Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Angelo Bonelli ha adererito alla richiesta avanzata da alcune associazioni ambientaliste

"Taranto città simbolo dell'inquinamento" il leader dei verdi si candida a sindaco

E' un momento in cui è alta l'attenzione sull'Ilva, anche dopo i risultati della perizia della procura che ha accertano la correlazione tra i fumi dell'impianto e le morti
9 marzo 2012
Fonte: Repubblica di Bari
- 08 marzo 2012

Il segretario nazionale dei Verdi, Angelo Bonelli, ha ufficializzato la candidatura a sindaco di Taranto aderendo alla richiesta avanzata da alcune associazioni ambientaliste che fanno capo a 'Aria pulita per Taranto' (Peacelink, Donne per Taranto, Altamarea e Fondazione antidiossina onlus). Il leader de 'Il Sole che ride' già nei giorni scorsi si era occupato delle vicende legate all'inquinamento prodotto dall'Ilva e annunciato un esposto in Procura per chiedere di fare luce sull' incendio avvenuto nel reparto Tubifiicio dello stabilimento siderurgico. Angelo Bonelli


"Taranto - ha sottolineato oggi Bonelli - è la città simbolo dell'inquinamento, una città che per troppo tempo è stata dimenticata dalla politica. L'inquinamento nella città dove la diossina è entrata nella catena alimentare, dove i bambini non possono giocare nei prati o toccare la terra a mani nude, dove una perizia della Procura della Repubblica ha stabilito che, cito testualmente, 'l'esposizione continuata agli inquinanti dell'atmosfera emessi dall'impianto siderurgico ha causato 

 

e causa nella popolazione fenomeni degenerativi di apparati diversi dell'organismo umano che si traducono in casi di malattia e di morte, è una questione che riguarda tutta l'Italia".

Secondo Bonelli "la situazione di grave inquinamento ambientale di Taranto è dovuta alle responsabilità sia del centrodestra che del centrosinistra. Spiace constatare che sia stata l'autorità giudiziaria attraverso le perizie epidemiologiche a fare quello che avrebbero dovuto fare le istituzioni locali. E' per questa ragione - ha concluso - che la coalizione che mi ha chiesto di candidarmi a Taranto sarà un'alleanza che correrà fuori sia dal centrodestra che dal centrosinistra".

Articoli correlati

  • La diossina nel pecorino
    Processo Ilva
    Tutto comincia il 27 febbraio 2008 e così prendono avvio le indagini di "Ambiente Svenduto"

    La diossina nel pecorino

    Il formaggio era prodotto da un pastore che pascolava vicino all'ILVA. Viene consegnato, a spese di PeaceLink, in un laboratorio di analisi di Lecce. "Diteci quello che c'è dentro". Qualche giorno dopo arriva una telefonata allarmata dal laboratorio: "C'è la diossina".
    Repubblica
  • Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA
    Ecologia
    Inviata dal Ministero della Transizione Ecologica al gestore dello stabilimento ILVA di Taranto

    Diffida sul campionamento continuo della diossina ILVA

    Il Gestore dell'ILVA non ha eseguito il controllo mensile del camino E-312. La legge prevede il fermo dell'impianto se accadesse una seconda volta in 12 mesi. PeaceLink evidenzia che dai controlli emerge una concentrazione di diossina superiore al limite prescritto per gli inceneritori.
    9 luglio 2021 - Associazione PeaceLink
  • Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati
    Ecodidattica
    I limiti per la dose tollerabile sono stati abbassati di sette volte dall'EFSA nel 2018

    Strategia comunitaria sulle diossine, i furani e i bifenili policlorurati

    "In bambini esposti a diossine e/o PCB durante la fase gestazionale sono stati riscontrati effetti sullo sviluppo del sistema nervoso e sulla neurobiologia del comportamento, oltreché effetti sull’equilibrio ormonale della tiroide, ritardo nello sviluppo, disordini comportamentali".
    24 gennaio 2021 - Redazione
  • "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta
    Taranto Sociale
    L'Arpa Puglia scrive nuovamente a Ministero dell'Ambiente e Ispra

    "Diossina dal camino?" Ancora nessuna risposta

    L'Agenzia regionale sollecita la revisione dell'Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) e coinvolge il sindaco Melucci, già firmatario dell'ordinanza ferma al Consiglio di Stato.
    24 aprile 2021 - Mimmo Mazza
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)