Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il dott. Mazza. «Dopo il rione Tamburi, è il Borgo il quartiere dove ci si ammala di più»

Inquinamento, l’AIL: la situazione è grave

A proposito della polemica sulle fontanelle al cimitero, la presidente Ail, Paola D’Andria: «A mio avviso è stato inopportuno da parte del Comune accettare l’aiuto dell’Ilva»
7 novembre 2007
Fonte: Corriere del Giorno

ILVA di Taranto Il tema è di quelli “caldi”. Contro l’inquinamento sono scesi in strada, appena una settimana fa, migliaia di bambini che con l’associazione ideata dal dott. Giuseppe Merico hanno dato vita alla prima marcia sui Tamburi. Hanno sfilato, mascherina alla bocca, proprio a ridosso dell’area industriale del quartiere. Dove il paesaggio si fa marziale, sotto la coltre ferrosa, che col suo colore rossastro ha ridipinto case e scuole. Una manifestazione preceduta dalla fiaccolata della speranza che l’associazione Aiutiamo Ippocrate ha organizzato per sollecitare l’attenzione delle istituzioni sulla ricerca contro il cancro, piaga che affligge la città.

Sulla questione è nato anche un comitato, capeggiato dall’avvocato Nicola Russo che intende chiamare i tarantini a decidere sulla materia ambientale proponendo un referendum, (ne parliamo in questa stessa pagina). Stamattina l’Ail di Taranto ha voluto convocare la stampa nella sua sede di Taranto, in via De Cesare proprio per parlare della “delicata problematica ambientale vissuta dalla città”. «E’ l’OMS a dire che la presenza di benzene, diossine, polveri di ferro è legata all’insorgenza di patologie oncoematologiche - ha esordito la presidente dell’Ail Paola D’Andria.

A farle eco il direttore della struttura complessa di ematologia dell’ospedale Moscati di Taranto, il dott. Patrizio Mazza che è anche vicepresidente dell’Ail. «E’ scientificamente provato come la presenza di inquinanti sia legata a tutta una serie di patologie - ha detto l’ematologo Mazza. Patologie - ha aggiunto - che vanno dalle allergie alle neoplasie».

Il prof. Mazza è a contatto tutti i giorni con la problematica e ha tracciato uno spaccato dell’incidenza di linfomi, mieloma e leucemie, in base all’appartenenza ad un quartiere piuttosto che ad un altro. Il Borgo , in quanto zona più prossima, se si esclude il quartiere Tamburi, all’area industriale detiene il triste primato. «Al Borgo e al quartiere Tamburi - ha detto - e in genere nella parte centrale della città ci si ammala di più. Minore è il numero dei casi tra chi vive a Lama e San Vito. Paolo Vi è un caso a sè». E’ intenzione dell’Ail quella di stilare un vero e proprio elenco . «Il reparto di ematologia è troppo affollato - ha osservato D’Andria richiamando il tema della conferenza.

Abbiamo convocato questo incontro - ha spiegato – per riportare la questione nei termini appropriati. Dopo la polemica sulle fontanelle realizzate grazie all’intervento dell’Ilva all’interno del cimitero c’era bisogno di fare chiarezza. A mio avviso è stato inopportuno - ha proseguito D’Andria - da parte del comune e del sindaco Stefàno accettare l’aiuto dell’Ilva. Prima è necessario che vengano abbassati i livelli di inquinamento.

E’ questo il punto. «L’Ail per fini statutari si occupa di tutela, assistenza e cura dei malati affetti da patologie oncoematologiche. Siamo particolarmente interessati al procedimento Aia (autorizzazione integrata ambientale). La sezione di Taranto dell’Ail ha inviato un documento al ministero dell’ambiente a Regione, Provincia e Comune di Taranto per sollecitare interventi per la grave situazione ambientale in cui versa il capoluogo ionico. La percezione è che anche la coscienza dei cittadini stessi, dei residenti del quartiere Tamburi, si sia svegliata. Noi non chiediamo certo all’Ilva di chiudere, nè crediamo che sia l’unica fonte di inquinamento.

La nostra attenzione è rivolta all’intera zona industriale dove insiste anche l’Eni, ad esempio. In questo momento la percezione è che in tanti, a partire dall’associazione fondata dal dottor Merico, l’associazione di Francesco Ruggieri, le associazioni ambientaliste stiano scendendo in campo». Oggi in conferenza l’Ail ha anche presentato l’ultimo numero della rivista dell’associazione “Obiettivo salute”.

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)