Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

La differenza è particolarmente rilevante per IPA totali

Analisi ventoselettive a Taranto nella masseria Fornaro: valori di diossine e furani più alti nel campione sottovento rispetto all'area industriale

Per le diossine il valore è 206 fg TEQ/Nm3 (masseria sottovento rispetto all'areaindustriale) rispetto a 69 fg TEQ/Nm3 (masseria sopravento).
3 marzo 2010
Giorgio Assennato (Direttore Generale Arpa Puglia)

Si può rilevare che per i tre parametri (diossine-tossicità equivalente, PCB dioxin-like, Idrocarburi Policiclici Aromatici ) i valori sono più alti nel campione sottovento rispetto all'area industriale in confronto col campione
sopravento e con la calma di vento. La differenza è particolarmente rilevante per IPA totali ( 1418 ng/Nm3 rispetto a 56 ng/Nm3)benzo(a)pirene (2.48 verso 0.3 ng/Nm3) e diossine (206 fg TEQ/Nm3 rispetto a 69 fg
TEQ/Nm3). E' anche degno di nota il fatto che il campione sottovento presenta valori di epta e octadibenzodiossine ( più stabili e più legati al particolato) molto più bassi degli equivalenti dibenzofurani, mentre nel campione sopravento gli epta si equivalgono tra diossine e furani e le octadibenzodiossine sono più rappresentate rispetto agli octadibenzofurani.

Abbiamo anche a disposizione i dati deposimetrici mensili che risultano piuttosto alti, almeno in certe sequenze temporali.
I valori riscontrati in aria ambiente non contribuiscono in modo diretto al carico corporeo di diossine né negli animali da allevamento né nell'uomo.

Occorre però considerare il ruolo indiretto cross-mediale che deve essere tenuto in particolare considerazione in funzione dei dati industriali storici sia nel passato prossimo (prima dell'addizione di urea al letto di
sinterizzazione) sia, ancor di più, nel passato remoto, in cui è ragionevole pensare che prima dell'adozione dei filtri MEEP ad alta tecnologia le concentrazione delle diossine al camino fosse maggiore anche di un ordine di
grandezza. L'impatto in un ampio arco temporale pari ad alcuni decenni di tali rilevanti emissioni potrebbe, attraverso la persistenza nelle matrici ambientali e il bioaccumulo nelle matrici biologiche, teoricamente spiegare
i superamenti di diossine in un'area in cui eventuali altri sorgenti di diossine o sostanze diossino-simili sembrano meramente ipotetiche.

Note: Il prof. Giorgio Assennato sottolinea in questa sua nota a commento dei dati "il ruolo indiretto cross-mediale", ossia il passaggio delle diossina dall'aria al terreno e dal terreno agli organismi animali. E ciò, spiega, "deve essere tenuto in particolare considerazione in funzione dei dati industriali storici sia nel passato prossimo (prima dell'addizione di urea al letto di
sinterizzazione) sia, ancor di più, nel passato remoto, in cui è ragionevole pensare che prima dell'adozione dei filtri MEEP ad alta tecnologia le concentrazione delle diossine al camino fosse maggiore anche di un ordine di grandezza".
In altre parole fa riferimento all'azienda siderurgica che, prima di installare i filtri MEEP nel 2000, emetteva diossina in quantità maggiore "di un ordine di grandezza", ossia 10 volte di più.

Questo, secondo il Direttore Generale di Arpa Puglia spiegherebbe "l'impatto in un ampio arco temporale pari ad alcuni decenni di tali rilevanti emissioni potrebbe, attraverso la persistenza nelle matrici ambientali e il bioaccumulo nelle matrici biologiche".

Il principale fattore di dispersione di diossina si conferma dunque il centro siderurgico. Il prof. Assennato a questo proposito definisce "meramente ipotetiche" altre sorgenti di diossina che possano giustificare i valori alti riscontrati.

Alessandro Marescotti
PeaceLink

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)