesso tutto questo e credendo che fosse giusto, andarono «ad adorare il sepolcro di Gesù nostro Salvatore e assolsero il loro debito verso di lui».

Questo ci fa capire che per i crociati non c’erano problemi ad uccidere, e che per loro bastava andare a confessarsi per assolvere i propri peccati. In realtà quelli che commettevano non li giudicavano neanche peccati veri e propri, perché avevano la giustificazione di essere lì nel nome di Dio per liberare Gerusalemme dai popoli invasori.

Il cronista musulmano, Ibnal-Athir, scrive che i Franchi assediarono Gerusalemme per quaranta giorni e costruirono due torri. Una di queste, dalla parte di Sion, fu bruciata e morirono tutti quelli che vi erano dentro. Ma la città fu presa ugualmente dalla parte settentrionale, con i Franchi che ammazzarono tutti i musulmani. Scrive anche che nel Masgid di Asqa i Franchi ammazzarono più di settantamila persone, tra cui molti Imam, dottori e devoti musulmani.

Come abbiamo visto, le crociate avevano come scopo principale la conquista di nuove terre e di nuovi capitali. Tale scopo veniva spacciato come desiderio di liberazione degli altri popoli dall’oppressione.

Questo ci fa pensare un po’ al presente, con gli USA che hanno attaccato l’Iraq con lo scopo di prendere possesso dei pozzi petroliferi; ma quello che ci vorrebbero far credere è che intendono portare la democrazia in quel Paese. Sono del parere che se si vuole veramente liberare un Paese non bisogna fare la guerra e, nel caso degli USA, se si vuole liberare il popolo iracheno non si dovrebbero ammazzare gli iracheni stessi. In conclusione, molte volte si cerca una scusa per ottenere quello che si vuole, dicendo una bugia e nascondendo la verità agli altri.

Articoli correlati

  • Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra
    Pace
    Foto dalle piazze pacifiste italiane

    Da piazza Tahir all'Italia: la guerra porta solo altra guerra

    Il 25 gennaio in oltre 50 città italiane associazioni, movimenti e cittadini hanno organizzato eventi aderendo all'appello Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace. PeaceLink pubblica le foto di alcune piazze. E alla vigilia è stata diffusa un'importante lettera dalla società civile irachena
    27 gennaio 2020
  • Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti
    Pace
    Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace

    Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri diritti

    “La guerra è un male assoluto e va ‘ripudiata’, come recita la nostra Costituzione all’Art. 11: essa non deve più essere considerata una scelta possibile da parte della politica e della diplomazia”.
    15 gennaio 2020
  • PeaceLink For Future
    PeaceLink
    Seminario formativo sulla cittadinanza attiva

    PeaceLink For Future

    Pace, ecologia e solidarietà e cittadinanza digitale. Come fare giornalismo dal basso per dare voce alla società civile. Incontro nazionale di PeaceLink il 9 e 10 novembre. In questa pagina web trovate il form per registrarsi online.
  • La Colombia stanca di guerra
    Latina
    Lo Stato fa di tutto per allontanare le pace

    La Colombia stanca di guerra

    Prosegue il dibattito sulla scelta di una parte delle Farc di riprendere le armi
    18 settembre 2019 - David Lifodi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.32 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)