Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Riceviamo e pubblichiamo la seguente lettera aperta

Lettera aperta al sindaco anzi, al noto medico...

E’ possibile che nessuno tra tutte le Autorità, si sia mai accorto di ciò che il grande gigante, seminatore di morte, scarica impunemente nel cielo di Taranto a tutte le ore del giorno e della notte. E’ possibile che gli incarichi politici, riescano a distogliere persone come Lei da quelli che sono gli struggenti problemi che affliggono molti dei Suoi amministrati per il male inguaribile?
6 febbraio 2008
Fonte: Corriere del Giorno

Esimio Sindaco Stefàno,

ILVA di Taranto Le scrivo questa mia dopo aver a lungo riflettuto circa l’opportunità o meno di farlo; alla fine ha prevalso in me il convincimento positivo, derivato proprio da quella necessità di cui Ella ha parlato nel corso della intervista resa alla emittente televisiva locale "BS" il 25 gennaio scorso e della quale ho captato pochi concetti, nel fare lo zapping durante la martellante pubblicità del canale sul quale ero sintonizzato. Le scrivo, quindi, e mi riferisco alle Sue puntualizzazioni formulate, in vero con tono alquanto concitato - derivante, forse, da una provocazione del conduttore della trasmissione - relative all’assunzione di 119 giovani laureati tarantini (ingegneri, se non vado errato) presso l’Ilva di Taranto, ed alla necessità che tutti i tarantini partecipino e contribuiscano alla rinascita della nostra tanto bistrattata città anche con piccole cose, come quelle di astenersi dal gettare dal finestrino della loro auto in corsa, carte, fazzoletti et.... similia, e di svuotare sulla strada medesima i portacenere ricolmi di mozziconi e di ogni altra cosa.

E giustissimo l’invito rivolto alla cittadinanza in merito alla partecipazione alla rinascita; tuttavia, io, da uomo della strada che assiste al gravissimo dramma che vive la nostra Taranto circa la condizione sanitaria, Le chiedo cosa sta facendo l’Amministrazione locale per far si che la città perda il nefasto primato di essere la città con la più alta percentuale di persone colpite da tumore!

Mi rivolgo a Lei, prima ancora che all’uomo Sindaco, come uomo Medico che tanto ha fatto in campo sanitario in favore del prossimo e, principalmente, dei bambini. E’ possibile che gli incarichi politici, mi chiedo, riescano a distogliere persone come Lei da quelli che sono gli struggenti problemi che affliggono molti dei Suoi amministrati per il male inguaribile? E’ possibile che nessuno tra tutte le Autorità che contano nella nostra città, si sia mai accorto di ciò che il grande gigante, seminatore di morte, scarica impunemente nel cielo di Taranto a tutte le ore, di giorno e... figuriamoci quello che scarica di notte!

Può essere che sia solo io a denunziare questa drammatica circostanza che non solo è sotto gli occhi di tutti, ma anche di quelli che giungono nella nostra città ed ai quali si offre l’orrendo spettacolo di una città sommersa da una cappa di fumi, dai più disparati colori, scaricati dalle ciminiere del mostro d’acciaio?

Sì, i fumi bianchi sono costituiti da vapore; ma non mi si venga a dire che tutti gli altri, dai colori più disparati, sono stati trattati con coloranti - magari benefici per la salute pubblica - per rendere più amena la cartolina di Taranto, come l’albero di pino che, ricorderanno quelli della mia età, era immancabile nella fotografia del Vesuvio a Napoli! Se poi si va al Cimitero si assiste all’inverecondo spettacolo del tutto rosso; le strade, le cappelle, le tombe. E che dire del popoloso quartiere dei Tamburi; che aria respira quella povera gente?

Ecco, dottore, il mio fattivo contributo per la rinascita della nostra città di Taranto che, fra breve, diverrà, per i riti della Settimana Santa, meta di migliaia e migliaia di turisti provenienti da ogni parte, oserei dire, del mondo: ad essi noi offriremo questo indegno spettacolo, che non è certamente frutto della mancata collaborazione dei Suoi cittadini, ma della inerzia di qualcuno al quale compete l’azione.

Mi rendo conto che i problemi testé menzionati sono di una vastissima ed impegnativa portata: tuttavia mi rendo conto, altresì, che non si riesce a far nulla anche per problemi più facilmente e tempestivamente risolvibili, come il randagismo di branchi di cani che seminano il terrore in più parti della città perchè mettono in pericolo la salute e la incolumità dei viandanti. Ho voluto citare quest’altra piaga, perché mi risulta che Ella è già stata interessata al problema con una petizione di un gruppo di cittadini della zona in cui abito.

Non me ne voglia per questo mio sfogo e per qualche punta di ironia manifestata: essa è la conseguenza non della provocazione di un conduttore televisivo, ma della constatazione che nulla si fa per la salute e la tutela dei cittadini e della consapevolezza che il cittadino, di fronte a tanto scempio, non può far altro che rimanere impotente.

La ringrazio per avermi concesso qualche minuto della Sua attenzione e Le auguro un buon e fattivo lavoro per questa nostra città.

Lettera firmata

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)