Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Florido frena il terzo lotto

Ieri mattina l’incontro in Provincia tra la delegazione dei “No discariche” e il presidente, che ha annunciato d’aver riaperto il procedimento autorizzativo per il sito della Ecolevante. La palla passa al comitato tecnico provinciale, ma ci saranno anche controlli e carotaggi
12 marzo 2008
Salvatore Savoia
Fonte: Corriere del Giorno

- GROTTAGLIE – È stato avviato l’iter per la riapertura del procedimento autorizzativo relativo all’ampliamento della discarica per rifiuti speciali ubicata in località “La Torre –Caprarica” e gestita dall’“ Ecolevante s.p.a.”. A comunicarlo è Ciro D’Alò, a margine dell’incontro svoltosi ieri mattina in Provincia tra una delegazione del presidio permanente “No discariche” e il presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido.

L’incontro, al quale hanno preso parte l’assessore provinciale all’Ambiente, Michele Conserva, e il consigliere provinciale Giampiero Mancarelli, è scaturito a seguito del sit-in di ieri mattina dinanzi al Palazzo della Provincia che ha visto la partecipazione di circa un centinaio di cittadini che hanno chiesto l’annullamento in via di autotutela dei provvedimenti relativi all’entrata in esercizio del terzo lotto. «Tutte le autorizzazioni – ha dichiarato Ciro D’Alò – saranno sottoposte alla valutazione del comitato tecnico provinciale per l’adozione dei provvedimenti consequenziali».

Intanto per venerdì mattina, alle ore 10, è fissato un tavolo tecnico in Provincia tra il dirigente del settore Ambiente ed Ecologia, Luigi Romandini, ed una delegazione del presidio permanente “No discariche”, con il compito di definire i controlli che saranno effettuati presso le discariche di Grottaglie (“Ecolevante”) e di Fragagnano (“Vergine”).

«Durante l’incontro – ci ha detto Ciro D’Alò – il presidente della Provincia di Taranto, Gianni Florido, ha garantito che non sarà autorizzato nessun quarto lotto della discarica gestita dall’“Ecolevante s.p.a.”. E sempre in merito ai controlli e agli odori nauseabondi che in questi giorni stanno interessando le zone circostanti l’impianto per lo smaltimento dei rifiuti speciali – ha aggiunto D’Alò – venerdì il dirigenteRomandini ci comunicherà un numero telefonico al quale potremo rivolgere le nostre segnalazioni. Inoltre ci è stato assicurato che saranno effettuati dei carotaggi».

Per Ciro D’Alò è sicuramente positivo l’atteggiamento assunto dalla Provincia in merito ai controlli. «È indubbiamente positivo il coinvolgimento del presidio nella determinazione dei controlli che dovranno essere effettuati. È anche necessario che siaun riscontro immediato». In merito all’avvio del procedimento di annullamento in via di autotutela degli atti di competenza della Provincia relativi all’entrata in esercizio del terzo lotto, questo il commento di D’Alò: «È già qualcosa, comunque il semplice avvio del procedimento di annullamento in via di autotutela non ci soddisfa pienamente».

Intanto durante il vertice, come ci ha riferito Ciro D’Alò, il dirigente del settore Ambiente ed Ecologia ha annunciato la decisione dell’“Ecolevante s.p.a.”, comunicata al prefetto, di non voler più ricevere i rifiuti solidi urbani provenienti dal bacino “Lecce 2” e previamente trattati nell’impianto di Poggiardo.

Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)