Conflitti

RSS logo

Aiuta PeaceLink

Sostieni la telematica per la pace:

  • c.c.p. 13403746 intestato ad Associazione PeaceLink, C.P. 2009 - 74100 Taranto (TA)
  • conto corrente bancario n. 115458 c/o Banca Popolare Etica, intestato ad Associazione PeaceLink (IBAN: IT05 B050 1802 4000 0000 0115 458)
Motore di ricerca in

PeaceLink News

...

Articoli correlati

  • La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano
    E’ insolito che siano i parlamentari a lamentarsi

    La poca trasparenza del Ministero della Difesa italiano

    Si vedrà se sarà necessario un riposizionamento per quanto riguarda il JSF ma non bisogna affrontare la questione con pregiudizi ideologici solo perché è americano. Ma è il Pentagono a rivelare che vi sono problemi.
    18 dicembre 2011 - Rossana De Simone
  • Il Maestro Morrione
    Cuore del Giornalismo

    Il Maestro Morrione

    Ti ho sempre chiamato "Direttore", anche quando tu, sorridendo, mi ricordavi che da RN 24 eri stato pensionato. Per me e per tutti coloro che hanno avuto il bene di ricevere i tuoi consigli, potevi solo proseguire a essere tale. Senza di te, direttamente e indirettamente, nessuno di noi avrebbe potuto trovare la strada giusta del Giornalismo.
    20 maggio 2011 - Nadia Redoglia
  • Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    Beirut, una giungla d'asfalto soffocante

    A Beirut, metropoli mediorientale soffocata dall'aggressività del settore edilizio, si lotta per conservare qualità di vita e spazi verdi. Ringrazio Estella per la segnalazione.
    16 marzo 2011 - Dalal Mawad
  • L'umanità del sottosuolo
    Intervista a Kassem Aina, fondatore della prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano

    L'umanità del sottosuolo

    Kassem Aina è il fondatore di Beit Aftal Assumoud, la prima associazione creata dai rifugiati palestinesi in Libano, nel 1982, per una sorta di adozione collettiva degli orfani di Sabra e Chatila, dove nel 1982 le milizie maronite uccisero 3500 palestinesi con la complicità dell'esercito israeliano. Oggi l'associazione è attiva in tutti i campi profughi palestinesi in Libano e rappresenta la più ampia rete di assistenza sociale e sanitaria e di sostegno agli studi
    5 agosto 2009 - Francesca Borri
Zanotelli

«Un'inchiesta su quelle armi»

28 luglio 2006 - Antonio Massari
Fonte: Il Manifesto (http://www.ilmanifesto.it)

«Israele non aderisce al trattato di non proliferazione nucleare e al divieto di usare armi chimiche. Si propone di restare fuori dal diritto internazionale».
Esordisce così, il fisico Angelo Baracca, nella sala stampa di Villa Madama. Al suo fianco siede il missionario Alex Zanotelli, mentre ai giornalisti sono distribuiti dossier con fotografie raccapriccianti. Brandelli di carne. Immagini raccapriccianti che solo vagamente ricordano le sembianze di un corpo. «Quali armi possono averli ridotti così?». E' questa la domanda.
«Chiediamo un'indagine internazionale sull'uso delle armi israeliane in Libano», chiede infatti Zanotelli. «Dobbiamo capire cosa stia avvenendo, per ché sospettiamo che si tratti di armi sperimentali». E' soltanto la prima, delle richieste che Zanotelli mette sul tavolo. Tra i presenti c'è un bel pezzo di Rifondazione comunista: Lidia Menapace, Gigi Malabarba, Giovanni Russo Spena. Ed è proprio quest'ultimo, capogruppo dei senatori del Prc al senato, che più tardi assicura: «Promuoveremo un'inchiesta sui raid israeliani: chiederemo di verificare se utilizzano armi proibite oppure no».
Intanto Zanotelli prosegue. Menziona la testimonianza di medici belgi, che dicono di aver trovato, in Libano, otto vittime di armi chimiche. Spiega che «anche da Gaza giungono notizie di corpi straziati e deformati». E dice di aver chiesto un incontro con il premier israeliano Ehud Olmert, per avere spiegazioni. «C'è una difficoltà nel movimento pacifista - continua - perché non si riesce a a capire precisamente cosa fare per poter contrastare tutto questo». Ma fa capire che di certo, al più presto, il movimento qualcosa deciderà.
Nel frattempo non resta che rivolgersi alle istituzioni: «Chiediamo di bloccare la cooperazione militare italiana con Israele», continua Zanotelli, che sull'eventuale missione in Libano precisa: quot;sull'invio di truppe Nato, l'Italia abbia il coraggio di dire un «no» chiaro». «Siamo contrari all'invio di truppe Nato. Possiamo solo ipotizzare una missione Onu. Inoltre chiederemo che queste forze siano dispiegate anche a Gaza e in Cisgiordania. Solo a queste condizioni potremo accettare l'invio di truppe italiane. E lo dico anche a nome della segreteria nazionale del partito», replica Russo Spena. E infine Zanotelli lancia un appello all'istituzione che più lo riguarda: la chiesa. «Le armi chimiche o sperimentali devono diventare un tabù. Come l'atomica. La chiesa deve dichiarare che sono profondamente immorali». Ma il punto, conclude Baracca, è che di questi tempi anche l'atomica rischia di non essere un tabù.

PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies