Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il caso

Cozze tarantine, controlli straordinari dopo l'allarme diossina nei frutti di mare

Monitoraggio di Asl e Arpa e la campagna partirà a febbraio. Matacchiera consegna documenti in Procura
19 gennaio 2011
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 19 gennaio 2011

Da febbraio prossimo l’attenzione si sposta sulle cozze nere coltivate nei filari del mar Piccolo di Taranto. L’allarme lanciato dagli ambientalisti tarantini Fabio Matacchiera e Alessandro Marescotti sulla contaminazione dei mitili (cozze pelose, ostriche e cozze san Giacomo) prelevati dal fondo del mar Piccolo ha ottenuto questo effetto immediato. Ma non perché le cozze tarantine siano risultate contaminate oltre i limiti di legge. Tutti i valori riscontrati nei dodici campioni prelevati dai tecnici della Asl di Taranto a dicembre sono regolari, ma alcuni di essi, in relazione al pcb, sfiorano il livello così detto «di attenzione». E allora è meglio approfondire le indagini e vederci più chiaro. I due seni del mar Piccolo di Taranto saranno così passati al setaccio in base al nuovo piano di campionamento che un gruppo di lavoro sta mettendo a punto dopo la riunione di ieri all’assessorato regionale alla Sanità. Una lunga riunione di lavoro alla quale hanno partecipato rappresentanti dell’Arpa, della Asl, dell’assessorato all’Ambiente e del Cnr. Urge definire le aree a maggior rischio mediante accertamenti aggiuntivi rispetto allo standard fin qui applicato. Sarà quindi allargato il raggio d’azione con più prelievi fatti in più aree, quantitativamente il lavoro dei tecnici sarà più impegnativo e più puntuale. 

GLI ESAMI - Saranno effettuati nuovi campionamenti a diversa altezza sul canapo che, lungo i filari, scende in acqua e in punti diversi dei due seni. Arpa e Asl seguono criteri e metodologie diversi perché si occupano di campi differenti. Arpa si preoccupa della caratterizzazione ambientale, quindi ha come riferimenti limiti e metodi relativi a questo aspetto di indagine; la Asl si occupa degli alimenti e, di conseguenza, i sistemi di lavoro e i parametri di riferimento sono altri. Anche per questa ragione le risultanze dei campionamenti possono non essere omogenee. Con la decisione di elaborare un nuovo piano di campionamento la Regione si riappropria, in quanto soggetto pubblico e mediante i propri enti operativi, della strategia di controllo e della responsabilità collegata. Nel mar Piccolo di Taranto c’è bisogno di realizzare una mappatura aggiornata e completa delle zone di coltivazione delle cozze nere, peraltro tenute già sotto stretto controllo con gli accertamenti abituali e periodici. La Regione, è emerso ieri dalla riunione tecnica, vuole evitare che si propaghino notizie non corrette. E a questo proposito Fabio Matacchiera ha deciso di tutelarsi affidandosi allo studio legale Petrone. Pescheria a Taranto

CARTE IN PROCURA - Ieri mattina ha consegnato alla Procura di Taranto, la documentazione che dimostra come il presunto caso-cozze sia nato sulla base di dichiarazioni diffuse in modo parziale e fuorviante. L’ambientalista tarantino chiede che «venga fatta completa chiarezza sul senso e sulla correttezza delle mie dichiarazioni e sulle speculazioni che sulle stesse sono state effettuate. Nel particolare - è scritto in una nota distribuita alla stampa - preciso di aver depositato, presso gli uffici giudiziari, l’intervista completa, ripresa dalla telecamera del TG3 di Taranto, da cui è stata estrapolata solo una parte per inserirla successivamente in un servizio andato in onda sulla rete nazionale. Tutto ciò ha tradito lo spirito ed il senso di quanto avevo esposto e che il cameraman aveva registrato». Fabio Matacchiera afferma di aver specificato «per ben due volte che i mitili fatti analizzare dal Fondo Antidiossina al Consorzio interuniversitario di Venezia erano stati prelevati solo da alcuni fondali del mar Piccolo e che si rimandava alle autorità competenti per gli eventuali approfondimenti e verifiche. Pertanto, ogni altra interpretazione, anche relativa alle modalità di prelievo e di quant’altro, troverà risposta adeguata nelle sedi competenti».

 

Articoli correlati

  • Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura
    Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Rinnovo incarico Walter Martinelli per controlli diossina
    Taranto Sociale
    Lettera aperta alla Asl di Taranto

    Rinnovo incarico Walter Martinelli per controlli diossina

    Sarebbe grave se - per mere ragioni di bilancio - non venisse rinnovato
    l'incarico ad un tecnico di grande esperienza come Martinelli che nel momenti
    più delicati e difficili della campagne di controllo ha saputo operare bene,
    conquistandosi anche la nostra fiducia
    2 maggio 2013 - Alessandro Marescotti
  • Ilva, la Cassazione sulla conferma degli arresti
"Il disastro ambientale è riconducibile ai Riva"
    Taranto Sociale
    Ambiente e veleni

    Ilva, la Cassazione sulla conferma degli arresti "Il disastro ambientale è riconducibile ai Riva"

    La Suprema Corte ha reso note le motivazioni con cui ha convalidato il 16 gennaio scorso i domiciliari a Emilio e Nicola Riva e all'ex direttore dello stabilimento di Taranto Capogrosso: conoscevano i rischi ma hanno perseverato
    5 aprile 2013 - Redazione online
  • "Dioxin reading tra musica immagine e parole"
    Taranto Sociale
    Venerdì 5 aprile alle ore 18:00 si svolgerà presso il salone del convento di San Pasquale

    "Dioxin reading tra musica immagine e parole"

    Lo spettacolo e' gratuito ed e' ad ingresso libero per tutti i cittadini di Taranto, in preparazione della marcia del 7 aprile
    4 aprile 2013 - Fulvia Gravame, Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)