Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Comunicato stampa

Tarantorespira: solidarietà ad Angelo Bonelli

Rivolgiamo un accorato appello perché non si faccia intimidire da questi vigliacchi e continui la sua lotta, insieme a noi , per questa sfortunata città, la cui misura di degrado è data anche da quest’ultimo miserabile episodio
5 marzo 2014
Vittoria Orlando (Movimento Civico “ Taranto Respira”)

Il Movimento civico “Taranto Respira” esprime sdegno e indignazione nei confronti degli autori “coraggiosamente” anonimi delle gravissime minacce di morte nei confronti di Angelo Bonelli. Abbiamo infatti appreso stamane che al nostro esponente in Consiglio Comunale e coportavoce dei Verdi è stata recapitata una busta contenente un coltello e un biglietto con la scritta” Te lo mettiamo in gola. Via da Taranto ,brutto bastardo”.

Tralasciando ogni considerazione sulla vigliaccheria dell’atto e sulla miseria morale dei suoi autori, invitiamo questi sconosciuti ad esprimere l’attaccamento a Taranto mostrando i muscoli, naturalmente in maniera consona a una società civile e progredita, nei confronti di coloro che hanno provocato l’attuale disastrosa situazione in cui versa la nostra città.

Ricordiamo loro che Angelo Bonelli è stato il primo a parlare di sviluppo alternativo rispetto ad una politica industriale che ci ha portato desertificazione e morte, l’unico a presentare un articolato e concreto programma per ridare speranza ed un futuro a questa città martoriata, l’unico rappresentante che ha pagato in termini economici e politici per le sue idee e per il coraggio di difenderle davanti e contro tutti.

Ad Angelo Bonelli , a cui vanno la nostra piena solidarietà e il nostro completo sostegno rivolgiamo un accorato appello perché non si faccia intimidire da questi vigliacchi e continui la sua lotta, insieme a noi , per questa sfortunata città, la cui misura di degrado è data anche da quest’ultimo miserabile episodio.
Dal canto nostro ci sentiamo sempre più convinti e decisi a proseguire nel cammino già da tempo intrapreso affinché Taranto possa coltivare per i propri figli la speranza di un futuro diverso e invitiamo tutti coloro che non sono disposti a piegarsi davanti ai poteri forti e alle loro varie emanazioni ad unirsi a noi.  Angelo Bonelli



Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)