Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Cooperazione, progettualità e partecipazione non dovranno più essere parole utili all’autoreferenzialità dei nostri amministratori, ma dovranno entrare nel modo di concepire e gestire il territorio

«Abbiamo le potenzialità per rinascere»

Royalties? Con quale fermezza, poi, si potrebbe imporre all’industria di ridurre l’inquinamento che a Taranto ha superato di gran lunga i livelli di guardia?
5 agosto 2007
Massimo Ruggieri

Gentile Direttore,

Taranto E’ stata ufficializzata la composizione del nuovo Coniglio comunale e ci si augura si possa finalmente colmare il vuoto istituzionale della nostra città.

Parallelamente a quanto, immagino, stanno facendo i nostri neo-amministratori dalla loro elezione, mi sono più volte chiesto come si potrà conciliare il nostro desiderio di rinascita con l’aridità delle casse comunali. Il discorso delle così chiamate royalties, cioè il pegno da chiedere alla grande industria in cambio delle polveri che ci riversa nei polmoni, mi piace fino ad un certo punto. Se da una parte sarebbe anche un giusto risarcimento dovuto alla città, dall’altro c’è il rischio che possa chiudere lì la partita dell’inquinamento, cosa che non renderebbe certo giustizia ai parenti ed agli amici che abbiamo pianto ed a noi che quell’aria dobbiamo continuare a respirarla. Con quale fermezza, poi, si potrebbe imporre all’industria di ridurre l’inquinamento che a Taranto ha superato di gran lunga i livelli di guardia?

Da tempo mi sono accorto, con grande sgomento, che, a differenza di quanto vogliono farci credere, non dappertutto si muore e ci si ammala come da noi. E ancora, come si può pensare che Ilva o Cementir o Eni possano davvero prendere in considerazione di sovvenzionare tutte le proposte fatte dagli assessori in carica? Per una questione di costi, si può pensare che queste farebbero prima, piuttosto, ad adeguare i loro impianti agli standard europei sull’inquinamento.

D’altra parte a tali inviti mi pare sia corrisposta la solita indifferenza da parte degli insediamenti che qui ospitiamo. Insomma le difficoltà sono tante, ma non credo che la strada sia questa. Si sta tentando di chiedere aiuti supplementari al Governo e probabilmente questi arriveranno pure. Ben vengano, certo, ci sono situazioni drammatiche da risolvere, ma non dobbiamo dimenticarci che c’è una durissima lezione da mettere a frutto, affinchè quello che è accaduto al nostro comune non sia accaduto invano e soprattutto perché non possa più ripetersi. Occorre cioè sforzarci di rialzarci da soli. Stavolta, anche solo per mancanza di alternative, dovremo fare tutti la nostra parte ed acquisire quelle caratteristiche che per mentalità non ci sono proprie. Cooperazione, progettualità e partecipazione non dovranno più essere parole utili all’autoreferenzialità dei nostri amministratori, ma dovranno entrare nel modo di concepire e gestire il territorio da parte della nostra classe politica.

Del resto faremo presto a scoprire come queste concezioni si potranno tradurre in un ottimo investimento per tutti. Nonostante le colpe di questa situazione siano da addebitare ai furbetti del palazzo e a chi non ha saputo vigilare per nostro conto, dovremo imparare una volta per tutte che le nostre responsabilità non cessano col voto, e ci vorrà tutta la nostra attenzione (e concreta partecipazione) affinchè alle belle parole seguano sempre i fatti.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)