mostra fotografica

Ambiente e solidarietà…un kit di righelli per conoscere il Burkina Faso - Piemonte chiama Mondo

9 maggio 2008

Nell’ambito del mese dedicato alla cooperazione internazionale e all’educazione allo sviluppo “PIEMONTE chiama MONDO”, venerdì 9 maggio alle 9.30 l’Associazione di solidarietà e cooperazione internazionale LVIA inaugura la mostra “Ambiente e solidarietà…un kit di righelli per conoscere il Burkina Faso” presso la scuola “D.D Moncalieri - 1 circolo”, via San Martino 27, Moncalieri. Seguirà la proiezione del video “A lezione…di plastica”.

La mostra, costituita da 18 pannelli (70 x 100 cm) che raccontano il progetto di riciclo della plastica promosso dalla LVIA in Burkina Faso, resterà aperta al pubblico, ad ingresso gratuito, dal 9 al 16 maggio. Orario di apertura: dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 15.30 (sabato - domenica chiuso).

I visitatori avranno la possibilità di ricevere, versando un contributo di 3 euro, un Kit scolastico in plastica riciclata (un righello di 30 cm, una squadretta di 20 cm, un normografo e un goniometro) prodotto dall’Associazione di donne che oggi gestisce il Centro di Riciclaggio della Plastica realizzato dalla LVIA a Ouagadougou, capitale del Burkina Faso, in collaborazione con il Centro Artigianale Sainte Famille di Saaba.

La mostra itinerante esposta a Moncalieri è parte del percorso formativo rivolto alle scuole della Provincia di Torino “Ambiente e solidarietà… Un kit di righelli per conoscere il Burkina Faso” realizzato dalla LVIA con il contributo della Provincia di Torino e della Regione Piemonte: da febbraio la LVIA sta infatti portando i kit scolastici in plastica riciclata nelle scuole della provincia torinese con lo scopo di far conoscere il Burkina Faso ed educare al rispetto dell’ambiente. Sono coinvolte 46 classi di 31 scuole.

Il percorso formativo, rivolto alle classi 4^ e 5^ elementare e alle scuole secondarie di 1° grado della provincia di Torino, approfondisce le questioni legate all’ambiente e alla solidarietà internazionale aprendo una finestra su un paese dell’Africa Occidentale tra i più poveri del mondo, il Burkina Faso. Il tema è affrontato tramite l’analisi del progetto di cooperazione internazionale “Proteggere l’ambiente... Valorizzando i rifiuti” a Ouagadougou, promosso dalla LVIA in partenariato con il Comune di Ouagadougou e con la collaborazione e il supporto della Città di Torino, della Regione Piemonte, dell’Istituto dei Fratelli della Sacra Famiglia di Chieri, di Assocomaplast (Associazione Nazionale Costruttori di Macchine e Stampi per Materie Plastiche e Gomma) e del Parco Urbano Bangr-Weoogo di Ouagadougou a favore della creazione di opportunità di lavoro e di lotta alla povertà attraverso il riciclaggio della plastica, trasformando così i rifiuti in una risorsa per l’economia locale e in uno strumento di educazione ambientale. Il progetto ha vinto, unico in Europa, il premio Development Marketplace 2003 della Banca Mondiale ed è stato selezionato come Best Practice al Dubai International Award, promosso da UN Habitat e da Municipalità di Dubai

L’iniziativa nelle scuole torinesi nasce quindi da un’esperienza concreta di riciclo della plastica a Ouagadougou e si pone un duplice obiettivo: sensibilizzare le nuove generazioni alla solidarietà internazionale mostrando i risultati di una cooperazione tra Nord e Sud del mondo ed educare al rispetto dell’ambiente e al consumo responsabile. I bambini e i giovani, dopo una prima parte introduttiva sul Burkina Faso e sulle problematiche ambientali legate ai rifiuti, sono coinvolti in attività creative anche attraverso l’utilizzo del granulato di plastica prodotto nel Centro di riciclaggio di Ouagadougou.

L’inaugurazione della mostra “Ambiente e solidarietà…un kit di righelli per conoscere il Burkina Faso” si inserisce nell'iniziativa "PIEMONTE chiama MONDO, il mese dedicato alla cooperazione internazionale e all'educazione allo sviluppo" patrocinato dalla Regione Piemonte e organizzato per il secondo anno consecutivo dalle Ong che aderiscono al Consorzio Ong piemontesi. Visitate il sito www.ongpiemonte.it per conoscere in dettaglio i 41 eventi nelle diverse località piemontesi.

Per informazioni sul progetto e sull’iniziativa nelle scuole:
LVIA
tel. 011.7412507
e-mail: italia@lvia.it
Sito web: www.lvia.it

Per maggiori informazioni:
Consorzio Ong Piemontesi
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
  • Conflitti

    Scongiurare il conflitto in Ucraina

    Dal Comitato Esecutivo di IPPNW un documento che invita alla moderazione e al dialogo, nello sforzo di scongiurare il grave pericolo di una guerra che potrebbe facilmente degenerare in un conflitto nucleare.
    13 gennaio 2022 - Roberto Del Bianco
  • Latina
    Due anni fa i lavoratori avevano dato vita ad una cooperativa

    Argentina: a rischio sgombero la fabbrica recuperata de La Nirva

    Sono complici il giudice che ha notificato lo sgombero e l’ex padrone che adesso vuole riprendersi edifici e macchinari
    12 gennaio 2022 - David Lifodi
  • Ecologia
    Health Impact Assessment of the steel plant activities in Taranto as requested by Apulia Region

    Studio OMS sull'impatto dell'ILVA di Taranto sulla salute

    Lo studio è stato richiesto dalla Regione Puglia ed è del giugno 2021, ed è uno studio predittivo. Nelle conclusioni si legge: "Le stime della presente relazione sono pienamente in linea con le precedenti valutazioni, effettuate da autorità regionali e altri ricercatori".
    12 gennaio 2022
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)