Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Ecco il villaggio delle energie rinnovabili

Progetto dell'Università: sarà realizzato nella zona industriale di Tricase
Investimento previsto di 100 milioni di euro su un'area di 150 ettari che prima ospitava il tessile-abbigliamento. Un villaggio delle energie rinnovabili per ridare fiato a uno dei distretti produttivi più colpiti dalla crisi del manifatturiero
23 aprile 2008
Antonio Della Rocca
Fonte: Corriere del Mezzogiorno

- LECCE — L'idea è del dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione dell'Università del Salento che ha già messo su carta il progetto «Tri Energy - Energia viva», sviluppato ad hoc per la zona industriale di Tricase: 150 ettari di estensione che, dopo la crisi del calzaturiero, rischiano una fine desolante. Ispirato dal professor Valerio Elia, docente di Economia alla facoltà di Ingegneria dell'Ateneo salentino, e poi sviluppato insieme allo studio «Madruzza e associati» di Padova, il progetto diventa una vera e propria scommessa in un contesto produttivo ormai asfissiato dalla concorrenza dei paesi in via di sviluppo.

Terminata la fase progettuale, sono state già avviate le intese. Prime fra tutte quelle con i partner istituzionali e con le aziende che troveranno spazio nel parco. Tra queste hanno manifestato interesse «Sorgenia» del gruppo De Benedetti, la foggiana «Fortore Energia» e la milanese «Solars Venture». Sul versante istituzionale, porte aperte per Unione europea, Stato italiano, Regione Puglia, Provincia di Lecce e Comuni dell'area tricasina.

D'altra parte, la stessa università ha stimato in circa 100 milioni di euro la somma necessaria per dar vita al villaggio. Una struttura unica al mondo, secondo i progettisti, in cui si svilupperà l'intera filiera produttiva nel campo delle energie rinnovabili, in particolare quelle che si alimentano con il sole: fotovoltaico, termodinamico, camini solari. Accanto ai poli produttivi sono previsti laboratori avanzati per i test e la validazioni delle apparecchiature, laboratori di ricerca, e un grande dimostratore inglobato in una struttura architettonica avveniristica in vetro e pietra nella quale saranno esposte tutte le tecnologie prodotte.

Articoli correlati

  • L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze
    Ecologia
    Il portale pugliese per le segnalazioni degli eventi odorigeni

    L'ARPA Puglia ha un nuovo strumento per segnalare le puzze

    Come funziona l'attività di monitoraggio alle emissioni odorigene in Puglia? Quello delle puzze è un fenomeno spesso segnalato dai cittadini che vivono vicino alle discariche, agli oleifici e alle fabbriche.
    21 giugno 2021 - Fulvia Gravame
  • “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia
    Disarmo
    Le iniziative del movimento BDS (Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni)

    “Basta armi al colonialismo”: il business israeliano e la cooperazione con l'Italia

    L’accordo per la cooperazione scientifica e tecnologica si integra con quello specificamente militare poiché le armi sono sempre più legate allo sviluppo dell’intelligenza artificiale e alla robotica
    31 marzo 2019 - Rossana De Simone
  • Ecodidattica
    Lo stato di salute della Puglia

    Analisi delle cause di decesso in Puglia

    Gli open data ed l'elaborazione statistica statistica hanno consentito questi risultati
    23 marzo 2018 - Antonello Russo
  • Disarmo
    Approvata il 4 luglio 2017

    Puglia, mozione per il disarmo nucleare

    Il Consiglio Regionale della Puglia impegnano il Presidente della Regione e la Giunta regionale a richiedere al Governo nazionale di rispettare il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari e, attenendosi a quanto da esso stabilito, a porre in essere iniziative finalizzate alla rimozione da parte degli Stati Uniti d’America di qualsiasi arma nucleare dal territorio italiano e alla loro rinuncia a installarvi i nuovi ordigni B61-12 e qualsivoglia altra arma nucleare.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)