incontro

“E uma luz chegou - Una luce è arrivata”

13 maggio 2005
ore 16:30 (Durata: 2 ore)


I ragazzi della Casa do Menor

La Casa do Menor, gestita e fondata da Padre Renato Chiera, accoglie meninos de rua, - ragazzi di strada- che si trovano in situazioni di abbandono, violenza, prostituzione e droga.

I ragazzi e le ragazze ospiti della Casa do Menor vogliono portare in Europa, dal Brasile, il loro grido di dolore che si è tramutato in speranza. Vogliono essere missionari di solidarietà e di pace contribuendo, con la loro testimonianza, a costruire un mondo nuovo nel segno dell’unità e della pace.

Presenteranno uno spettacolo dal titolo “E uma luz chegou - Una luce è arrivata”, raccontando la storia della nascita del Brasile che è il risultato dell’incontro di tre culture: indiana, africana ed europea. Testimonieranno la loro vita nella realtà brasiliana di oggi con i suoi contrasti sociali, il fenomeno dell’esodo rurale dovuto al latifondismo, all’industrializzazione, all’urbanizzazione, alla “favelizzazione”, all’esclusione sociale di cui le donne, i bambini e i ragazzi sono le maggiori vittime.

Qui nascono i meninos de rua con la loro tragica realtà di esclusione, abbandono, violenza, droga, prostituzione, narcotraffico e sterminio.

Ma non basta gridare contro le tenebre, bisogna accendere una luce.

La Casa do Menor che da 19 anni lavora nel riscatto di queste giovani vite è una risposta efficace ed un segno di speranza; una luce che è arrivata e che è diventata un riferimento nella sterminata e violenta periferia di Rio de Janeiro e che ha già salvato migliaia di bambini e ragazzi.

Lo spettacolo toccherà temi di estrema attualità della società di oggi e si chiuderà con le testimonianze di questi ragazzi e con un elettrizzante samba con cui si annunzierà che un altro mondo è possibile grazie al dialogo, alla solidarietà, all’incontro arricchente tra popoli e tra culture.

E’ un incontro da non perdere.

Per maggiori informazioni:
Cacciato Daniele
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Mappa

Eventi dei prossimi giorni

Ricerca eventi

Dal sito

  • Storia della Pace
    Un pioniere della nonviolenza e dell'educazione in Italia

    A cento anni dalla nascita di Danilo Dolci

    Il suo messaggio di solidarietà, partecipazione e trasformazione sociale rimane più che mai attuale, ispirando nuove generazioni di attivisti e educatori. Riportiamo qui alcuni video che ne fanno emergere la testimonianza e servono a consolidare la memoria di questo grande personaggio
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • MediaWatch
    Lo abbiamo chiesto a ChatGPT

    Perché i governi della Nato non rendono noto il numero delle vittime in Ucraina?

    Il governo ucraino aveva dichiarato: "Le informazioni sulle perdite dell'Ucraina nella guerra sono un segreto di Stato". Ma perché tenere segreto un dato che consentirebbe di apprezzare quanto sono state "utili" le armi inviate a Kiev?
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Conflitti
    Analisi globale dei fallimenti della NATO nella guerra in Ucraina

    Perché Putin sta vincendo?

    Di fronte al fallimento delle sanzioni, la NATO ha cambiato approccio, dando maggiore enfasi alla dimensione militare del conflitto. Questa nuova linea strategica ha però presentato varie criticità. Punto per punto vedremo cosa è andato storto fino a ora.
    20 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti
    La guerra diventa sempre più distruttiva e questo provoca un aumento dei renitenti alla leva

    Arriva la devastante bomba FAB 3000: uccide gli ucraini in un diametro di due chilometri e mezzo

    L'esordio dell'ordigno russo da tre tonnellate sul campo di battaglia. Un militare ucraino dice: "Se sopravvivi, sarai sicuramente ferito. Mette molta pressione sul morale dei soldati. Non tutti i nostri ragazzi possono resistere. Queste bombe sono un inferno".
    22 giugno 2024 - Redazione PeaceLink
  • Editoriale
    L'Italia a un bivio

    Avranno il coraggio di aumentare le spese militari con un deficit così?

    Procedura di infrazione per l'Italia a causa del deficit eccessivo. L'Europa chiede di scendere sotto il 3% del PIL ma l'Italia è arrivata al 7,4% nel 2023. La Nato però esige un aumento di oltre 10 miliardi di euro all'Italia. L'autonomia differenziata farà quadrare i conti pugnalando il Sud.
    20 giugno 2024 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.7.15 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)