Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Viaggio tra i pensieri della famiglia Fornaro, rovinata dalla diossina che ha contaminato la masseria

Aspettando l’Alta Marea….

C’è fermento nella masseria Carmine in vista della seconda marcia contro l’inquinamento del 28 novembre, quest’anno a scendere in piazza non saranno solo gli allevatori colpiti dalla diossina, ma anche uomini pronti a ricostruire la propria realtà con tutti i mezzi necessari e dovuti.
15 novembre 2009
Mariangela Franco

“Alle soglie della seconda marcia contro l’inquinamento riusciamo ancora una volta a rivivere e a rafforzare la speranza di non venire dimenticati, e la conseguente certezza di non essere soli”:
è questa l’”Altamarea” che in questi giorni sta sommergendo la masseria Carmine, e che mantiene alti gli spiriti stanchi e provati dalle sofferenze e dalle delusioni dell’anno passato.
Ora è tempo di riflettere e di costruire… è tempo di agire! La società civile non è un partito politico e né lo sarà mai, proprio per questo emerge sempre più forte l’esigenza che la classe politica attuale sappia assumersi le responsabilità e gli oneri di decisioni forti, ma soprattutto sentite e volute da una cittadinanza unita e in grado di esprimere il proprio pensiero e la propria volontà anche qualora questa sia dissonante rispetto all’operato dei rappresentanti istituzionali.
E’ necessario, quindi, non demordere proprio ora ma al contrario, gridare più forte, raccogliere le forze rimaste e gridare, anche se non sempre questo significa alzare la voce, ma muoversi nel nascondimento, senza rumoreggiare troppo, cercando di non trasformare l’attimo fuggente in attimo ruggente, perdendo così la possibilità di vivere sulla lunga durata, dentro progetti di largo respiro, perché ogni occasione è da sfruttare fino in fondo per quanto può dare. masseria Carmine

Negli occhi e nello sguardo della piccola di casa c’è tutta l’energia e la voglia di andare avanti, di scendere in piazza, di continuare a mostrarsi risoluti e presenti nella difesa dei propri diritti di lavoratori e cittadini onesti e rispettosi di quelle stesse leggi che invece hanno tradito, e voltato le spalle senza il minimo ripensamento. Il danno genotossico infatti, di cui tanto si è parlato e si parlerà, oltre le gravi patologie mediche, comprende anche la voglia di farcela, di riprendersi ciò che è stato tolto e ricostruire una vita serena per chi ha bisogno di crescere e sentirsi protetto da tutto il marcio che deteriora, giorno dopo giorno, le masserie umiliandole e spogliandole di storia, cultura e abbondanza.
Il predatore vive di solo presente, non si occupa, né preoccupa, del futuro ma di quello che può guadagnare oggi, per cui è una verità inconfutabile che i primi a difendere il proprio territorio devono essere i cittadini che lo abitano, i primi ad occuparsi e preoccuparsi del proprio futuro è la gente che in prima persona vive nel disagio e nella precarietà.
Giocare e correre nello spiazzale della masseria insieme alla piccola Rosa vuol dire rassicurare lei e se stessi che tutto presto cambierà, che nell’ovile ci sarà un nuovo gregge da ammirare e da accudire, e il futuro sarà sinonimo di giustizia e di ricostruzione.

E’ ormai incastonata nell’anima la ferita aperta il 10 dicembre 2008, e ancora oggi, ci interroga sul valore di simili manifestazioni se le forze politiche del territorio non hanno la capacità di leggere la storia, di capire la gente, di sostenere lo sguardo di una bambina e di cogliere la bellezza di un diritto collettivo che diviene sogno… che senso ha?
Sono proprio i bambini come Rosa invece, che riescono con la loro trasparenza, a dare senso alla marcia contro l’inquinamento, a costituire la vera alta marea tanto temuta, e forse proprio la più temuta!
Non si scoraggiano Vittorio e Vincenzo, perché sanno che l’impegno può condurre lontano i loro progetti e desideri, e l’unione infettare il vigore e l’entusiasmo per riscrivere un nuovo capitolo della nostra storia cittadina e delle nostre vite familiari e personali.

Articoli correlati

  • Taranto verso la manifestazione del 23 aprile: "Un futuro senza inquinamento ILVA"
    Taranto Sociale
    I cui dettagli saranno forniti nel corso degli prossimi giorni

    Taranto verso la manifestazione del 23 aprile: "Un futuro senza inquinamento ILVA"

    Scenderemo in piazza per affermare che l’unico futuro per Taranto e la Provincia è senza acciaieria. Per trovare insieme la forza di lasciare alle spalle il dolore del passato, per creare tutti insieme un futuro sostenibile.
    17 febbraio 2024 - Associazioni riunite
  • Ricerca dell'associazione Avamposto Educativo sull'inquinamento atmosferico da particolato a Mottola
    Citizen science
    La distanza in linea retta tra Mottola e Taranto è di 26 chilometri

    Ricerca dell'associazione Avamposto Educativo sull'inquinamento atmosferico da particolato a Mottola

    I percorsi elaborati per il territorio, tra cui questo sul particolato, hanno assunto un'impostazione d’impegno educativo. È stato consolidato il valore della rete costruire la condivisione di attività e catturare l’interesse degli studenti, in particolare gli iscritti alle facoltà scientifiche.
    17 febbraio 2024 - Avamposto Educativo
  • Relazione sull'ILVA
    Ecologia
    Slides proiettate da Alessandro Marescotti al Senato della Repubblica del 13 febbraio 2024

    Relazione sull'ILVA

    La crisi ILVA ha radici nel suo gigantismo. Per andare in equilibrio deve aumentare i quantitativi provocando maggiori emissioni e un maggiore impatto sanitario. Oggi ILVA non è strategica ma è superflua per via della sovracapacità produttiva di acciaio nel mondo. I dati più recenti del benzene
    13 febbraio 2024 - Redazione PeaceLink
  • "Nel Decreto ILVA nessun riferimento alla salute"
    Ecologia
    Legambiente e PeaceLink in audizione al Senato

    "Nel Decreto ILVA nessun riferimento alla salute"

    Per PeaceLink lo stabilimento è in pesante perdita e non ha più ragione di continuare: occorre definire un ecoprogetto di reimpiego dei lavoratori. Legambiente punta sulla decarbonizzazione. Entrambe le associazioni evidenziano l'aumento del benzene nonostante il calo della produzione.
    6 febbraio 2024 - Agenzia Stampa Public Policy
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)