Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Il caso

Cozze alla diossina andranno al macero a Taranto danni per 500mila euro

Lo smaltimento in media costerà 100 euro a tonnellata. I miticoltori dirottati nel mar Grande
17 agosto 2011
Cesare Bechis
Fonte: Corriere del Mezzogiorno - 17 agosto 2011

Andranno al macero migliaia di tonnellate di cozze e i mitilicoltori tarantini perderanno almeno cinquecentomila euro di reddito. È la conseguenza immediata dell’avvelenamento da pcb (picogrammi di policlorobifenili), soprattutto, e da diossinesimili dei mitili prodotti nel primo seno del mar Piccolo di Taranto.   Mitili

 

Una campana che suona a morte su un simbolo della città, una carta d’identità storica che imbocca una strada pericolosa se il rimedio non viene trovato subito. Occorre anche una spiegazione veloce e convincente sul perché dopo sei mesi di valori conformi, all’improvviso giugno e luglio abbiano registrato un innalzamento dei picogrammi di policlorobifenili che ha messo fuori legge le cozze del primo seno. Gli esperti dicono che tutto si spiega proprio con il ciclo biologico della cozza. In questo periodo diventa adulta, si ingrossa e di conseguenza aumenta l’assorbimento delle sostanze che trova attorno. Ed è anche per questa ragione che il seme, che l’anno venturo fornirà le nuove cozze nere, va salvaguardato. L’assorbimento cresce quando il frutto raggiunge i tre centimetri di grandezza. Sarà monitorato costantemente ora che si trova ancora nel primo seno ed è indenne da inquinamento, se ci saranno segnali di pericolo sarà trasferito nei nuovi impianti in Mar Grande. Si tratta di un altro mezzo milione di euro che rischia di andare in fumo se le soluzioni ideate non troveranno veloce applicazione. Sulla mitilicoltura tarantina, che produce circa trentamila tonnellate di cozze all’anno in prevalenza nei due seni del Mar Piccolo, vivono almeno tremila persone.

Rappresenta una fetta importante dell’economia locale e perdere uno dei principali luoghi di allevamento è un rischio che i mitilicoltori vorrebbero evitare. Non si sono ancora del tutto rassegnati a sgomberare per trasferirsi in Mar Grande, ma sono consapevoli che dovranno accettare lo spostamento se sarà l’unica soluzione che possa salvare il fallimento delle loro attività. L’eventuale bonifica dei fondali del mar Piccolo è operazione lunga e complicata che richiede anni; il sostegno finanziario già deciso dal sindaco Ezio Stefàno non può essere un risarcimento perenne ai guai procurati da altri nei decenni passati e di cui gli allevatori sono vittime incolpevoli e il Comune pure. Individuare i responsabili dell’inquinamento del mar Piccolo può non essere difficile, occorrono volontà politica e voglia di andare fino in fondo. Ieri mattina, intanto, Massimo Giusto il presidente del Centro ittico, la società del Comune di Taranto incaricata del demanio e delle concessioni, ha consegnato al sindaco la mappa disegnata con il gps dei possibili nuovi insediamenti, nella rada del mar Grande, dei vivai che si dovranno smantellare in mar Piccolo. Si tratta di due aree, una di fronte al Lungomare della città nuova e l’altra in faccia alla Ringhiera della città vecchia, per un totale di un milione e duecentomila metri quadrati. La prima va dal cantiere Santa Lucia fino alla Rotonda, a cinquecento metri dalla costa per una larghezza di 400 metri. Occupa una superficie prossima al milione di metri quadrati; l’altra si estende all’interno dei due frangiflutti di fronte alla Ringhiera, a 150 metri da riva, per poco meno di 200 mila metri quadrati.

Le mappe sono state trasmesse ieri mattina a tutti i componenti del «tavolo tecnico»che domani alle 11 tornerà a riunirsi per decidere due cose: se le aree individuate sono compatibili con la coltivazione delle cozze, non solo dal punto di vista biologico, ma soprattutto con le linee di navigazione. La risposta arriverà da Marina militare da Capitaneria di porto. Poi, quale sistema scegliere per distruggere le cozze contaminate che gli allevatori conferiranno all’Amiu. Queste sono state classificate dalla Regione come rifiuti speciali non pericolosi e vanno smaltite. La scelta è tra il conferimento in discarica o l’inceneritore dell’azienda di igiene urbana. Il costo dello smaltimento se lo accollerà, in base a un impegno preso con i produttori sin dal primo momento, l’amministrazione comunale che sta calcolando la spesa su una media di 100 euro a tonnellata. Domani, infine, il sindaco Ezio Stefàno riferirà in un incontro con i giornalisti convocato mezz’ora prima della riunione del tavolo tecnico le iniziative prese e le decisioni assunte per avviare a soluzione questa emergenza capitata sulle spalle dei mitilicoltori e del Comune messo sotto accusa come se fosse il responsabile degli alti valori di pcb.

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)