Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Superato il valore per uno dei più potenti cancerogeni di Taranto

Altamarea chiede a gran voce che il sindaco di Taranto attui un immediato, deciso e ormai non più procastinabile intervento a tutela della salute pubblica di fronte ai gravi dati dell'inquinamento ambientale emersi con le misurazioni dell'Arpa Puglia
17 aprile 2010
Altamarea (Coordinamento di cittadini e associazioni)

Altamarea lancia l'ennesimo grido di allarme per il superamento per il terzo anno consecutivo del valore obiettivo di 1 nanogrammo a metro cubo per uno dei più potenti cancerogeni a Taranto: il benzo(a)pirene.

Il benzo(a)pirene è un genotossico e può modificare il DNA trasmesso dai genitori ai figli. ilva di Taranto
Abbiamo ottenuto i dati ambientali con apposita richiesta di Peacelink e a seguito della quale Arpa ha comunicato questi dati a Regione, Ministero dell'Ambiente, Comune di Taranto oltre che ad Ilva ed Eni.

Nonostante la riduzione della produzione di coke dell'Ilva nel 2009 il benzo(a)pirene rimane a 1,3 nanogrammi a metro cubo nel quartiere Tamburi, ossia il 30% oltre il valore obiettivo fissato dalla legge che è di 1 nanogrammo.

Le analisi ventoselettive hanno dimostrato inequivocabilmente che il benzo(a)pirene proviene in quantità preponderante dall'area industriale.

Anche se diverse sono le sorgenti di questo inquinante resta il fatto che tuttavia una percentuale significativa è attribuibile all'Ilva.

Dato che buona parte del benzo(a)pirene è emesso dalla cokeria Ilva, Altamarea si unisce alla richiesta di PeaceLink per chiedere con forza che non venga concessa l'Autorizzazione Integrata Ambientale all'Ilva se rimangono in funzione le batterie obsolete della cokeria.

Altamarea chiede a gran voce che il sindaco di Taranto attui un immediato, deciso e ormai non più procastinabile intervento a tutela della salute pubblica di fronte ai gravi dati dell'inquinamento ambientale emersi con le misurazioni dell'Arpa Puglia.

In particolare chiediamo al Sindaco di Taranto un'ordinanza che prescriva all'Ilva un'immediata drastica riduzione delle emissioni.

Non possiamo aspettare i dati del benzo(a)pirene del 2010: occorre agire subito.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)