Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Un nuovo record negativo per l'ambiente Italiano

Procedura d’infrazione Ue contro l’Italia per inquinamento dell’aria

L’Italia è tra gli stati membri della Ue nei cui confronti la commissione di Bruxelles ha avviato procedimenti di infrazione per il superamento dei livelli di anidride solforosa nell’aria. Gli altri stati: Francia, Spagna, Slovenia e Regno Unito.
12 novembre 2007
Fonte: e-gazzette

Nuove infrazioni per l'Italia Ne dà notizia lo stesso esecutivo Ue in un comunicato. L'SO2 - si legge nella nota - è un inquinante atmosferico emesso da impianti industriali che può causare problemi respiratori e acuire le patologie cardiovascolari. La Commissione chiede inoltre a 23 Stati membri di inviare informazioni sui provvedimenti che adottano per ridurre il livello del PM10 o particolato (cioè la frazione “grossa” delle particelle trasportate dall'aria) e soddisfare così le norme fissate dall'UE.

Il particolato è emesso dalle industrie e dal traffico e può provocare asma, problemi cardiovascolari, cancro ai polmoni e portare a morte prematura. In circa il 70% delle città europee con almeno 250 000 abitanti vengono superati i valori limite fissati per il PM10 almeno in una zona. I valori limite stabiliti dall'UE per il biossido di zolfo, il PM10 e vari altri inquinanti sono stati fissati in una direttiva del 1999.

Stavros Dimas, commissario all'ambiente, ha dichiarato: “Grazie alla normativa dell'Ue il biossido di zolfo non avvelena più i nostri laghi e non uccide più gli alberi; in alcune zone, tuttavia, c'è ancora un rischio per la salute perché le concentrazioni sono troppo elevate.

Gli Stati membri devono allineare i livelli registrati al loro interno alle norme stabilite dall'UE per tutelare adeguatamente la salute dei cittadini. Il PM10 presenta un rischio ancora più elevato per la salute ed è un problema molto più ampio: per questo dobbiamo sapere che gli Stati membri stanno intervenendo seriamente per evitare che i valori limite continuino ad essere superati”.

Articoli correlati

  • Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS
    Consumo Critico
    Linee guida OMS, qualità aria

    Cittadini per l'aria: le nuove guide OMS

    Intervista ad Anna Gerometta, presidente dell'associazione Cittadini per l'Aria sulle nuove linee guida dell’OMS che sulla qualità dell'aria che suggeriscono limiti più stringenti.
    30 settembre 2021 - Linda Maggiori
  • Inquinamento e cirrosi epatica
    Ecodidattica
    La cirrosi risulta associata all'esposizione a lungo termine a PM10, PM2,5, PM grossolano e NO2

    Inquinamento e cirrosi epatica

    Uno studio di coorte sull'esposizione a lungo termine all'inquinamento atmosferico e sull'incidenza della cirrosi epatica, realizzato da Riccardo Orioli, Angelo Solimini, Paola Michelozzi, Francesco Forastiere, Marina Davoli e Giulia Cesaroni.
    Redazione Ecodidattica
  • L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020
    Ecologia
    Comunicato stampa: "Benzene + 128%"

    L'ILVA produce di meno ma inquina di più nel 2020

    PeaceLink invita il Sindaco di Taranto, il Presidente della Provincia e il Presidente della Regione a inviare alla Commissione Europea e alla CEDU (Corte Europea dei Diritti dell'Uomo) tutta la documentazione per sottolineare l'incompatibilità con la salute pubblica dell'area a caldo dell'ILVA.
    7 dicembre 2020 - Redazione PeaceLink
  • ArcelorMittal: Peacelink, aggravato impatto ambientale 
    Taranto Sociale
    “L'Ilva produce di meno ma inquina di più”

    ArcelorMittal: Peacelink, aggravato impatto ambientale 

    Lo afferma, a proposito di ArcelorMittal, siderurgico di Taranto, l’associazione ambientalista Peacelink che, citando i dati delle centraline pubbliche di rilevazione dell’aria, parla di “+128% di benzene nel 2020 rispetto al 2019 nel quartiere Tamburi di Taranto”,  il rione vicino all’acciaieria.
    7 dicembre 2020 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)