Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Vendola: C'è un problema di bonifica delle bonifiche

Per quale motivo lo sviluppo del sud deve essere una fotocopia sbiadita dello sviluppo del nord? Per quale motivo lo sviluppo del sud deve assomigliare al passato recente del nord?". Invece, il sud, "potrebbe essere davvero un’altra cosa, dal punto di vista del modello industriale, se puntasse ad esempio sullo sviluppo delle energie rinnovabili, come un comparto economico, come la vera industria del futuro - Lo ha detto il governatore Nichi Vendola al convegno di Mediterre
9 maggio 2008
Fonte: Corriere del Giorno

BARI - "Le bonifiche non sono tutte uguali, anzi se uno si immerge nelle vicende di una regione vicina alla Puglia si può accorgere che c’è un problema di bonifica delle bonifiche, che le bonifiche possono essere un pezzo del problema e non un pezzo della risoluzione del problema".

Nichi Vendola, Presidente della Regione Puglia Lo ha affermato il presidente della Regione Puglia, Nichi Vendola, intervenendo ad un convegno sul tema dell’ambiente e dei rifiuti nell’ambito di Mediterre 2008, organizzato dall’Assesorato all’Ecologia della Regione Puglia. "Non soltanto - ha spiegato Vendola - perchè ci sono territori che vivono prigionieri di viluppi criminali, camorristi, ma perchè c’è proprio una filosofia che bisogna contrastare in partenza; quella per la quale il tema del disinquinamento è il completamento del ciclo dell’inquinamento".

Secondo Vendola, "disinquinamento e inquinamento compongono un ciclo integrato, sono un ciclo intero e spesso può succedere, in questa stupefacente meraviglia della globalizzazione in tecnicolor che le aziende protagoniste dell’inquinamento più catastrofico siano anche quelle dotate delle migliori tecnologie per il disinquinamento e, quindi, guadagnano due volte, perchè inquinano e perchè disinquinano e il punto - ha aggiunto il presidente - è che noi non possiamo immaginare di essere ostaggi di questo circolo vizioso.

Il punto è: come si costruisce un’economia che non inquina, che inquina il meno possibile, che non mette nel conto e nel calcolo anche i costi che servono per ammortizzare i danni prodotti all’ambiente". Ed aggiunge ecco perchè "dobbiamo ragionare a monte, cioè dobbiamo affrontare di petto la qualità dello sviluppo economico, i modelli di industrializzazione" ma senza adottare per il sud d’Italia "il medesimo modello, in ritardo, dell’industrializzazione che c’è già stata al nord.

Per quale motivo - si chiede Vendola - lo sviluppo del sud deve essere una fotocopia sbiadita dello sviluppo del nord? Per quale motivo lo sviluppo del sud deve assomigliare al passato recente del nord?". Invece, il sud, secondo il presidente, "potrebbe essere davvero un’altra cosa, dal punto di vista del modello industriale, se puntasse ad esempio sullo sviluppo delle energie rinnovabili, come un comparto economico, come la vera industria del futuro".

La Regione Puglia "non sta nella condizione della regione Campania e della regione Lazio sul ciclo dei rifiuti, non per miracolo, ma perchè abbiamo lavorato alacremente per toglierci dalla condizione di regione sottoposta a infrazione comunitaria".

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)