Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Grave scontro fra Bondi e il Garante dell'AIA: PeaceLink sostiene il Garante

Gravissimo che i parlamentari vogliano abolire il Garante che rimane l'unico riferimento di imparzialità e giustizia
19 luglio 2013
Alessandro Marescotti (Presidente di PeaceLink)

 

E' grave lo scontro - di cui abbiamo appreso da pochissimo - fra il Commissario dell'Ilva Enrico Bondi e il Garante dell'ILVA Vitaliano Esposito.

 

L'argomento del contendere è la validità della Diffida Ministeriale per la quale l'Ilva viene riconosciuta inadempiente rispetto alle prescrizioni dell'AIA (Autorizzazione Integrata Ambientale) e quindi passibile di sanzioni.

 

Bondi ha scritto il 17 luglio al Garante per dichiarare - alla luce del decreto 61/2013 in via di conversione in legge - sostanzialmente non più valida tale Diffida Ministeriale per inosservanza delle prescrizioni autorizzative. I fumi dell'ILVA

 

Le prescrizioni e le tempistiche indicate nella diffida per inosservanza sarebbero quindi per Bondi un ricordo del passato, mentre per il Garante dell'AIA sono ancora in vigore. E il garante poco fa ha messo in chiaro - con una lettera pubblicata sul suo sito - che la Diffida pende ancora sull'azienda.

Vedere http://www.isprambiente.gov.it/it/garante_aia_ilva/aia-e-controlli/notaGarante972013del18luglio2013.pdf

 

Inutile dire che il Garante dell'AIA ha perfettamente ragione.

 

Pertanto sosteniamo il Garante dell'AIA Ilva che ha dimostrato rigore e imparzialità. E condanniamo questo tentativo di usare come una clava il nuovo decreto 61/2013 per demolire l'AIA e metterne fuori gioco le sanzioni.

Dichiarare questa AIA ormai un soprammobile è indice dei come ormai stia procedendo l'ìntera vicenda, violando lo stesso spirito della sentenza della Corte Costituzionale che aveva messo al centro le attuali (seppur blande) prescrizioni autorizzative a garanzia del diritto alla salute.

Stiamo traducendo il rapporto del Garante dell'AIA e domani sarà sul tavolo della Commissione Europea in modo che l'Europa proceda ad acquisire tutta la documentazione su questa storia incredibile e sgradevole in cui il Garante viene messo nell'angolo.

E' gravissimo che i parlamentari vogliano abolire il Garante che rimane l'unico riferimento di imparzialità e giustizia.

 

Questo è il testo della DIFFIDA MINISTERIALE

 

http://www.isprambiente.gov.it/it/garante_aia_ilva/aia-e-controlli/diffida-ministeriale-per-inosservanza-delle-prescrizioni-autorizzative-e-comunicazioni-conseguenziali



Articoli correlati

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)