Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ambiente? Salute? Territorio? C'è chi svende tutto questo. E c'è invece chi si oppone.

C'è chi dice NO: Esperienze di lotta e di presidio

Sabato 27 ottobre 2007 alle 18.30, al presidio permanente No Discariche, in località La Torre-Caprarica, incontro con esponenti dei presidi di Statte (Taranto) e di Serre (Salerno)
27 ottobre 2007
I comitati contro le Discariche

Manifestazione Acerra Serre, un'estate fa. Serre, Salerno, Campania, Italia. Serre, ovvero oasi di Persano, parco naturale del Wwf. Serre, e il suo caso, simile, forse più grave del nostro. Migliaia di cittadini si oppongono ad una discarica. Una grande differenza con la nostra realtà: una sola: le istituzioni locali (ma non quelle nazionali) sono al fianco dei cittadini. Migliaia di comuni cittadini, presidianti come noi, caricati dalle Forze dell'Ordine. Statte, discarica Italcave. Irregolarità rilevate dal Dipartimento di Prevenzione della Asl Taranto1. Il biogas, composti da ammoniaca, sostanze organiche volatili, acido solforico, ha portato i tecnici a sostenere che la rete di captazione con aspirazione combustibile è del tutto inadeguata. Inoltre, nelle emissioni gassose sono presenti anche benzene, eptano, esano ed altri idrocarburi volatili pericolosi. I cittadini presidiano. Bloccano la discarica. Ad oggi però non si trovano soluzioni adeguate.

Infine noi, a La Torre-Caprarica (in agro di Grottaglie, provincia di Taranto). La Ecolevante Spa vuole ampliare la sua già enorme discarica per rifiuti speciali. Le Istituzioni locali prima danno tutte le autorizzazioni necessarie alla stessa ditta Ecolevante. Poi per anni ignorano le continue richieste dei cittadini contrari al terzo lotto di questa struttura. Infine ora, dopo un mese e mezzo di presidio, si prodigano in un ridicolo scaricabarile (a seguito anche dell'intervento del Vescovo al quale i rappresentanti istituzionali sembrerebbero molto sensibili). Ma intanto nulla si muove. E dalla stampa apprendiamo che il titolare della ditta non sente ragioni. Secondo lui, questa nuova discarica si farà. Secondo lui. Ambiente? Salute? Territorio? C'è chi svende tutto questo. E c'è invece chi si oppone.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)