Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Rigassificatore a Brindisi la Regione non dà la "Via"

Il comitato regionale VIA ha espresso parere negativo sul progetto di rigassificatore nell’area di Capobianco a Brindisi, presentato dalla Società Brindisi Lng. L'assessore Losappio ha espresso "grande apprezzamento"
4 dicembre 2008
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

-
BARI - Il comitato regionale della Puglia di 'Valutazione d’Impatto Ambientalè (Via) ha espresso parere negativo sul progetto di rigassificatore nell’area di Capobianco a Brindisi, presentato dalla Società Brindisi Lng, costituita ad hoc dalla British Gas.

Ne dà notizia la Regione Puglia con una nota nella quale si spiega che il parere non favorevole sarà ora presentato alla giunta regionale, "per un eventuale recepimento con delibera, e successivamente esplicitato al ministero dell’Ambiente dove è in corso la procedura di Via nazionale e a cui spetta rilasciare la Valutazione".

Il rigassificatore è in avanzato stato di costruzione e si sarebbe dovuto completare nel 2009. La realizzazione dei lavori è stata avviata un paio di anni fa ed è una delle questioni che ha aggregato trasversalmente nel 'nò le amministrazioni locali, da quella di centrodestra del Comune a quelle di centrosinistra di Provincia e Regione, mentre a livello nazionale si sono espressi favorevolmente sia il governo di Prodi sia quelli di Berlusconi.

L'assessore regionale pugliese all’ecologia, Michele Losappio, ha espresso "grande apprezzamento per la professionalità e la competenza del Comitato Via che anche in questa complessa vicenda ha mostrato ancora una volta di disporre della perizia tecnica e del senso di equilibrio necessari".

Tra i motivi che hanno portato il Comitato regionale ad esprimere parere negativo sul progetto di rigassificatore a Brindisi c'è che "l'impianto – si spiega nella nota della Regione – avrebbe dovuto sorgere in un Sito di Interesse Nazionale (Sin) oggetto di lunghe e complesse procedure di bonifica, con uno Studio di impatto ambientale (Sia) che a giudizio del Comitato contiene una valutazione poco approfondita dei dragaggi; non affronta sufficientemente la interferenza con la falda e le conseguenze dell’attività del rigassificatore sulla temperatura delle acque del porto; non specifica la fonte di provenienza degli inerti necessari in grande quantità; non spiega come sarà possibile collegare l’impianto al metanodotto Massafra-Biccari, giacchè il progetto di bretella della Snam è stato da alcuni anni respinto dalla Regione sulla base di una valutazione di incidenza negativa ed anche perchè le ipotesi di un ciclo virtuoso con il tessuto economico e sociale della zona sono solo indicate ma non precisate nel concreto, a partire dal ciclo del freddo".

Articoli correlati

  • Inquinavano e credevano in Dio
    Ecologia
    Il fervido cattolicesimo dei Riva

    Inquinavano e credevano in Dio

    E' crollato definitivamente il sistema di potere che veniva benedetto e celebrato a Pasqua e Natale in fabbrica, con generose donazioni dai Riva all'ex arcivescovo di Taranto monsignor Benigno Papa.
    11 giugno 2021 - Alessandro Marescotti
  • Taranto, cronaca di un disastro ambientale
    PeaceLink
    Relazione sul webinar di PeaceLink

    Taranto, cronaca di un disastro ambientale

    Di fronte all'inquinamento del polo industriale e in particolare dello stabilimento siderurgico vi è stata, dal 2008 in poi, una crescita della cittadinanza attiva. La società civile organizzata, supportata dai dati scientifici dell'Arpa Puglia, ha saputo contrastare lo strapotere dei Riva.
    10 giugno 2021 - Laura Tussi
  • Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA
    Editoriale
    Condanne durissime, condannati anche i politici

    Sentenza Ambiente Svenduto, confiscati gli impianti dell'area a caldo ILVA

    Nessuno aveva mai parlato della diossina a Taranto prima del 2005. Fummo noi a prenderci la responsabilità e i rischi di denunciarlo pubblicamente. Oggi è una grande giornata di liberazione dopo una lunga resistenza e tante vittime. Venivamo chiamati "allarmisti" ma avevamo ragione noi.
    31 maggio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Il momento più duro
    Ecologia
    Riflessioni dopo la condanna di Nichi Vendola

    Il momento più duro

    Sono stata portavoce di Nichi nel 2005 la prima volta che si è candidato alla presidenza della Puglia. Il problema vero è che Nichi ha cercato di avere come interlocutori, e di più, come alleati, i Riva. All’epoca già sotto inchiesta. Parlava di stima reciproca.
    7 giugno 2021 - Francesca Borri
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)