Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

"Il Sindaco di Taranto emani un'ordinanza a tutela della salute dei cittadini". Fabio Matacchiera e Alessandro Marescotti inviano questa lettera aperta alla città.

"Marciamo assieme per stoppare i veleni della cokeria dell'Ilva di Taranto"

"Una marea di persone accerchierà il Municipio con una grande manifestazione e noi saremo con i cittadini, in particolare con i bambini, con i malati, con i genitori preoccupati, con i giovani che alzano la testa e dicono basta".
24 aprile 2010

Lettera aperta ai cittadini di Taranto
Manifestazione di cittadini contro l'inquinamento a Taranto


Cari amici, care amiche, cari concittadini,

abbiamo deciso di scrivere questo appello per una mobilitazione unitaria e corale dell’intera città.

Le nostre storie rappresentano le due anime del movimento ambientalista, una graduale e l’altra d’attacco. Abbiamo sempre collaborato e ci siamo stimati, ma in questo delicato momento riteniamo di lanciare un segnale comune e accorato.

Invitiamo a partecipare alle prossime mobilitazioni in modo unitario, con lo scopo di ottenere un’ordinanza che fermi la cokeria dell’Ilva di Taranto e l’inquinamento cancerogeno che tale impianto provoca.

Lo sforamento del valore di legge del benzo(a)pirene, potente cancerogeno che può modificare il DNA delle future generazioni, è un dato grave che richiede un’ordinanza immediata del Sindaco.

L’intera città con una manifestazione unitaria deve esigerla.

Noi marceremo assieme perché il tempo delle inutili attese è finito.

E’ venuto il momento di operare assieme per il bene comune dell’intera città.

E’ venuto il momento di fermare la cokeria, così come è stato fatto a Genova.

E’ venuto il momento di diventare una città normale.

E’ venuto il momento di chiedere aria pulita.

E’ venuto il momento di esigere un diritto umano: il diritto alla salute.

I dati dell’Arpa ormai parlano chiaro e la salute dei cittadini non può più attendere.

Il tempo delle incertezze, delle lungaggini e della diplomazia inconcludente è finito.

Il Comune, con la Di Bello, si è ritirato come parte civile tuttavia non è venuta meno la possibilità di azione risarcitoria: perché il Sindaco ha fino a ora rinunciato all’azione risarcitoria?

E' una domanda che chiede una risposta.

Ecco perché sta partendo una mobilitazione che non si arresterà più fino a quando il Sindaco non agirà. Dovrà scegliere a questo punto, e farlo presto.

Una marea di persone accerchierà il Municipio con una grande manifestazione e noi saremo con i cittadini, in particolare con i bambini, con i malati, con i genitori preoccupati, con i giovani che alzano la testa e dicono basta.

Non possiamo continuare a respirare cancerogeni: il Sindaco deve tutelarci.

Poniamo subito una questione ineludibile: la bonifica dentro e fuori dell’Ilva. Il Sindaco esiga un grande progetto di bonifica che impieghi i lavoratori che dovessero risultare eventualmente eccedenti con la chiusura della cokeria.

E’ un obiettivo non più rinviabile, anche perché la messa in sicurezza di emergenza di intere zone di Taranto non è stata attuata, come ha sottolineato l’Arpa Puglia al Sindaco nell’apposito rapporto che gli è stato consegnato nel 2009.

Bonificare Taranto è la più grande fonte di occupazione per i prossimi anni.

Viene continuamente rinviata per ragioni economiche e per timore di scoprire gli “scheletri negli armadi” con le caratterizzazioni.

Ma è quella la strada per risanare e dare lavoro a migliaia di persone per anni e anni.

Mai come ora tocchiamo con mano la doppia possibilità di un grande successo o di un grande insuccesso, di una grande entusiasmo o di una grande delusione.

Per questo marceremo assieme: per far vincere la speranza.

Fabio Matacchiera

Alessandro Marescotti

Articoli correlati

  • "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"
    Taranto Sociale
    Dopo il rapporto ONU sui cambiamenti climatici per PeaceLink occorre porre fine al carbone

    "Piantare alberi per compensare la CO2 dello stabilimento ILVA"

    Partendo dal fatto che “Taranto è maglia nera delle città italiane con solo 9 metri quadri di verde urbano per abitante”, Peacelink propone: “Sarebbe straordinario vedere i lavoratori dell'Ilva in esubero ripagare la città dei danni inferti con un programma di riassorbimento della CO2”.
    9 agosto 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11
    Ecologia
    Nuovo invito a scendere in piazza

    Giovedì 14 ottobre 2021 ci sarà un presidio davanti al Tribunale di Taranto alle ore 11

    Processo per la morte del piccolo Lorenzo Zaratta, deceduto con un tumore al cervello. Chiediamo giustizia per i cittadini di Taranto e del mondo! Udienza preliminare e costituzione delle parti civili: chiesto il processo per omicidio colposo per nove dirigenti dell'ex Ilva.
    9 ottobre 2021 - Fulvia Gravame
  • Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA
    Economia
    Il Trattato di funzionamento dell'UE vieta gli aiuti di Stato

    Aiuti di Stato, Alitalia e ILVA

    Per il Financial Times l'Antitrust Ue avrebbe deciso di ritenere aiuti illegali i 900 milioni incassati nel 2017 da Alitalia. Per i restanti 400 del 2019 bisognerà attendere. La questione riguarda anche la più grande acciaieria italiana e il M5S per il finanziamento da 705 milioni di euro all'ILVA.
    10 settembre 2021 - Alessandro Marescotti
  • Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"
    Cultura
    "Vendo Bagnoli" è la canzone dedicata alla chiusura del polo siderurgico napoletano

    Edoardo Bennato: "Mio padre ha lavorato nell’Italsider e mi sento vicino alla vicenda ILVA"

    "L'Italsider di Bagnoli - ha detto a Taranto - poi fu chiusa e si disse che si sarebbe valorizzato il turismo in quell’area perchè si poteva fare. Anche Taranto è una bella città che ha potenzialità turistiche e io mi auguro che si possa delineare un futuro migliore per tutti voi”.
    Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)