Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La denuncia del Direttore Generale dell'Arpa Puglia, Giorgio Assennato

A giorni rischia di bloccarsi il laboratorio diossine di Taranto per mancato rinnovo dei contratti del personale

Senza un immediato intervento del Presidente Nichi Vendola, fallisce il programma di controllo delle emissioni dell'Ilva. A rischio fallimento la legge antidiossina della Regione Puglia
14 maggio 2009
Fonte: Radio Popolare Salento, intervista di Antonietta Podda

Nella provincia più inquinata d’Italia, a Taranto, i controlli sulle emissioni di diossine, per cui è stata approvata una legge apposita, potrebbero saltare. ILVA Taranto

A denunciarlo è il prof. Giorgio Assennato, direttore dell’Arpa Puglia - l’Agenzia regionale di protezione ambientale - durante il convegno “Brindisi e Taranto - città dei veleni” organizzato dall’Upi (Unione Provincie Italiane) che si è tenuto nel salone di rappresentanza di Palazzo di Governo a Taranto.

Sede inadeguata, mancanza di mezzi e di risorse, assunzioni bloccate: queste le criticità della situazione pugliese, per cui l’Arpa Puglia può contare di soli 18 milioni di euro, a fronte dei 53 milioni di Euro dell’Arpa Toscana: un grave paradosso.

Le uniche due persone che gestiscono lo spettrometro di massa ad altra risoluzione di Taranto (la sofisticata apparecchiatura che analizza le diossine) fra pochi giorni non potranno più lavorare: scade il contratto. Avevano lavorato tantissimo e con competenza.

A giugno, mese in cui devono partire i controlli periodici della legge regionale sulla diossina Ilva, il laboratorio sarà bloccato se il Presidente Nichi Vendola non interverrà.

Note: L'intervista è su
http://www.radiopopolaresalento.it/2009/05/14/lallarme-dellarpa-senza-risorse-non-puo-lavorare

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)