Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

I Pugliesi scendono in Piazza contro le scelte Ambientali non condivise

Discariche e Centrali: la Puglia scende in piazza

A Taranto due manifestazioni contro le discariche di rifiuti speciali, a Lecce a Sogliano una contro la discarica di rifiuti solidi urbani e a Bari un muro umano sul porto per non far passare le turbine della centrale a turbogas. L’autunno pugliese, contrariamente al clima, dal punto vista sociale si presenta caldo.
26 ottobre 2007
Roberto De Giorgi

- La gente non ci sta più ad accettare imposizioni, dal punto di vista impiantistico, che non danno certezze sul piano della salute. Quale futuro avranno gli abitanti di questa regione se essa continuerà a sacrificarsi per le altre accogliendo rifiuti speciali e/o esportando energia? Già è difficile digerire una copertina dell’Espresso che parlava di Puglia dei veleni! Ma dove sono le linee regionali di tutela ambientale? dove sono le scelte della primavera pugliese?

Qui si vede solo la gente per strada senza speranza e solo tanta rabbia. A Taranto, tra San Marzano e Grottaglie, c’è un mega impianto di rifiuti speciali che vuole triplicarsi e la gente non ci sta e manifesta. Proprio da questa realtà due anni fa è partita la proposta di Legge di iniziativa popolare che chiude la Puglia ai rifiuti delle società che non dimostreranno di non aver trovato nel percorso altri siti più vicini.

Il responsabile della discarica di Grottaglie, interviene sulla stampa e se la prende pure con l’Arcivescovo che aveva solidarizzato con i manifestanti. Dice che è disinformato e che interviene ora, mentre tace sulle discariche abusive. E che vorra dire? Quello che fa la differenza sta proprio in chi inquina legalmente. Mica si può manifestare contro gli ignoti. Al massimo si denunciano. Poi dice che i rifiuti vengono dalla nostra area industriale ( ma la grande industria metallurgica tarantina non ha una propria discarica?) e poi si lascia scappare che per mantenere a regime gli impianti prende rifiuti da altre regioni. Dice che la discarica è controllata, ma la puzza nausebonda che si diffonde per chilometri chi la controlla?

Mettesse in chiaro i codice Cer dei rifiuti che arrivano e poi ragioniamo sulle modalità di recupero e smaltimento. Alle porte di Taranto c’è l’Italcave, una Spa che ha terminato il ciclo di produzione e appena eletto Florido presidente della Provincia è riuscita a farsi autorizzare la discarica che ammorba il paese di Statte. Anche ieri i cittadini sono scesi in piazza, ma sono due anni che lottano con il naso tappato.

A Bari la protesta vede in campo anche il Comune di Modugno che chiede una conferenza di servizi. Il comitato pro-ambiente di Modugno ieri ha portato trecento persone sul molo di Bari impendendo alla Sorgenia di trasportare le turbine nel sito dove stanno costruendo una centrale a turbogas. Nel salento è tutto legato alla carenza impiantista, c’è Poggiardo che scoppia ed il problema è trovareun nuovo sito che nessuno vuole. E nessuno parla della raccolta differenziata dei rifiuti che pure nel salento ha qualche bella esperienza.

Giorgio Nebbia, il professore che è tra i fondatori dell’ambientalismo europeo, dieci anni fa proponeva un piano quinquennale sui rifiuti E concludeva: " E se i governi, come sembra, non hanno nessuna voglia di attuare quel cambiamento pur dichiarato nelle leggi dello stato, occorre far crescere un “movimento di liberazione” dai rifiuti." Mi sembra che ci siamo arrivati.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)