Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ieri a Foggia il Governatore ha innaugurato il salone 'Energea'

Vendola: "Sconti sulle bollette dei pugliesi"

Vendola sull´energia: produciamo più di quanto consumiamo "Diamo all´Italia il 60 per cento della corrente prodotta: ci deve una contropartita"
"No al nucleare, sul quale siamo fuori tempo massimo, e sì alle fonti rinnovabili"
22 novembre 2007

Oggi la Puglia è il primo produttore di energia eolica dItalia No al nucleare, sì alle fonti rinnovabili. Ma la generosità della Puglia nella produzione di energia deve avere un corrispettivo nell´abbattimento delle bollette. Il governatore pugliese, Nichi Vendola, presenta il conto di «una Regione che produce per tre volte l´energia che consuma». Ovvero la filosofia di fondo del Pear: il piano energetico regionale, prossimo alla presa d´atto del consiglio regionale nella seduta del 28 novembre dopo il rinvio decretato dall´assemblea legislativa due giorni fa.

L´occasione per Vendola di rilanciare una vecchia idea è l´inaugurazione di Energea, il salone specializzato sulle fonti rinnovabili e sul risparmio energetico che si tiene nel quartiere della Fiera di Foggia. «Credo che dovremmo avere la forza, crescendo, di porre un problema al governo nazionale: se la Puglia offre al sistema Paese il 60 per cento dell´energia che produce, dovrebbe avere in cambio un abbattimento della bolletta».

Vendola fa sapere che la Puglia non si tirerà indietro, puntando però su sole e vento. Quindi fotovoltaico ed eolico. «Pensiamo di far passare la Puglia dall´attuale potenza di eolico installata, circa 600 megawatt, fino a 1.500 megawatt, che può essere un patrimonio straordinariamente importante per il nostro parco energetico. Coloro che immaginano uno sviluppo fatto solo si orecchiette e bel mare - ha aggiunto il governatore - fanno un calcolo sbagliato.

E allora la Puglia, che già è un polo energetico fondamentale e che purtroppo lo è in settori che hanno anche effetti devastanti dal punto di vista dell´inquinamento, si candida a diventare uno dei poli principali d´Europa in termini di energie rinnovabili, non soltanto un´alternativa all´inquinamento che purtroppo i combustibili fossili producono, ma che hanno anche un indotto dal punto di vista dell´innovazione, dei processi di innovazione dal punto di vista anche dell´industria della componentistica».

Sole e vento, insomma. «Siamo questo e dobbiamo essere in grado di non subire la vergogna che i paesi che non hanno né sole né vento sfruttano l´energia solare ed eolica già da molto tempo. Oggi la Puglia è il primo produttore di energia eolica d´Italia». Se questa è la rotta, per il nucleare, che pure fa capolino nel dibattito nazionale, la strada pugliese è ostruita. «Siamo fuori tempo massimo», avverte Vendola. «Non abbiamo la possibilità, fortunatamente dico io, di impiantare un ciclo che avrebbe bisogno di 15 o di 20 anni per essere impiantato.

Abbiamo fatto una pessima esperienza perché le centrali di Caorso, di Montalto di Castro erano archeologia industriale, erano i brevetti che gli Stati Uniti d´America non mettevano più in funzione». Ma non è solo una questione di tempi. Vendola lo ribadisce prendendo spunto dal vicino caso di Scanzano: «Negli Usa, come in Francia e in Italia, il problema fondamentale, dove si smaltiscono le scorie radioattive, non ha mai avuto una risposta.

Vorrei ricordare, soprattutto all´ex presidente del Consiglio Berlusconi, il quale ha addirittura scritto che il nucleare è l´unica alternativa e che le energie rinnovabili sono sostanzialmente un palliativo, vorrei ricordare che appena ieri abbiamo avuto tutti un confronto drammatico sulla discarica in Lucania su cosa fare a Scanzano, perché quell´argomento dell´abbattimento di una radioattività che ha decine di migliaia di anni, se non addirittura milioni di anni, non è mai stato risolto. Quindi, per quanto mi riguarda, se si intende continuare la ricerca, bisogna farlo sempre».

Come il caso della ricerca sul carbone pulito che da presidente Vendola consentirà per l´Ansaldo caldaie di Gioia del Colle. «Nell´attualità del nostro sistema - ha concluso - la grande chance è rappresentata dall´eolico, dal solare termico e dal fotovoltaico, alle biomasse e dal risparmio energetico: questo è un modo corretto di affrontare il problema».

Articoli correlati

  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)