Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Quando la rabbia si trasforma in amore

La testimonianza di Francesca Caliolo, vedova di Antonino Mingolla, operaio morto in Ilva nell’aprile del 2006

22 dicembre 2009
Alessandra Congedo

Ci sono tanti modi per reagire ad un grande dolore. C’è chi si annulla, chi si chiude in un silenzio assordante, chi si rifugia in una sterile autocommiserazione. E poi, c’è chi sceglie di fare un percorso più coraggioso che giorno dopo giorno, lacrima dopo lacrima, rende possibile il miracolo di trasformare la rabbia in amore, l’angoscia in speranza, la solitudine in impegno civile. È questa la scelta compiuta da Francesca Caliolo, vedova di Antonino Mingolla, l’operaio mesagnese morto, a soli 47 anni, nello stabilimento Ilva di Taranto, nell’aprile del 2006. Un infortunio sul lavoro, uno dei tanti avvenuti in questi ultimi anni. Una storia che Francesca ha sempre raccontato con la dignità delle persone pure, che non seminano odio, ma pretendono giustizia: per un uomo onesto come Antonino, per due adolescenti rimasti all’improvviso senza papà, come Gabriele e Roberta, e per una donna, come lei, che ha dovuto imparare a cavarsela da sola. Una prova durissima, soprattutto all’inizio, quando Francesca si è sentita troppo sola.
“Dopo la tragedia ho avvertito un dispiacere profondo per la mancata reazione da parte dei tarantini, per il loro approccio fatalistico nei confronti delle morti bianche – racconta – ho provato un forte senso di abbandono che col passare del tempo si è stemperato. Pian piano, ho cominciato ad apprezzare una città che mi aveva tolto tanto, ma che cominciava a darmi qualcos’altro. Grazie all’affetto ricevuto da tante persone, ho imparato ad amarla”.
Un sentimento divenuto ancora più forte dopo l’ultima manifestazione contro l’inquinamento organizzata da Alta Marea. “Mi ha fatto piacere scoprire che oggi c’è una maggiore consapevolezza nei confronti di tematiche come la difesa dell’ambiente, della salute e della vita. Durante il mio intervento in piazza Garibaldi, avrei voluto dire grazie a Taranto per i segnali che sta mandando, segnali che mi fanno sentire meno sola, ma l’emozione mi ha un po’ bloccata”. Il messaggio è arrivato lo stesso. Così com’è arrivato, forte e chiaro, l’appello a unire le forze, a fare comunità, a non disperdere le energie a vantaggio di chi ha sempre approfittato di questa terra. L’impegno civile di Francesca è ormai prassi quotidiana. Ogni incontro, ogni dibattito, ogni assemblea, che sia organizzata qui o altrove, è per lei un’occasione preziosa per trasmettere il senso della sua battaglia in difesa della sicurezza degli operai. Lo scorso anno, ad esempio, ha partecipato alla cerimonia tenuta a Torino in ricordo delle sette vittime del rogo della Thyssen. E anche lì, non si è limitata a raccontare la sua vicenda personale. Dinanzi ad una platea commossa ha dichiarato: “Tutti sono responsabili delle morti sul lavoro... dobbiamo spingere i nostri politici a fare di più e i sindacati a tutelare la sicurezza”.
Proprio la vicenda Thyssen ha comportato una novità di portata storica: per la prima volta, in Italia, qualcuno dovrà rispondere dell'accusa più grave, omicidio volontario, in un processo per morti sul lavoro. Il rischio della prescrizione, però, è sempre in agguato. Ciò equivarrebbe ad uccidere per la seconda volta le vittime e a lasciare definitivamente senza pace i loro familiari. Un pericolo da scongiurare anche per il processo sulla morte di Antonino Mingolla. Lo scorso 18 novembre, a ben tre anni e mezzo dalla tragedia, il giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Taranto ha rinviato a giudizio sei persone con l’accusa di concorso in omicidio colposo. A partire dal prossimo 1 febbraio inizierà il processo a carico di tre funzionari dell’Ilva, di due rappresentanti della Cmt e del titolare della ditta subappaltatrice Smi. Francesca sarà protagonista come parte civile. Ricordiamoci di non lasciarla sola.

Alessandra Congedo

Articoli correlati

  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
  • ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"
    Ecologia
    Rapporto “The right to a clean, healthy and sustainable environment: non-toxic environment”

    ONU: "Taranto zona di sacrificio, una macchia sulla coscienza collettiva dell'umanità"

    L'ONU scrive: "Le zone di sacrificio spesso sono create dalla collusione di Governi e imprese. L'acciaieria Ilva di Taranto, in Italia, da decenni compromette la salute delle persone e viola i diritti umani".
    18 febbraio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)