Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Aldo Pugliese interviene nuovamente sul Rigassificatore di Taranto

Rigassificatore in Puglia: «Sorprendono le dichiarazioni di Vendola»

“Siamo consapevoli che la costruzione di un rigassificatore in Puglia è prevista nel Piano energetico ambientale regionale, sul quale la Uil ha dato un giudizio nettamente negativo, soprattutto per l’impatto ambientale".
25 settembre 2007
Aldo Pugliese

No al Rigassificatore “Sorprende la conferma del presidente Vendola sulla costruzione di un rigassificatore in Puglia, soprattutto dopo la replica dello stesso presidente al vicepremier D’Alema, che in Fiera a Bari aveva sollecitato l’accettazione di questo impianto da parte della nostra regione. In quell’occasione fece bene a spiegare che la Puglia già produce il 60% in più di energia elettrica rispetto al suo reale fabbisogno. Pertanto offre già un significativo quanto concreto contributo al resto del Paese in questo settore”. E’ quanto sostiene il segretario generale della Uil di Puglia e di Bari, Aldo Pugliese, circa le dichiarazioni del presidente della Giunta.

“Siamo consapevoli – dice Pugliese – che la costruzione di un rigassificatore in Puglia è prevista nel Piano energetico ambientale regionale, sul quale la Uil ha dato un giudizio nettamente negativo, soprattutto per l’impatto ambientale. Ma logica vorrebbe che questo rigassificatore sorgesse altrove, dal momento che questa Giunta ha dato l’autorizzazione per nuove centrali termoelettriche e per una serie di investimenti. Ci riferiamo alla produzione di energia alternativa (eolico, fotovoltaico, cdr, ecc.), ma anche all’accordo recente tra Eni e Gazprom, che porterà il gasdotto nelle acque di Otranto. Così come non dobbiamo dimenticare il raddoppio dell’elettrodotto dalla Grecia e quello che arriverà dall’Albania. Tutto questo vuol dire che la Puglia quadruplicherà la produzione rispetto al suo fabbisogno ma produrrà anche una quantità, purtroppo superiore, di anidride carbonica, atteso che non si riduca quella esistente”.

Dunque, per come stanno le cose in Puglia non si sente davvero la necessità di costruire un rigassificatore: “Ma al di là di questo – conclude Pugliese – concordiamo su quanto dice Vendola: qualora malauguratamente si dovesse realizzare un rigassificatore in Puglia, bisogna rispettare quelle condizioni alle quali faceva riferimento egli stesso. Quella della valutazione d’impatto ambientale e una corretta procedura democratica. Ovvero, una concertazione tra il governo centrale con le istituzioni e le comunità locali. Queste condizioni, non sono state rispettate per quanto attiene l’ipotesi di costruire un rigassificatore a Taranto. E pertanto ci aspettavamo che il presidente Vendola nell’affermare che quelle stesse condizioni sono state clamorosamente violate a Brindisi, avesse aggiunto un eloquente e chiarificatore “anche a Taranto”. C’è da sperare che non si facciano politiche diverse a seconda del territorio del quale si parla”.

Il Segretario Generale
Aldo Pugliese

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)