incontro

A MANI NUDE CONTRO HITLER.

6 marzo 2008
ore 20:45 (Durata: 3 ore)

Meic (Movimento ecclesiale di impegno culturale) -
Società di San Vincenzo de’ Paoli - Pax Christi

in collaborazione

con CCDC (Cooperativa cattolico-democratica di cultura)

A MANI NUDE CONTRO HITLER.

La vicenda di Josef Mayr Nusser,
dirigente di Azione Cattolica
e presidente di una Conferenza di San Vincenzo

Intervengono:
Albert Mayr, figlio di Josef Mayr Nusser;
Francesco Comina, giornalista e scrittore.

Introduce:
Anselmo Palini

Lettura di alcuni testi di Josef Mayr Nusser a cura dell’attrice Sara Martina Venosta.

Josef Mayr-Nusser (1910-1945), dirigente diocesano dell’Azione Cattolica di Bolzano e presidente della Conferenza di San Vincenzo ai Piani di Bolzano, arruolato a forza nelle SS naziste, si rifiuta di prestare giuramento a Hitler e per questo motivo viene arrestato e imprigionato. Nel gennaio del 1945 il tribunale di Danzica lo condanna per “disfattismo militare”, ossia per avere tentato di sovvertire l’ordine imposto dal regime. Potrebbe per questo essere condannato a morte, ma il tribunale opta per il trasferimento a Dachau. Assieme ad altri condannati, ai primi di febbraio del 1945, viene messo su un treno nel carro bestiame con destinazione Dachau. La malattia, il freddo pungente e la malnutrizione minano ben presto il suo forte fisico. Il 20 febbraio il treno giunge a Erlangen: la dissenteria lo ha quasi completamente disidratato. La stessa notte muore. Le guardie lo trovano esanime al mattino presto. Fra le mani ha il Vangelo, il messale e un rosario. Aveva solo 35 anni. Era sposato ed aveva un figlio di un anno e mezzo, che oggi vive a Firenze. Di Josef Mayr Nusser è in corso la causa di beatificazione.

Per maggiori informazioni:
Punto Pace Brescia
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Dal sito

  • Disarmo
    Nelle basi Nato di Aviano (Pordenone) e Ghedi (Brescia) ci sono 70 testate atomiche americane

    A 75 anni dalla tragedia di Hiroshima e Nagasaki

    La commemorazione di Hiroshima e Nagasaki deve convincere a prendere finalmente decisioni di disarmo, almeno di disarmo atomico, troppo a lungo rimandate.  E’ inaccettabile che il nostro paese, che ripudia la guerra e ha fatto la scelta antinucleare, ospiti armi nucleari.
    6 agosto 2020 - MIR (Movimento Internazionale della Riconciliazione)
  • Latina
    I paramilitari attaccano i municipi occupati dai comuneros con metodi da Ku Klux Klan

    Araucanía: violenza razzista di Stato contro i mapuche

    Preoccupano le condizioni di salute dei prigionieri politici mapuche in sciopero della fame
    5 agosto 2020 - David Lifodi
  • Latina

    Piano interventista contro il Nicaragua

    Gli USA si preparano a gestire tre possibili scenari prima e dopo le elezioni del prossimo anno
    4 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
  • Disarmo
    Pretendiamo un atto di dignità, il governo si riscatti firmando il Trattato!

    HIROSHIMA E NAGASAKI 75 anni fa: mai più!

    In Italia ospitiamo 70 bombe nucleari americane, in caso di guerra saremmo uno dei primi bersagli, nessun governo lo ha mai dichiarato ai cittadini
    4 agosto 2020 - Rossana De Simone
  • Latina

    Difendere i beni comuni è sempre più pericoloso

    Nuovo rapporto di Global Witness evidenzia un drastico incremento degli omicidi di attivisti in difesa della terra e dell’ambiente
    3 agosto 2020 - Giorgio Trucchi
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.36 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)