Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

É quanto scaturito dall’incontro di ieri tra l’assessore comunale Carrino e il Presidente del consiglio di amministrazione dell’Amiu e l’ing. Danieli in rappresentanza della Termomeccanica.

Il 1° ottobre Termomeccanica consegna l’inceneritore all’Amiu

Così come nelle prossime settimane si dovrebbe delineare il futuro per i lavoratori Ecopolis, l’azienda che si occupava della raccolta differenziata.
25 settembre 2007
Fonte: Corriere del Giorno

Ecco un Inceneritore E proprio quest’ultimo ha assicurato che la Tmt si impegna a mettere l’impianto di incenerimento nella disponibilità dell’Amiu in modo che l’azienda possa procedere alla messa in funzione del termovalizzatore la cui messa in esercizio prevede tempi lunghi: dai 60 ai 90 giorni. Il trasferimento dell’inceneritore consentirà all’azienda di avviare le procedure per l’assorbimento degli ex lavoratori Ter momeccanica.

Tutto, però, è legato alla data del 1° ottobre quando Tmt metterà l’impianto nella disponibilità dell’Amiu. Così come nelle prossime settimane si dovrebbe delineare il futuro per i lavoratori Ecopolis, l’azienda che si occupava della raccolta differenziata.

Almeno questo è scaturito dall’incontro di ieri che ha visto protagonista sempre l’assessore Carrino e le rappresentanze sindacali dei lavoratori. Sindacati che all’Amiu hanno chiesto di trovare una soluzione definitiva per gli ex Ecopolis pur nella consapevolezza del momento difficile in cui versa la
società partecipata.

Richiesta che è stata fatta propria dal consiglio di amministrazione dell’Amiu che ha assunto un impegno preciso in tal senso.

«Spero che le organizzazioni sindacali, anche loro preoccupate per le condizioni economiche in cui versa l’Amiu, vogliano considerare l’ulteriore sforzo che azienda e amministrazione comunale stanno compiendo», ha sottolineato l’assessore Carrino che ha anche evidenziato come si possa tranquillamente parlare «di un netto miglioramento delle relazioni sindacali e un chiaro segnale è dato dalla volontà di riprendere un percorso comune con l’azienda».

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)