Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Wind days a Taranto

PeaceLink chiede un osservatorio in real time della mortalità e dei ricoveri

9 marzo 2017
Associazione PeaceLink
Al Presidente della Regione Regione Puglia  
Alla Cabina di Regia per la Qualità dell'Aria
Ai consiglieri regionali
Ai consiglieri comunali di Taranto
Oggetto: wind days a Taranto
A Taranto sono previsti i wind days. Il pericolo viene dall'area industriale e dalle sue polveri. E il sindaco di Taranto che fa? Devia il traffico dal quartiere Tamburi.
Inviamo il link del comunicato di PeaceLink in cui sono contenute le valutazioni dell'Arpa Puglia in risposta a un nostro quesito:
Invitiamo il Presidente della Regione Puglia e la Cabina di Regia per la Qualità dell'Aria a segnalare al Sindaco di Taranto che durante i wind days il pericolo non viene dal traffico e che il provvedimento di deviare il traffico è del tutto inappropriato.
La non idoneità del provvedimento del Sindaco di Taranto la si evince dalla stessa definizione di "wind day" presente sul sito della Regione Puglia, su cui si legge:

"Il Wind Day tradotto «giorno di vento» fa riferimento ad eventi meteorologici nei quali la velocità del vento supera determinati limiti e prende particolari direzioni. In occasione dei Wind Days a Taranto il vento  proviene dal settore NORD – OVEST. In queste condizioni il vento soffiando dall’area industriale disperde in alcuni quartieri della città (Tamburi e Paolo VI) inquinanti di origine industriale, in particolare PM10  e il benzo (a)pirene. La dispersione di questi inquinanti può determinare aumento del rischio a carico della salute dei cittadini di Taranto, in particolare per le persone che risiedono a ridosso dell’area industriale".

E' molto chiaro, da quanto è riferito sul sito della Regione Puglia, che il pericolo viene dagli "inquinanti di origine industriale" che la "dispersione di questi inquinanti può determinare aumento del rischio a carico della salute dei cittadini di Taranto".

E' il caso di ricordare che, in base alle norme vigenti, il sindaco, insieme al Consiglio comunale, è il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio. 

Chiediamo al Presidente della Regione e ai consiglieri regionali di attivare a Taranto un osservatorio della mortalità in tempo reale per verificare se durante i wind days si verifica un aumento di mortalità.Chiediamo anche che vi sia una verifica in real time dei ricoveri nell'area interessata, agendo di conseguenza a tutela della salute dei cittadini.

  
Per PeaceLink
Alessandro Marescotti
Antonia Battaglia
Fulvia Gravame
Luciano Manna

Articoli correlati

  • Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda
    Taranto Sociale
    "La siderurgia di Taranto è un cavallo morente"

    Ex Ilva: Peacelink, Stato aiuti lavoratori non azienda

    Secondo Peacelink, “occorre un piano B per le aree di crisi, fra cui Taranto, basato sulle bonifiche e su una riconversione economica finalizzata alla transizione ecologica. Lo stabilimento Ilva di Taranto non ha un futuro né.economico né ecologico”.
    22 novembre 2022 - AGI
  • Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva
    Laboratorio di scrittura
    Un video emozionale girato nel quartiere Tamburi di Taranto

    Con Domenico Iannacone per raccontare la speranza attiva

    Questa è la foto che suggella un lavoro fatto con passione, per documentare, con il video "La polvere negli occhi", la storia della lotta contro il disastro ambientale di Taranto e per tentare di salvare una comunità da una tragedia che ha segnato la storia di tante persone, di tante famiglie.
    23 novembre 2022 - Alessandro Marescotti
  • Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori
    Ecologia
    Le dichiarazioni di Alessandro Marescotti presidente di PeaceLink

    Crisi nerissima per l'ILVA, scoppia la protesta dei lavoratori

    "Siamo solidali con le preoccupazioni dei lavoratori ILVA ma occorre una riconversione ecologica dell'economia. Lottiamo insieme per fermare la guerra che ha generato un disastro economico"
    22 novembre 2022 - Redazione PeaceLink
  • Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia
    Ecologia
    Il Rapporto ONU sull'inquinamento in Italia

    Inquinamento e violazioni dei diritti umani in Italia

    Il Relatore Speciale delle Nazioni Unite ha visitato l'Italia dal 30 novembre al 13 dicembre 2021. Il Rapporto tocca Porto Marghera, l'inquinamento da PFAS in Veneto, la terra dei Fuochi, l'ILVA di Taranto, Livorno, i pesticidi, i rifiuti e altro ancora.
    14 dicembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)