Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'iniziativa proposta dal Comitato "Taranto Futura"

«Chiudiamo l’Ilva?» Un referendum proverà a sondare i tarantini

Il Comitato nasce con l’obiettivo di stimolare la classe politica ad una severa presa di posizione nei confronti della grande industria, l’Ilva in particolare, imputata del crescente numero di morti per neoplasie. Già chiesto un incontro con il sindaco di Taranto.
2 novembre 2007
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

ILVA di Taranto Prima uscita pubblica per il Comitato referendario per la tutela della salute e del lavoro «Taranto Futura».

Il nuovo organismo è stato presentato alla stampa da alcuni componenti del comitato di base tra cui l’avvocato Nicola Russo, l’architetto Nevio Conte e Claudio Monteduro. Ne fanno parte anche il dottor Patrizio Mazza, Franco Conte, la professoressa Ida Morales, Clara Fornaro, Aldo Tomai, il professor Leonardo Corvace, il dottor Luca Piccione, Maria Carmela Siliberto, Pietro Velluzzi, l’avvocato Giuseppe Carlucci e Emma Cotenna Bellocci.

Il Comitato nasce con l’obiettivo di stimolare la classe politica ad una severa presa di posizione nei confronti della grande industria, l’Ilva in particolare, imputata del crescente numero di morti per neoplasie.

Sino ad oggi, è stato detto, poco o nulla è stato fatto per tutelare la salute dei tarantini e a Taranto l’ipotesi di chiusura del siderurgico viene spesso considerata irrealizzabile e improponibile.

Il Comitato «Taranto Futura», invece, ricordando quanto accaduto in Liguria, con la chiusura dello stabilimento di Cornigliano, e poi i casi di Bagnoli e Piombino, crede fermamente che si possano contemperare il diritto primario alla tutela della salute di lavoratori e cittadini con quello, costituzionalmente garantito, del lavoro. Il testo dei due quesiti referendari, ancora provvisorio, fa espresso riferimento all’immediata ricollocazione dei lavoratori in operazioni di bonifica delle aree dimesse o convertite ad altre attività industriali non inquinanti.

Già chiesto un incontro con il sindaco di Taranto che dovrà provvedere all’indizione del referendum consultivo, per il quale occorrerà raccogliere 5mila firme. Un punto di raccolta sarà l’Ufficio del Giudice di pace di Taranto. Un invito è stato rivolto agli altri comitati e organismi spontanei che si battono per evitare che l’inquinamento a Taranto possa compromettere la salute dei cittadini e le possibilità di futuro sviluppo del territorio. Russo ha sottolineato che l’iniziativa del referendum nasce «dalla crescente preoccupazione per le sorti di una città vittima di un ricatto industriale non più tollerabile.

Il nostro non è qualunquismo, ma voglia di cambiare le cose. Siamo gente onesta, che lavora e che spera che i propri figli e i propri cari possano vivere in un ambiente più sano». Questo il testo dei quesiti elaborati dal Comitato.

Primo quesito: «Volete voi, cittadini di Taranto, al fine di tutelare la vostra salute e quella dei lavoratori contro l’inquinamento, la chiusura dell’Ilva con l’impegno del Governo di tutelare l’occupazione, e, quindi, con l’impiego di lavoratori per la bonifica dell’area in cui sono attualmente situati gli impianti industriali e la destinazione dell’area stessa per altre attività economiche non inquinanti, nonché per lo sviluppo del porto?».

Secondo quesito: «O volete solo la chiusura dell’area a caldo, con conseguente smantellamento dei parchi minerali e con l’impiego dei lavoratori in altre attività?».

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)