Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Inquinamento all'ILVA di Taranto, ecco la legge

Dimezzare le emissioni di diossina entro il primo aprile del 2009. Per poi scendere entro il 31 dicembre di nove volte, raggiungendo così quello 0,4 previsto dalla normativa europea. In caso contrario l´azienda dovrà chiudere.
11 novembre 2008
Giuliano Foschini
Fonte: Repubblica

-
Dimezzare le emissioni di diossina entro il primo aprile del 2009. Per poi scendere entro il 31 dicembre di nove volte, raggiungendo così quello 0,4 previsto dalla normativa europea.

In caso contrario l´azienda dovrà chiudere. Il presidente della Regione, Nichi Vendola, presenterà oggi in giunta il disegno di legge regionale anti diossina. La legge per fermare l´Ilva di Taranto.

Il testo si articolerà in un articolo unico, composto di quattro commi. Il primo regola il campo di applicazione delle norme: la norma varrà per le industrie primarie e secondarie del ferro, dell´acciaio e del rame.

Verranno inoltre calcolate soltanto le diossine dannose per l´uomo e non tutta l´intera gamma, come prevede oggi la legge italiana. Così come prevede il decreto di Aarhus (approvato nel 2004 dal Consiglio europeo, recepito nel 2006 dalla legge italiana ma mai applicato), «tutti gli impianti di nuova realizzazione - si legge nel testo della legge - non dovranno superare i 0,4 nanogrammi di emissione». Discorso diverso vale invece per gli impianti già esistente. E cioè per l´Ilva di Taranto. A partire dal primo aprile del 2009 le emissioni non dovranno superare i 2,5 nanogrammi mentre dal 31 dicembre del 2010 dovranno rispettare il limite dello 0,4. A febbraio del 2008 l´Ilva emetteva dai 4,4 agli 8,1 nanogrammi. Ma a giugno, quando è stata utilizzato il sistema dell´urea (che esercita una funzione inibitrice) ha dimostrato di poter scendere anche a 0,9.

«Questo significa - spiegano dalla Regione - che non stiamo chiedendo all´azienda l´impossibile. Abbiamo però il dovere di obbligare l´Ilva a utilizzare le migliori tecnologie possibili per rendere più respirabile l´aria di Taranto». Il disegno prevede che entro novanta giorni dall´entrata in vigore della norma, i gestori degli impianti dovranno elaborare un piano per il campionamento in continuo dei gas di scarico (interamente a spese loro) e poi presentarlo all´Arpa per la validazione e il successivo controllo. Sarà l´Arpa poi a provvedere a effettuare verifiche a campione per valutare l´effettiva attuazione dei piani e la loro efficacia. In caso di superamento dei limiti, l´Arpa dovrà comunicarlo immediatamente all´assessorato all´Ecologia che diffiderà il gestore dell´impianto dal rientrare dal superamento entro 60 giorni. Se non accadrà, la fabbrica dovrà chiudere: le modalità di riattivazione dovranno poi essere definite in un´apposita Conferenza dei servizi dopo però l´individuazione e la rimozione delle cause che hanno determinato il superamento dei valori limite.

La legge trova spunto dal lavoro fatto in questi anni dagli uffici regionali e in particolare dall´Arpa. L´Agenzia regionale per l´ambiente, il 15 luglio scorso, trasmise al ministero una relazione nella quale - indicando tutta una serie di dati - parlavano a Taranto di «una situazione fortemente degradata dal punto di vista ambientale e sanitario» e metteva in evidenza alcuni aspetti fra i quali «la necessità di definire i limiti emissivi e di portare l´emissione ai livelli più bassi ottenibili», e cioè a quello 0,4 oggi indicato dal testo Vendola. Contro questa relazione si era però scagliato il ministero che aveva ritenuto «non valide ai fini dell´individuazione di limiti più restrittivo» le rilevazioni effettuati. Sosteneva infatti che erano state effettuate con metodi non previsti dalla normativa.

I limiti che la Regione andrà ora a imporre tramite la legge regionale, inoltre, sono sempre stati considerati «troppo restrittivi» dall´azienda. Che, infatti, nel cronoprogramma ufficialmente presentato al ministero dell´Ambiente in vista dell´Autorizzazione integrata ambientale (Aia) aveva indicato parametri più elevati. Proprio attorno all´Aia in questi giorni si sono sollevate una serie di polemiche tecniche e soprattutto politiche. Che però, qualora la norma proposta da Vendola dovrebbe essere approvata, si svuoterebbero di significato: si fa come prevede la norma regionale. L´Ilva quindi o si adegua o chiude.

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)