Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il sottile confine tra forma e sostanza

La promessa è stata mantenuta. Di fronte all'avanzare dell'onda la politica non è indietreggiata. La rabbia, la paura, il dolore di una città intera non sono caduti nel vuoto. Questa volta la politica non ha tradito il suo mandato
18 dicembre 2008
Luisa Campatelli
Fonte: Corriere del Giorno

-
La promessa è stata mantenuta. Di fronte all'avanzare dell'onda la politica non è indietreggiata. La rabbia, la paura, il dolore di una città intera non sono caduti nel vuoto.

Questa volta la politica non ha tradito il suo mandato ma si è fatta interprete del legittimo diritto dei tarantini (tutti, dall'operaio in cassa integrazione allo snob che diserta le manifestazioni perchè troppo “populiste”) a un ambiente libero dai veleni che portano malattie e morte.

Ed è stato emozionante (forse, ahinoi, perchè inconsueto) leggere negli occhi dei consiglieri regionali ionici (salvo trascurabili eccezioni) la fierezza e l'orgoglio di chi sa di fare la cosa giusta.

Una cosa giusta per Taranto, la città dolente. La passionedi Nichi Vendola, l'angelo dei bambini dei Tamburi, il sorriso di Michele Pelillo, la severa sobrietà di Luciano Mineo, la pacatezza di Paolo Costantino, l'istintività di Cosimo Borracino, la bonaria rudezza di Nicola Tagliente, la compostezza di Antonio Scalera, la gentilezza di Donato Salinari. Così bisognava fare e così è stato fatto. Il resto, come ha sottolineato qualcuno durante la seduta fiume di un consiglio che ha fatto registrare anche momenti drammatici, tutti riassunti nell'espressione grave del governatore Vendola, è “teatrino”.

Lo stucchevole, inutile, logorroico teatrino della politica. Ieri da Forza Italia Palese provocatoriamente proponeva un'anticipazione sui tempi di attuazione della legge, oggi l'Ilva fa sapere che i tempi dettati dalla Regione sono irrealizzabili. La verità è che con questo disegno di legge è stata sanata un'anomalia, una stortura che ha permesso prima all'Italsider e poi all'Ilva di sputare impunemente sulla città quantità impressionanti di diossina senza che ci fosse una normativa che salvaguardasse la salute e la vita di chi in questa città vive, respira, mangia.

Da tarantini abbiamo solo un rammarico. Niente a che vedere con chi si è astenuto o è uscito dall'aula al momento del voto. Quello, lo abbiamo detto, fa parte del “teatrino”. Ma da tarantini avremmo voluto vedere il sindaco, il primo cittadino di Taranto, sedere in quell'aula a nome di chi a quel Consiglio non ha potuto partecipare. Invece non c'era. Quello che proprio non riusciamo a spiegarci perchè ci sembra quantomeno di inopportuno, esattamente come l'ormai storica foto dei “tre moschettieri” davanti alle fontanelle del cimitero, è il motivo che ha spinto Stefàno ad accettare l'invito di Emilio Riva ad andare all'Ilva proprio mentre a Bari era in corso il Consiglio regionale sulla diossina.

Andando in via Capruzzi, il sindaco avrebbe reso sicuramente un servizio migliore anche agli operai che ha incontrato nello stabilimento. Sarebbe bastato alzare il telefono, ringraziare per l'invito e rimandarlo di qualche ora. Questione di opportunità, di forma. Che in certi casi conta quanto la sostanza.

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)