Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Perdita di acido all'AGIP, la procura avvia l'indagine

Rischio di incidenti rilevanti, Interrogazione al Sindaco Stefàno

Capriulo e Lemma (Ds) prendono spunto dall’ennesima fuga di gas
15 ottobre 2007
Ettore Raschillà
Fonte: Corriere del Giorno

L'incendio alla metaniera Gaz Poem “Le forti preoccupazioni che sta determinando nei cittadini l’ultimo incidente avvenuto all’Agip, che fa seguito alle oramai periodiche nubi di gas (speriamo non tossiche) che investono la città, ripropone un tema da noi più volte sottolineato nelle passate consiliature: la necessità di ottemperare alla normativa sui rischi di incidenti rilevanti nella città di Taranto”.

Lo affermano in un’interrogazione consiliare i consigliere comunali dei Ds, Annarita Lemma e Dante Capriulo. “Tali norme, nazionali e comunitarie, meglio note come leggi Seveso (oggi arrivate alla versione Ter) prevedono tra l’altro: la partecipazione dei soggetti interessati al processo della pianificazione d’emergenza; l’elaborazione dei piani di emergenza interni nonché della popolazione interessata; l’introduzione di nuove tipologie a rischio di cui tener conto nell’elaborazione delle politiche di assetto del territorio e del controllo dell’urbanizzazione (quali edifici frequentati dal pubblico, vie di trasporto principali); la intensificazione del diritto dei cittadini interessati all’informazione sulle misure di sicurezza, da fornire d’ufficio e nella forma più idonea”.

Lemma e Capriulo ricordano che “tra le più importanti novità legislative vi è, dunque, il coinvolgimento attivo di tutti i soggetti interessati, sia nella fase di predisposizione del piano sia nelle successive fasi di aggiornamento ed attuazione nell’ambito di una più articolata struttura operativa, che coinvolga Stato, Regioni ed enti locali, finalizzata al successo della pianificazione di emergenza stessa”. In tale ambito “compiti precisi - prosegue la nota congiunta - sono assegnati alle amministrazioni comunali, in particolare per la Pianificazione Urbanistica attraverso, tra l’altro, un Elaborato sui Rischi di Incidente Rilevante”.

Da qui la proposta dei consiglieri comunali della “Quercia”, secondo i quali “prendendo a spunto anche la discussione sul Piano regolatore portuale, riteniamo tali adempimenti non più rinviabili in una città a forte concentrazione industriale come la nostra. Pur comprendendo le difficoltà di mezzi e risorse crediamo che al rispetto della legge sui rischi di incidenti rilevanti debba essere data la massima priorità”.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)