seminario

"L'economia italiana tra declino e innovazione"

16 marzo 2006
ore 16:00 (Durata: 3 ore)

Economia Sommersa-Sinistra Universitaria: gruppo di rappresentanza studentesca e movimento degli studenti di Sinistra della Facoltà di Economia dell’Università di Bologna.
&
Prof. Luigi Alberto Franzoni
Con il patrocinio del Dipartimento di Scienze Economiche

Organizza il seminario:

L’economia italiana: tra declino e innovazione

Economia Sommersa-Sinistra Universitaria e il Prof. Luigi Alberto Franzoni, con il patrocinio del Dipartimento di Scienze Economiche della Facoltà di Economia dell’Università di Bologna, presentano: seminario a crediti “L’economia italiana:tra declino e innovazione”.
Lo scopo di questo seminario è quello di analizzare le cause che sono alla base della brusca frenata che il nostro sistema economico sta subendo. Attraverso i sei incontri e la tavola rotonda finale nei quali si svilupperà il seminario tenteremo di analizzare il fenomeno nel suo complesso. Per ogni incontro verrà affrontata una tematica specifica analizzando non solo le cause che hanno posto in essere tale declino, ma provando ad indicare quali potrebbero essere le misure da adottare per contenere gli effetti negativi della scarsa crescita del paese e le possibili soluzioni per contrastare il declino e invertire la tendenza negativa degli ultimi anni.

Calendario degli incontri:

Giovedì 16 Marzo ore 16.00 Morasutti D
1. Declino economico italiano: le radici storiche
Gianni Toniolo (Università di Roma “Tor vergata”)
Lia Fabbri(Università di Bologna)

Martedì 21 Marzo ore 10.30 Ranzani A
2. Crescita e specializzazione dell’ economia italiana.
Vera Negri Zamagni (Università di Bologna)
Franco Mosconi (Università di Parma)

Giovedì 23 Marzo ore 15.00 Aula Magna
3. Ridefinizione delle politiche di welfare in Italia.
Paolo Bosi (Università di Modena e Reggio Emilia)
Silvia Giannini (Università di Bologna)

Giovedì 30 Marzo ore 14.30 Morassuti B
4. Nuove politiche di liberalizzazione per il rilancio dell’economia italiana.
Carlo Scarpa (Università di Brescia)
Paolo Onofri (Università di Bologna)

Mercoledì 5 Aprile ore 15.00 Ranzani A
5. Ricerca universitaria e politiche giovanili.
Andrea Ichino (Università di Bologna)
Renzo Orsi (Università di Bologna)

Giovedì 27 Aprile ore 15.00 Aula Magna
6. Mercati finanziari e credito come motore di opportunità.
Stefano Fabrizio (Università di Bologna)
Marcello Messori(Università di Roma 2)

Mercoledì 3 Maggio ore 15.00 Aula 3
7.TAVOLA ROTONDA: proposte per il rilancio dell’economia italiana.
Tito Boeri (Università Bocconi, Presidente Fondazione Rodolfo De Benedetti), , Stefano Zamagni Università di Bologna), Innocenzo Cipolletta (Presidente UBS Corporate Finance Italia), Marigia Maulucci (Segreteria CGIL Nazionale), Giuseppe Turani(giornalista”la Repubblica”)

-----------------------------------

Per maggiori informazioni:
lorenzo della rocca
3287636865
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Ricorrenze del giorno

  • Anno 1991: Alle ore 0,50 inizia la Guerra del Golfo, la prima dopo la fine della Guerra Fredda

Dal sito

  • Storia della Pace
    Installati nel 1960, furono smantellati dopo la Crisi di Cuba

    Le basi dei missili nucleari Jupiter in Puglia e Basilicata

    Le basi erano 10, di forma triangolare, con tre missili ognuna. Nell'ottobre del 1961 furono colpite quattro testate nucleari da fulmini, e in due casi venne attivato il processo fisico-chimico preliminare all'esplosione (che non avvenne). Un museo della pace e della memoria è oggi possibile
    Alessandro Marescotti
  • Disarmo
    Dal territorio del nostro Paese siano eliminate tutte le armi nucleari

    L’Italia ratifichi il Trattato sulla Proibizione delle Armi Nucleari

    La presenza di tali ordigni sul territorio italiano è in contrasto anche con il Trattato di non proliferazione delle armi nucleari, al quale l’Italia ha aderito nel 1975 impegnandosi a «non ricevere da chicchessia armi nucleari né il controllo su taliarmi, direttamente o indirettamente».
    16 gennaio 2021
  • Storia della Pace
    La storia della pace, dalla secolare opposizione alla guerra al recente pacifismo

    Che cosa è la Peace History

    Per Peace History si intende lo studio delle cause più profonde della guerra nonché dei mezzi per contrastarla e per gestire risoluzioni non violente dei conflitti. In questa pagina web vi sono alcuni riferimenti per la Peace History e link utili per tracciare una storia della pace
    16 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti
  • Pace
    Entrambe includono tematiche comuni nella propria area di competenza e hanno punto di contatto

    Educazione civica ed educazione alla pace: un confronto

    L'evoluzione dell’educazione civica ha portato a un sempre maggiore avvicinamento della stessa all’educazione alla pace, fino ad una sovrapposizione di competenze, che oggi può in certi contesti rendere difficile distinguere le due discipline.
    10 gennaio 2021 - Manuela Fabbro
  • Storia della Pace
    L'opposizione alla guerra è nata con la guerra stessa

    Le radici storiche del pacifismo

    Il movimento pacifista può diventare un soggetto storico consapevole dei propri compiti solo se ha la consapevolezza della sua storia. La storia della pace studia l'impegno positivo di chi si è opposto alla guerra. Ma è anche analisi strutturale delle cause dei conflitti armati.
    15 gennaio 2021 - Alessandro Marescotti, Daniele Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.38 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)