Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Cooperazione, progettualità e partecipazione non dovranno più essere parole utili all’autoreferenzialità dei nostri amministratori, ma dovranno entrare nel modo di concepire e gestire il territorio

«Abbiamo le potenzialità per rinascere»

Royalties? Con quale fermezza, poi, si potrebbe imporre all’industria di ridurre l’inquinamento che a Taranto ha superato di gran lunga i livelli di guardia?
5 agosto 2007
Massimo Ruggieri

Gentile Direttore,

Taranto E’ stata ufficializzata la composizione del nuovo Coniglio comunale e ci si augura si possa finalmente colmare il vuoto istituzionale della nostra città.

Parallelamente a quanto, immagino, stanno facendo i nostri neo-amministratori dalla loro elezione, mi sono più volte chiesto come si potrà conciliare il nostro desiderio di rinascita con l’aridità delle casse comunali. Il discorso delle così chiamate royalties, cioè il pegno da chiedere alla grande industria in cambio delle polveri che ci riversa nei polmoni, mi piace fino ad un certo punto. Se da una parte sarebbe anche un giusto risarcimento dovuto alla città, dall’altro c’è il rischio che possa chiudere lì la partita dell’inquinamento, cosa che non renderebbe certo giustizia ai parenti ed agli amici che abbiamo pianto ed a noi che quell’aria dobbiamo continuare a respirarla. Con quale fermezza, poi, si potrebbe imporre all’industria di ridurre l’inquinamento che a Taranto ha superato di gran lunga i livelli di guardia?

Da tempo mi sono accorto, con grande sgomento, che, a differenza di quanto vogliono farci credere, non dappertutto si muore e ci si ammala come da noi. E ancora, come si può pensare che Ilva o Cementir o Eni possano davvero prendere in considerazione di sovvenzionare tutte le proposte fatte dagli assessori in carica? Per una questione di costi, si può pensare che queste farebbero prima, piuttosto, ad adeguare i loro impianti agli standard europei sull’inquinamento.

D’altra parte a tali inviti mi pare sia corrisposta la solita indifferenza da parte degli insediamenti che qui ospitiamo. Insomma le difficoltà sono tante, ma non credo che la strada sia questa. Si sta tentando di chiedere aiuti supplementari al Governo e probabilmente questi arriveranno pure. Ben vengano, certo, ci sono situazioni drammatiche da risolvere, ma non dobbiamo dimenticarci che c’è una durissima lezione da mettere a frutto, affinchè quello che è accaduto al nostro comune non sia accaduto invano e soprattutto perché non possa più ripetersi. Occorre cioè sforzarci di rialzarci da soli. Stavolta, anche solo per mancanza di alternative, dovremo fare tutti la nostra parte ed acquisire quelle caratteristiche che per mentalità non ci sono proprie. Cooperazione, progettualità e partecipazione non dovranno più essere parole utili all’autoreferenzialità dei nostri amministratori, ma dovranno entrare nel modo di concepire e gestire il territorio da parte della nostra classe politica.

Del resto faremo presto a scoprire come queste concezioni si potranno tradurre in un ottimo investimento per tutti. Nonostante le colpe di questa situazione siano da addebitare ai furbetti del palazzo e a chi non ha saputo vigilare per nostro conto, dovremo imparare una volta per tutte che le nostre responsabilità non cessano col voto, e ci vorrà tutta la nostra attenzione (e concreta partecipazione) affinchè alle belle parole seguano sempre i fatti.

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)