Taranto Sociale

Lista Taranto

Archivio pubblico

Wind days a Taranto

PeaceLink chiede un osservatorio in real time della mortalità e dei ricoveri

9 marzo 2017
Associazione PeaceLink
Al Presidente della Regione Regione Puglia  
Alla Cabina di Regia per la Qualità dell'Aria
Ai consiglieri regionali
Ai consiglieri comunali di Taranto
Oggetto: wind days a Taranto
A Taranto sono previsti i wind days. Il pericolo viene dall'area industriale e dalle sue polveri. E il sindaco di Taranto che fa? Devia il traffico dal quartiere Tamburi.
Inviamo il link del comunicato di PeaceLink in cui sono contenute le valutazioni dell'Arpa Puglia in risposta a un nostro quesito:
Invitiamo il Presidente della Regione Puglia e la Cabina di Regia per la Qualità dell'Aria a segnalare al Sindaco di Taranto che durante i wind days il pericolo non viene dal traffico e che il provvedimento di deviare il traffico è del tutto inappropriato.
La non idoneità del provvedimento del Sindaco di Taranto la si evince dalla stessa definizione di "wind day" presente sul sito della Regione Puglia, su cui si legge:

"Il Wind Day tradotto «giorno di vento» fa riferimento ad eventi meteorologici nei quali la velocità del vento supera determinati limiti e prende particolari direzioni. In occasione dei Wind Days a Taranto il vento  proviene dal settore NORD – OVEST. In queste condizioni il vento soffiando dall’area industriale disperde in alcuni quartieri della città (Tamburi e Paolo VI) inquinanti di origine industriale, in particolare PM10  e il benzo (a)pirene. La dispersione di questi inquinanti può determinare aumento del rischio a carico della salute dei cittadini di Taranto, in particolare per le persone che risiedono a ridosso dell’area industriale".

E' molto chiaro, da quanto è riferito sul sito della Regione Puglia, che il pericolo viene dagli "inquinanti di origine industriale" che la "dispersione di questi inquinanti può determinare aumento del rischio a carico della salute dei cittadini di Taranto".

E' il caso di ricordare che, in base alle norme vigenti, il sindaco, insieme al Consiglio comunale, è il responsabile della condizione di salute della popolazione del suo territorio. 

Chiediamo al Presidente della Regione e ai consiglieri regionali di attivare a Taranto un osservatorio della mortalità in tempo reale per verificare se durante i wind days si verifica un aumento di mortalità.Chiediamo anche che vi sia una verifica in real time dei ricoveri nell'area interessata, agendo di conseguenza a tutela della salute dei cittadini.

  
Per PeaceLink
Alessandro Marescotti
Antonia Battaglia
Fulvia Gravame
Luciano Manna

Articoli correlati

  • Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"
    Ecologia
    Gli è stato appena assegnato un premio giornalistico per la libertà di stampa

    Domenico Iannacone: "Stop al sacrificio di Taranto"

    In questo videomessaggio l'autore della puntata "La polvere negli occhi" su Raitre ha dichiarato: "Voglio manifestare la mia vicinanza ai cittadini che soffrono. Sono qui a dare il mio pieno appoggio alla manifestazione che si terrà il 22 maggio a Taranto alle ore 17 in piazza Garibaldi"
    18 maggio 2022 - Alessandro Marescotti
  • ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini
    Ecologia
    Il 22 maggio manifestazione in piazza contro il dissequestro degli impianti siderurgici

    ILVA: la Corte Europea dei Diritti dell'Uomo dà nuovamente ragione ai cittadini

    Le quattro condanne di oggi verso l'Italia sono la plastica evidenziazione di tutte le inadempienze dei governi che si sono succeduti. Le quattro condanne di oggi della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo (CEDU) confermano Taranto come "zona di sacrificio" dei diritti umani.
    5 maggio 2022 - Associazione PeaceLink
  • Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute
    Ecologia
    Dichiarazioni forti in materia di diritti

    Ex Ilva: Tar Lecce, superato diritto compressione salute

    Il Presidente del Tar di Lecce, Antonia Pasca, ha parlato dell'Ilva all'inaugurazione dell’anno giudiziario. Nel 2021 il Tar confermò invece l’ordinanza di chiusura dell'area a caldo del sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.
  • Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale
    Citizen science
    Raffronto fra la mortalità dei quartieri più inquinanti di Taranto e la mortalità regionale

    Eccessi di mortalità nei tre quartieri di Taranto più vicini all'area industriale

    Dal 2011 al 2019 in totale vi sono 1075 morti in eccesso di cui 803 statisticamente significativi.
    L'eccesso di mortalità medio annuo è di 119 morti di cui 89 statisticamente significativi.
    L'intervallo di confidenza considerato è del 90%.
    13 maggio 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.44 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)