manifestazione

L'acqua non si privatizza

24 giugno 2005
ore 16:30

Il 23 novembre 2004 la Regione Campania e 136 Comuni delle province di Napoli e Caserta (Ato2) hanno deciso di privatizzare l’acqua e con delibera del 30 dicembre 2004 hanno ceduto a ENIAcqua Campania S.p.A, oggi Acqua Campania S.p.A, le fonti e le grandi infrastrutture idriche.
In questi mesi i cittadini hanno chiaramente espresso la loro contrarietà alla scelta di gestione privata dei rubinetti avendo imparato dall’esperienza di altri Paesi del mondo e di alcune Regioni italiane che
l’ingresso dei privati nella gestione di un bene primario come l’acqua comporterà:

• aumento delle tariffe,
• minore tutela della qualità dell’acqua,
• perdita di posti di lavoro nel settore,
• rischio per i più poveri di vedersi negato il diritto all’acqua.

Le istituzioni campane sono rimaste del tutto sorde alle proteste ed il 30 giugno p.v. assegneranno la gestione del Servizio Idrico Integrato (S.I.I.) alla multinazionale che si aggiudicherà la gara.
I comitati civici, i lavoratori del settore, le associazioni, i movimenti chiamano i cittadini a mobilitarsi e a partecipare
Per rivendicare con forza

- Il ritiro della delibera e il blocco del bando di gara,
- Una gestione completamente pubblica dei servizi idrici,
- La ripubblicizzazione delle infrastrutture (come gli acquedotti) che la giunta regionale ha già venduto alla multinazionale ENIAcqua (oggi Acqua Campania).

Per maggiori informazioni:
Comitati Civici in difesa dell’Acqua di Napoli – Caserta e Provincie
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Latina

    Crisi climatica e il rischio di difendere i beni comuni

    Rapporto di Global Witness evidenzia drammatico aumento degli attacchi mortali
    19 settembre 2021 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)