Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

I fondi europei per una ecoriconversione

Un Piano B per Taranto

L’ILVA è in coma farmacologico e viene mantenuta in vita con decreti legge che hanno solo un effetto palliativo. Come uscire da questa situazione tutelando i lavoratori e l'ambiente?
2 settembre 2014

Come ho spiegato alla Commissione Sviluppo del Consiglio Comunale, il mercato dell’acciaio è in fase recessiva ed è caratterizzato da un eccesso di capacità produttiva di 300 milioni di tonnellate di acciaio annue.

Di fronte a questo scenario lo stabilimento siderurgico ILVA sarà sconvolto da un’ondata di crisi che ha portato già altre acciaierie alla chiusura. La situazione finanziaria dell’ILVA è caratterizzata dal fatto che l’azienda non produce più profitti ma unicamente perdite che si stanno sommando ai debiti verso le banche e verso i fornitori. La situazione è diventata insostenibile – come ben sanno i lavoratori – ed è necessario approntare un “PIANO B” per ridare futuro ai lavoratori e alle loro famiglie.

Quello allegato è un PIANO B da discutere e su cui confrontarsi. Mar Piccolo, distruzione delle cozze del primo seno

Sarà alimentato, integrato e modificato attraverso il confronto ed è consultabile su

http://tinyurl.com/q32mnl9

 

PeaceLink ha preso contatto con gli ambientalisti di Pittsburgh per capire come quella città è riuscita a sopravvivere alla crisi dell’acciaio e a far rinascere la propria economia. Pittsburgh è stata riconosciuta come una delle tre città americane che meglio ha superato la crisi recessiva dello scorso decennio

Il sindaco di Pittsburgh ha dichiarato: "We employ more people in Pittsburgh than we ever have”. Ossia: "Noi impieghiamo più persone a Pittsburgh di quante non ne abbiamo mai avute". Proprio così. Da quando hanno chiuso l’acciaieria sono usciti dalla crisi. PeaceLink è in contatto con Pittsburgh per un interscambio di esperienze sul monitoraggio dell'aria. Stiamo cercando di imparare dalle città che hanno avuto l'intelligenza di cambiare.

Per senso di responsabilità verso i lavoratori dell’ILVA e verso tutti quei soggetti che si sorreggono sull’indotto, PeaceLink da tempo sviluppa – accanto alla critica dell’impatto inquinante dell’acciaieria – anche una parallela azione di ricerca di alternative occupazionali.


Allegati

  • Piano B per Taranto

    Alessandro Marescotti
    Fonte: PeaceLink
    450 Kb - Formato pdf
    E' quello elaborato ad oggi ma potrà essere integrato prossimamente con nuove idee.

Articoli correlati

  • Normativa sicurezza e infortuni sul Lavoro: Taranto Capitale per un giorno
    Taranto Sociale
    Venerdì 26 novembre ci sarà un convegno nazionale a Taranto

    Normativa sicurezza e infortuni sul Lavoro: Taranto Capitale per un giorno

    Per la prima volta, Bruno Giordano, Direttore Ispettorato Nazionale del Lavoro, sarà a Taranto per partecipare a un importante convegno nazionale e, inoltre, per portare solidarietà ai due Ispettori del Lavoro che, nei giorni scorsi, sono stati aggrediti da un imprenditore del tarantino.
    24 novembre 2021 - Fulvia Gravame
  • Il futuro dell'industria agroalimentare in un mondo senza carne
    Economia
    Un sistema alimentare vegetale sarebbe un innegabile vantaggio per gli animali e per il pianeta

    Il futuro dell'industria agroalimentare in un mondo senza carne

    Ciò su cui serve fare chiarezza è il destino dei produttori che lavorano nell'industria della carne
    31 agosto 2021 - Jenny Splitter
  • Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura
    Ecologia
    A pochi giorni dall'uccisione di Agitu emerge un'altra storia di una donna dedita alla pastorizia

    Una donna controcorrente, la Pastora di Altamura

    Una storia che fa il paio con quella di Agitu e anche in Puglia si tratta di una donna. La mia generazione è cresciuta convinta che la terra non fosse un lavoro adatto alle donne anche se già allora c'erano delle eccezioni ed ora le ragazze del ventunesimo secolo sono in prima linea.
    19 gennaio 2021 - Fulvia Gravame
  • Liuba, le altre e i figli da buttare via
    Sociale
    Donne che non hanno paura

    Liuba, le altre e i figli da buttare via

    A volte la discriminazione è più sottile, e non è meno grave. Ma ascoltare quello che Liuba è costretta a subire, con altre donne dipendenti della multinazionale dell'abbigliamento Yoox, fa accaponare la pelle
    10 dicembre 2020 - Lidia Giannotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)