Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Inquinamento, ora la marcia dei bambini per richiamare l'attenzione al problema

Sarà organizzata dal Fondo antidiossina Taranto per tutelare i cittadini che vivono al rione Tamburi
6 febbraio 2011
Fonte: Corriere del Mezzogiorno.it

TARANTO - Una grande marcia cittadina, che sarà aperta dalle mamme e dai bambini di Taranto, sarà organizzata dal Fondo antidiossina Taranto. Lo scopo è di richiamare l’attenzione sui problemi causati dall’inquinamento e per tutelare in modo particolare i bambini del rione Tamburi, costretti a vivere a pochi metri dai camini dell’area industriale. Contro l’inquinamento della zona il Fondo antidiossina vuole ricorrere alla Corte europea dei diritti dell’uomo affinchè venga tutelata la salute dei cittadini. «Solo per aver un’idea - spiega il presidente della Onlus, Fabio Matacchiera - nello stabilimento Ilva, la più grande acciaieria d’Europa, coesistono oltre 200 camini, a cui si devono aggiungere altre decine di fumaioli presenti nella raffineria Eni, nella Cementir e nelle altre industrie limitrofe. Tutto questo sta causando un costante pericolo per la salute pubblicaed una condizione di vita molto disagiata, sia dal punto di vista sanitario che ambientale».

In particolar modo - secondo Matacchiera - «i più penalizzati sono coloro che, non avendo la possibilità di acquistare altrove nuove case, sono costretti a vivere più a stretto contatto con i fumi e con le polveri diffuse specialmente dall’Ilva». «Per questo motivo, il Fondo antidiossina Taranto - prosegue Matacchiera - ha già attivato alcuni legali di Strasburgo perché presentino ricorso alla Corte europea dei diritti dell’uomo, affinchè venga tutelata la vita e la salute dei tarantini». L’azione, conclude l’ambientalista, «ha lo scopo di obbligare lo Stato italiano e le istituzioni pubbliche ad adottare tutte le misure idonee alla tutela dei diritti fondamentali di tutti gli abitanti di Taranto e in particolare di quelli del rione Tamburi».

Articoli correlati

  • Rifinanziamento attività gestione stabilimento ILVA e deroga alle norme sulla sicurezza
    Ecologia
    PeaceLink chiede invece di finanziare la sorveglianza sanitaria e la cura dei cittadini più esposti

    Rifinanziamento attività gestione stabilimento ILVA e deroga alle norme sulla sicurezza

    Dati sconcertanti emergono dall'audizione del presidente di PeaceLink al Senato: dal 1° novembre 2018 al 31 dicembre 2022, la gestione dell'ex Ilva ha accumulato passività globali per ben 4 miliardi e 700 milioni di euro, come confermato da fonti governative (esattamente 4.737.693.528 euro).
    28 maggio 2024 - Redazione PeaceLink
  • Palazzina LAF: un film sulla fabbrica, sul potere e sulla speranza
    Cultura
    E' un invito a non arrendersi mai

    Palazzina LAF: un film sulla fabbrica, sul potere e sulla speranza

    Michele Riondino, regista e attore protagonista, ricostruisce una pagina buia dell'ILVA di Taranto. Palazzina LAF è un "film necessario" ed è una "storia universale" che aiuta a riflettere sul potere e sulle sue vittime ma anche sulla capacità di riscatto dei lavoratori.
    Alessandro Marescotti
  • L'Onda del Futuro a Taranto
    Taranto Sociale
    Corteo oggi 23 aprile alle ore 17

    L'Onda del Futuro a Taranto

    Partenza dal piazzale Bestat. Questo è un video realizzato da PeaceLink per l'occasione. PeaceLink è una delle associazioni che sostiene l'iniziativa.
    23 aprile 2024 - Alessandro Marescotti
  • Parte l'Onda del Futuro, la manifestazione per dire stop all'inquinamento ILVA
    Ecologia
    23 aprile a Taranto

    Parte l'Onda del Futuro, la manifestazione per dire stop all'inquinamento ILVA

    Il raduno è previsto alle 16.30 nel piazzale Bestat. La manifestazione è organizzata dalle associazioni riunite di Taranto, a cui aderiscono i principali movimenti ambientalisti del territorio, ordini professionali e studenti
    23 aprile 2024 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)