Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La Commissione Ambiente boccia il Rigassificatore e il Sindaco Stefàno, accompagnato dall’assessore Pastore, oggi a Roma per un vertice col ministro dell'Ambiente Pecorario Scanio

Rigassificatore? No Grazie

A rispedire al mittente il progetto di Gas Natural non sono le associazioni ambientaliste, ma la commissione Ecologia e Ambiente del Comune di Taranto. Approvato un documento che sarà sottoposto al vaglio del Consiglio comunale
6 dicembre 2007
Fonte: Corriere del Giorno

. L’organismo, presieduto da Gabriele Pugliese dei Verdi ha approvato un documento che nei prossimi giorni sarà sottoposto all’attenzione dell’intero Consiglio comunale al fine di trasformarlo in atto di indirizzo e di inviarlo alle Commissioni Via (Valutazione di Impatto Ambientale) rispettivamente della Regione e del Ministero dell’Ambiente, nonché al Ministero delle Infrastrutture e al Ministero dello Sviluppo Economico.

“Tale deliberazione - spiega Pugliese - ha lo specifico scopo di motivare nel merito delle questioni ambientali e di analisi del rischio le ragioni della opposizione totale al progetto”. Il documento in premessa considera la Convenzione di Aarhus (recepita con legge 108/2001) che assegna ai cittadini il diritto di essere consultati preventivamente per le scelte ambientali.

Ambiente: vivo dibattito tra amministratori e studenti
Successo del progetto dal titolo “L’educazione alla salute ambientale e civica”, promosso dal Comune di Taranto e organizzato dall’Assessorato Cultura e Turismo, che ha portato, nei primi incontri presso le scuole “Q. Ennio”, “Righi”, “Archita”, “Battaglini” e “Pitagora”, un serio e maturo riscontro fra gli studenti che vi hanno preso parte ed i relatori. A renderlo noto è l’assessore Angela Mignogna, che mette in primo piano che l’iniziativa, puntando alla diffusione, fra i giovani, di una maggiore sensibilità alle questioni relative all’ambiente, alla salute, al senso civico soprattutto nell’ambito della prevenzione, ha visto, i preziosi contributi di tutti gli amministratori. Tra questi l’assessore all’Ecologia Ambiente, Sanità e Protezione Civile, dell’assessore alla Pubblica Istruzione e Università, di medici quali Ippazio Stefàno, anche sindaco di Taranto, di Giovanni Orlando, Gianfranco Orbello e ancora di Gabriele Pugliese, presidente della Commissione Ambiente e di Vito Basile, Consigliere comunale. Gli incontri che seguiranno il calendario scolastico, riprenderanno dopo la pausa delle festività natalizie.
“L’articolo 23 del Decreto Legislativo 334/1999 (Seveso II) all’art. 23 prevede al comma 1 che la popolazione deve essere messa in grado di esprimere il proprio parere nei casi di (...) creazione di nuovi insediamenti e infrastrutture attorno agli stabilimenti esistenti.

Tale articolo al comma 2 specifica: Il parere di cui al comma 1 è espresso nell’ambito del procedimento di formazione dello strumento urbanistico o del procedimento di valutazione di impatto ambientale con le modalità stabilite dalle regioni o dal Ministro dell’ambiente, secondo le rispettive competenze, che possono prevedere la possibilità di utilizzare la conferenza di servizi con la partecipazione dei rappresentanti istituzionali, delle imprese, dei lavoratori e della società civile, qualora si ravvisi la necessità di comporre conflitti in ordine alla costruzione di nuovi stabilimenti, alla delocalizzazione di impianti nonché alla urbanizzazione del territorio".

L’atto d’indirizzo ricorda poi che in questi mesi è sorto in città un movimento di opinione contrario al rigassificatore che “si è espresso in varie forme sul territorio e sui media locali” e che “nessuna attività industriale può prescindere dall’accettazione o dalla non accettazione sociale dei rischi connessi e che quindi in una democrazia spetta alla valutazione della comunità locale l’onere finale della scelta in merito all’accettazione o non accettazione del rischio, per quanto limitato esso sia”.

Inoltre, la Commissione Ambiente del Comune ritiene che “ogni rischio va comparato con presunti o effettivi benefici e che i presunti benefici economici dell’impianto di rigassificazione vanno comparati con rischi di incidente rilevante che potrebbe ripercuotersi sulla sicurezza dell’intera comunità”. Da qui la decisione di esprimere “parere contrario all’impianto di rigassificazione nel sito individuato dalla Gas Natural per la presenza di varie criticità e obiezioni ad oggi da considerarsi rilevanti”

Intanto a Roma, il ministero dell’Ambiente riceverà il Sindaco Stefàno e l'Assessore Bruno Pastore. Sull’oggetto inutile girarci intorno, visto che di materiale da approfondire ce n’è: emissioni inquinanti, protocolli internazionali, atti d’intesa locali, controlli, diossina, rapporti con l’Ilva... a parte Cementir ed Eni. La città che respira male e soffre i tumori si rivolge al ministro dell’Ambiente per fare il punto e tentare l’ossigenazione.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)