Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Intervista

Marescotti (Peacelink): «Ora il monitoraggio deve essere continuo»

Diossina all'Ilva di Taranto
2 luglio 2009
Fulvio Colucci
Fonte: Gazzetta del Mezzogiorno

Inquinamento a Taranto


Alessandro Marescotti, il ministro Prestigiacomo rilancia: non ci si può impiccare, dice, ai limiti di emissione di diossina previsti dalla legge regionale per dicembre 2010. Si prospetta l’ipotesi di una nuova deroga che consenta all’Ilva di prendere tempo. Cosa pensano gli ambientalisti?
«Mi sembra di risentire i discorsi fatti al momento dell’approvazione del protocollo che spostava a luglio l’avvio dell’impianto Urea. L’impianto, ricorderete, doveva entrare in funzione a marzo. Vero, nessuno s’impicca alle scadenze. Riconosciamo la necessità dei tempi tecnici, ma devono essere certi. Un impianto che adotta le tecnologie utili a tagliare fino al 90 per cento le diossine si costruisce in sedici mesi, basta vedere i cataloghi tecnici. Se invece di sedici mesi ce ne vogliono diciotto non crolla il mondo, ma dobbiamo evitare ulteriori rinvii».

Ma i fatti tecnici possono diventare “politici”?
«Perciò è importante sottolineare che eventuali rinvii devono dipendere esclusivamente da fatti tecnici e non da espedienti per dilatare i tempi di applicazione della legge. E’ importante, per esempio, trovarsi d’accordo sulle tecnologie da adottare. Ilva e Arpa dovranno decidere. A dicembre il ministero dell’Ambiente dovrebbe concedere l’Aia, Autorizzazione integrata ambientale. Poi c’è l’ appuntamento che noi ambientalisti riteniamo determinante: il campionamento in continuo, 24 ore su 24, che dovrebbe scattare dal prossimo anno. L’Unione Europea lo renderà obbligatorio o chiederà di adottarlo in tempi brevi. L’adozione di nuove tecnologie, in base all’accordo Ilva-Arpa, dovrebbe consentire un taglio del 98 per cento delle diossine, del 95 per cento delle polveri, del 97 per cento di piombo e mercurio».

Tornando alla politica, potrebbe complicare il percorso che ci troviamo di fronte?
«Non sono un esperto. In politica due più due non fa quattro. In politica si gioca a scacchi, si procede con le furbizie. Una cosa è certa: la lotta alla diossina va aiutata ecercheremo di fare pressione perché l’argomento non scompaia dal dibattito politico. I politici devono essere chiari con i cittadini e la vicenda ambientale non deve essere usata strumentalmente. In Norvegia i partiti di maggioranza e di opposizione hanno fatto un accordo interparlamentare per anticipare il protocollo di Kyoto. Da noi su questi temi si litiga».

Nel 2010 si voterà alla Regione. Sinistra democratica ha proposto un disegno di legge sugli idrocarburi policilici aromatici, il nuovo fronte della lotta all’inquinamento. Il clima, però, potrebbe cambiare.
«Io spero che il disegno di legge non si areni per giochi politici. Vendola riuscirà a fare la legge sugli “Ipa”? Molto dipende dalla pressione degli ambientalisti. A novembre torneremo in piazza replicando la manifestazione di Alta Marea. Cadrà nel periodo in cui si discuterà del rilascio dell’Autorizzazione integrata ambientale da parte del ministero. Dobbiamo ottenere qualcosa in più. Quest’anno dopo la legge sulla diossina, sosterremo la nuova proposta di legge di Sinistra democratica. La questione degli idrocarburi policiclici aromatici a Taranto allarma come la diossina. Al quartiere Tamburi si inalano due sigarette al giorno. Non va sottovalutato, poi, l’aspetto dell’avvelenamento della catena alimentare. E gli “Ipa” incidono molto; come la diossina possono entrare in prodotti di pregio come l’olio di oliva. Sulla questione sicurezza alimentare siamo solo ai primi passi. Il problema riguarda anche la falda acquifera. Attenzione».

Chiedete il monitoraggio in continuo. Non basta il sistema previsto dalla legge?
«La legge sui monitoraggi è molto bizantina. Ma il problema non è quello del margine d’incertezza delle misurazioni quanto quello della procedura dei campionamenti. La procedura tutela al massimo l’Ilva. In Friuli basta una sola verifica e l’impianto viene fermato se si sfora il tetto di emissioni. La legge regionale prevede tre controlli: se uno dei tre supera i limiti, ma gli altri due no e la media dà valori inferiori ai limiti, l’impianto non si ferma ma si fanno solo verifiche. E’ come una partita di calcio in cui il cartellino rosso arriva dopo tre cartellini gialli».

La crisi potrebbe pesare sulle decisioni dell’Ilva in materia ambientale?
«La crisi non dovrebbe pesare sui nuovi limiti da raggiungere. L’Ilva in 365 giorni produce meno e inquina meno, questo dovrebbe essere un grosso vantaggio perché nel periodo di crisi potrebbe adeguare gli impianti con la massima calma. Il rallentamento della produzione potrebbe far rientrare le emissioni nei limiti dell’Aia, l’Autorizzazione integrata ambientale, ma deve essere adottato un criterio che noi vorremmo applicare: non solo un limite a metro cubo ma “a peso” con un tetto annuo: in un anno, cioè, la fabbrica non deve produrre più di un tot di inquinanti. Se l’Ilva ha dichiarato all’Ines di produrre una certa quantità di “Ipa”, gli idrocarburi policlici aromatici, ogni anno deve tagliare progressivamente del 10 per cento questa quantità. Dopo cinque anni avremmo un dimezzamento degli effetti delle sostanze inquinanti. E’ un cronoprogramma semplice, schematico. Secondo me una prospettiva imprescindibile».

Dopo quasi cinque anni di lotta la diossina calerà del 50 per cento. Una battaglia vinta anche perché la sua associazione, Peacelink, fu la prima ad occuparsi del problema.
«Al di là dei meriti di una singola associazione, si è incrinato un pregiudizio. Quanto volte abbiamo sentito dire che i tarantini non hanno spina dorsale, che non c’era nulla da fare di fronte all’inquinamento? La città ha preso coscienza che cambiare è possibile. Oggi Taranto lo ha toccato con mano. L’ambiente non è una battaglia persa, ma non illudiamoci: questa è una vittoria parziale. Ci avvicina sì al resto d’Italia e all’Europa, ma il cammino è ancora lungo». [fulvio colucci]

Articoli correlati

  • Le motivazioni della sentenza ILVA
    Processo Ilva
    Sono state rese note oggi

    Le motivazioni della sentenza ILVA

    In oltre 3.700 pagine la Corte d’Assise di Taranto spiega la sentenza che ha condannato 26 imputati, tra i quali anche alcuni politici (compreso Nichi Vendola). Per i giudici la famiglia proprietaria dello stabilimento era a conoscenza dell’illegalità della gestione già dal momento dell'acquisto
    29 novembre 2022 - Francesco Casula e Andrea Tundo
  • Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto
    Taranto Sociale
    Un aggiornamento dalla dottoressa Annamaria Moschetti

    Novità sul "Parco di Lulù" ora denominato "Sorrisi dei Tamburi" al quartiere Tamburi di Taranto

    Il parco è stato donato anni fa dal cantante Niccolò Fani. La pediatra Annamaria Moschetti rinnova la richiesta di sospendere l'immissione di sostanze cancerogene e neurotossiche provenienti dalla vicina area industriale.
    24 novembre 2022
  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)