Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

ILVA, guerra aperta tra regione e governo

Abbattere le emissioni nocive o sospendere le attività: l´Ilva adesso è a un bivio. Il ministro: con quella legge chiude in quattro mesi. Vendola: venga qui. La legge riduce drasticamente il tetto in materia di emissioni di diossina.
12 novembre 2008
Paolo Russo
Fonte: Repubblica

-
La Puglia di Nichi Vendola ha messo un tetto alla diossina. La giunta regionale ha varato ieri il disegno di legge che impedirà alla fabbrica di Taranto di emettere ancora morte dalle proprie ciminiere. Con l´imminente approvazione del consiglio regionale di questo provvedimento, la Puglia sarà la prima regione italiana a dotarsi di una legge contro i veleni. "Non è una legge contro l´Ilva ma è una legge per ridare ossigeno a una città che sta soffocando", ha sottolineato Vendola, tendendo la mano al governo Berlusconi: "Facciamo un patto per salvare Taranto", ha proposto il governatore.

Ma la risposta del ministro per l´Ambiente, Stefania Prestigiacomo è stata raggelante: "Se questa legge passa, l´Ilva chiude in 4 mesi" ha replicato il ministro respingendo al mittente l´invito alla collaborazione. La legge regionale contro la diossina sarà approvata entro dicembre. Ma il dialogo con Berlusconi è già finito.

Diciassette cartelle dattiloscritte, un solo articolo, diviso in quattro commi. Eppure questo snello disegno di legge da solo potrebbe riuscire a fermare il colosso siderurgico più grande d´Europa. Le disposizioni inserite dall´assessore all´Ecologia, Michele Losappio, nel provvedimento, parlano chiaro: l´Ilva, che attualmente immette nell´atmosfera di Taranto da 4,4 a 8,1 nanogrammi di diossina, dovrà ridurre le emissioni a 2,5 nanogrammi entro il prossimo aprile. Per poi abbatterle definitivamente a 0,4 nanogrammi entro il 31 dicembre 2010.

In pratica, la Regione, chiederà all´Ilva di attenersi con due anni di anticipo al Protocollo di Aarhus, approvato dal consiglio dell´Unione europea nel 2004 ma mai applicato dall´Italia, dove il limite massimo di emissioni di diossina è fissato al valore di 10 nanogrammi.

Il sindaco di Taranto esulta "Questa è una tappa storica"
"E´ una tappa storica per questa regione e per Taranto" con queste parole il sindaco della città jonica, Ippazio Stefàno ha accolto il disegno di legge. "Da qui comincia la rinascita della città - ha aggiunto - l´amministrazione comunale adesso farà la sua anche per ridurre l´inquinamento da traffico: tutto questo è solo l´inizio di un grande lavoro".

Soddisfazione è stata espressa anche dal presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Florido che ha sottolineato: "E´ stata invertita una rotta. Il disegno di legge induce fiducia nella popolazione che, finalmente, vede un´attenzione particolare ai problemi posti". Anche il sindaco di Statte, altro comune dove l´Ilva affonda le sue radici: "Vengono finalmente stabiliti i tempi - ha sottolineato Angelo Miccoli - per l´abbattimento della diossina. E´ la soluzione definitiva al dilemma storico che è quello di coniugare lo sviluppo alla tutela della salute". "L´ammodernamento dell´Ilva è una priorità non più rinviabile, per la tutela della salute degli abitanti di Taranto e il rilancio di un´industria più pulita e moderna.

Condividiamo pienamente gli obiettivi indicati nella bozza di legge presentata dal presidente della Regione Puglia per tagliare le emissioni dello stabilimento siderurgico più inquinante d´Italia": così Legambiente, in una nota firmata dal presidente nazionale Vittorio Cogliati Dezza, il presidente di Legambiente Puglia, Francesco Tarantini, ha espresso il proprio apprezzamento per il disegno di legge di Nichi Vendola per la riduzione delle emissioni industriali di sostanze inquinanti.

Critica l´opposizione: "Con Vendola alla Regione Puglia vige la politica dell´annuncio e governa solo la demagogia", ha dichiarato il coordinatore regionale di Forza Italia Antonio Distaso. Più morbida la linea di Rocco Palese: "Che l´Ilva riduca le immissioni di diossina è certamente auspicabile e in questo senso ben venga questa proposta di legge. Quel che non convince è la modalità improvvisamente rigida con cui il presidente Vendola pretende di raggiungere questo obiettivo".
Per questo, il direttore dell´Arpa Puglia, Giorgio Assennato, ha espresso grande soddisfazione per il provvedimento varato dalla Regione: "Una legge seria, realistica, che pone fine ad una situazione scandalosa, unica al mondo. Perchè l´Italia ha una legge scandalosa che non pone limiti alle emissioni". Adesso i limiti ci sono. Se l´Ilva dovesse superarli avrebbe sessanta giorni di tempo per rimettersi in regola. Altrimenti la Regione potrà imporre lo stop alle ciminiere.

Da Taranto il presidente Vendola vorrebbe estendere la rivolta anti diossina alle altre regioni italiane. Ma dopo le polemiche a mezzo stampa delle scorse settimane il governatore adesso cerca il dialogo con il governo.

La legge, infatti, rischia di essere immediatamente impugnata perché dovrebbe spettare al governo centrale e non agli enti locali imporre simili paletti.

Per questo Vendola ha teso la mano a Berlusconi e ha invitato a Taranto Stefania Prestigiacomo. Ma il ministro per l´Ambiente ha respinto al mittente il ramoscello d´ulivo: "Sono esterrefatta dall´iniziativa di Vendola - ha sottolineato il ministro per l´Ambiente - questa legge implicherebbe la chiusura dello stabilimento entro 4 mesi: un dato che il Presidente della Regione Puglia ben conosce e che rischia di innescare un problema sociale di enorme portata per Taranto e per la Puglia".

La replica della Regione è affidata a Losappio: "Il ministro parla da proprietario dell´Ilva con zelo confindustriale. Ci saremmo aspettato una protesta da Emilia Riva invece è il governo Berlusconi a non volere la riduzione della diossina".

Articoli correlati

  • “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”
    Taranto Sociale
    Manifestazione "Stop al sacrificio di Taranto" del 22 maggio 2022

    “Una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità”

    Io la malattia la vivo nel mio corpo, in lotta da un anno contro la leucemia. Noi abbiamo un potere, abbiamo la possibilità di sovvertire quest’ordine di ingiustizie. Non aspettiamo che siano gli altri a trovare la soluzione per noi, la soluzione siamo noi
    23 maggio 2022 - Celeste Fortunato
  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)