Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

L'importante documento, seppur non completo, offre già importanti dati d'incidenza

C'è il Registro Tumori

La metodologia che si sta mettendo appunto sarà presa ad esempio
Anna Caiati
Fonte: Corriere del Giorno - 19 marzo 2010

E' ufficiale il Registro Tumori di Taranto è stato avviato. L'annuncio è stato dato ieri pomeriggio nel corso di una conferenza stampa tenuta all'Asl/Ta dall'assessore regionale alle Politiche della Salute, Tommaso Fiore, insieme con il direttore generale dell'Asl ionica, Domenico Colasanto, il dirigente del Dipartimento di prevenzione, Michele Conversano, Aldo Minerba, dirigente della Epidemiologoia Statistica dell'Asl di Taranto, il responsabile del Progetto informatico Nsir Edotto Puglia, Nehludoff Albano, e Lucia Bisceglia, del Registro Tumori Puglia.

I presenti hanno illustrato lo start-up del Registro Tumori di Puglia che è partito da Taranto dove è stata sfruttata l'esperienza del registro ionico-salentino (delle province ionica e brindisina) con la raccolta di dati riferiti alle stime di incidenza e mortalità delle patologie neoplastiche per gli anni 1999-2001.
Utilizzando, così come prevede la procedura, i dati raccolti attraverso l'anagrafe, i ricoveri, le diagnosi, le procedure medicochirurgiche eseguite, quindi i referti di anatomia patologica per diagnosi, i dati forniti da reparti quali Oncologia, Radioterapia ed Oncoematologia, che per la loro funzione dispongono di cartelle cliniche complete anche per quei pazienti che provengono, per vari motivi, da altra struttura. Quindi il coinvolgimento dei medici di base, senza dimenticare le strutture private accreditate. Ilva di Taranto
Lo startup ionico, così come deciso dall'Assessorato regionale alla Salute e dall'Asl di Taranto, si inserisce nell'ambito del progetto regionale dei tumori in Puglia e si affianca a quanto prevede il recente Piano Nazionale Oncologico per il triennio 2010- 2012 che mira ad aumentare il numero dei Registri dei Tumori, localizzati soprattutto per provincia nel Centro-Nord Italia mentre al Sud sono quasi del tutto assenti, per una copertura sino al 50% del territorio nazionale (quello attuale è del 32%).

La Regione Puglia ha pensato di partire da Taranto «per vari motivi - ha dichiarato l'assessore Fiore - perchè è un territorio che ha la sua criticità, con una base informativa locale che permette già oggi un livello di maggiore dettaglio, e poi qui abbiamo anche investito nell'ambiente. Ci sono condizioni generali che possono determinare l'insorgenza di patologie neoplastiche. Il gruppo di lavoro ha cominciato a ricostruire metodologie e risultati, è chiaro che prossimamente ci sarà un processo di approfondimento dei dati».
La procedura avviata servirà come metodologia, ispirata a quella di altri registri tumorali di altre province italiane, ed è il risultato di un complesso e grande lavoro di esperti tarantini del Dipartimento di prevenzione, ma anche di dati raccolti scrupolosamente in sistemi informatici di reparti come l'Anatomia patologica, l'Oncologia e la Radioterapia Oncologica.

Taranto in tutto questo, al momento, è più avanti rispetto alle altre realtà della Puglia. La metodologia che si sta mettendo a punto e completando, sarà adottata da tutte le altre province pugliesi per il Registro Tumori della Puglia. Sarà poi adottato un nuovo sistema informatico per la raccolta e lo studio di tutti i dati che dovranno giungere contemporaneamente dalle varie province pugliesi. I primi dati riferiti al 2008 e sinora raccolti (il lavoro non è completato) possono già offrire un primo quadro delle incidenze sulla situazione dei tumori nella nostra provincia. Se in Italia i tumori più diffusi tra gli uomini sono, nell'ordine, prostata, pelle non melanoma, polmone, colon retto e vescica, e nelle donne mammelle, pelle non melanoma, colon retto, polmone e stomaco nella nostra provincia per gli uomini la classifica delle neoplasie è la seguente: prostata, polmone, vescica, pelle non melanoma, colon retto; mentre per le donne: mammelle, colon retto, pelle non melanoma, encefalo e tiroide.

Tra il 2000 ed il 2008 sono stati oltre un milione i ricoveri per varie patologie di cui 800mila in strutture locali e 300mila fuori. Per 150mila ricoveri sono stati eseguiti altrettanti referti di anatomia patologica e 41mila schede di morte. Nel 2008 sono invece stati 134mila i ricoveri, 84mila dei quali nelle strutture locali. Di questi 14mila hanno avuto diagnosi di carattere oncologico. Altri dati si riferiscono alle percentuali dei pazienti curati nelle strutture tarantine per la tiroide, ad esempio, soltanto l'8% è rimasto in loco, il resto è andato in strutture esterne alla provincia, per il polmone, nonostante il territorio Tarantino sia sprovvisto di una Chirurgia toracica, ha visto curati il 39% dei malati locali. Tra l'altro, così come nel resto della Puglia, risulta che sono le donne più degli uomini a rivolgersi astrutture fuori del territorio.

Il Registro dei Tumori di Taranto, così come lo sarà quello della Puglia è una importante conquista in quanto questo documento può fornire dati di incidenza e di prevalenza delle neoplasie, necessari per con- frontarli con altre realtà territoriali, per studiare il trend negli anni, per capire la rilevanza rispetto alla residenza, all'età, al sesso, e possibili fonti inquinanti. Tutto questo per consentire all'Asl di stabilire forme di pre- venzione quali possono essere gli screening, mentre all'Assessorato come programmare nuovi reparti o in quali macchinari diagnostici investire.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)