Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'azienda siderurgica utilizzerà iniezioni controllate di carbone

Presentato lo studio di fattibilità per ridurre le emissioni di diossina

A dicembre del 2010 in vigore il limite di 0,4

Ilva di Taranto Regalo di Natale dell'Ilva in tema ambientale.
Con qualche giorno d'anticipo rispetto alla scadenza di fine mese, l'azienda siderurgica ieri ha trasmesso lo studio di fattibilità finalizzato alla riduzione delle emissioni di diossine.

Il documento è stato inviato al ministero dell'Ambiente ed alla Regione Puglia. Per conoscenza all'Ispra, all'Arpa Puglia ed alla Presidenza del Consiglio. Fu il sottosegretario di Stato Gianni Letta, infatti, a mediare le tra la Regione Puglia e l'Ilva, riuscendo a trovare un'intesa che mettesse d'accordo tutti. La notifica dello studio, infatti, è uno degli impegni previsti dal Protocollo Integrativo dell'Accordo di Programma “Area Industriale di Taranto e Statte” dell'11 aprile 2008, sottoscritto a Roma in data 19 febbraio 2009.

«Con il documento - spiega l'Ilva si sono definite le attività, gli interventi e i tempi per l'adeguamento dello stabilimento di Taranto ai valori limite per le emissioni di diossine stabiliti dalla Legge Regionale 19 dicembre 2008, n.44 e sue modifiche e integrazioni». Il valore limite richiamato dall'azienda siderurgica è quello di 0,4 nanogrammi di diossina per metro cubo d'aria. Si tratta sicuramente dello step più impegnativo in termini di riduzione delle emissioni in atmosfera che porterebbe lo stabilimento ionico al livelo degli altri impianti europei. Il limite di 0,4 nanogrammi entrerà in vigore il prossimo 31 dicembre 2010. La tecnologia individuata per ridurre le emissioni di diossina dall'impianto di ag-glomerazione (camino E312) consiste nella realizzazione di un sistema di iniezione controllata di carbone e agenti inerti a monte degli elettrofiltri, tecnologia già adottata in altri impianti di agglomerazione europei con caratteristiche similari a quello di Taranto.

Secondo i piani dell'azienda siderurgica l'installazione dell'impianto definitivo avverrà dopo una preliminare e necessaria fase di prove sperimentali. L'Ilva assicura che «la realizzazione dell'intero progetto si completerà entro la fine di dicembre 2010», nel pieno rispetto del cronoprogramma stabilito nell'accordo.
«Con tale atto - sottolinea una nota dell'ufficio stampa - l'Ilva ha completato tutti gli impegni previsti dal suddetto Protocollo Integrativo sottoscritto a Roma dal Ministero del'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, dal Ministero del Lavoro della Salute e delle Poitiche Sociali, dal Ministero per i rapporti con le Regioni, dal Ministero dello Sviluppo Economico, dalla Regione Puglia»

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)