rappresentazione teatrale

serata di solidarietà per il popolo palestinese all'interno della quale verrà presentato lo spettacolo teatrale " etiVite"

19 agosto 2014
ore 20:30 (Durata: 2 ore)

Martedì 19 agosto, a partire dalle 20:30, la suggestiva Piazza Le Monache di Ruvo di Puglia ospiterà la serata di "solidarietà per il popolo palestinese" dal titolo "RESTIAMO UMANI!". L'evento, aperto a tutti, è completamente gratuito ed è stato organizzato dalla neonata "Associazione Prolet", di Ruvo, che mira alla partecipazione attiva della cittadinanza grazie alla creazione di spazi di discussione su temi culturali e politici di rilevanza locale, nazionale e internazionale.

Durante tutta la serata sarà possibile contribuire con una donazione alla raccolta fondi promossa dai "Cooperanti Italiani in Palestina" da destinare all'acquisto di medicinali in loco.

Sul palco saliranno gli attori e gli artisti della compagnia barese "ArtèMix" che interpreterà, per la prima volta, lo spettacolo teatrale, da loro stessi scritto e diretto: "EtiVite".

In seguito alla piece teatrale l'associazione di cooperazione Kenda Onlus analizzerà e spiegherà con parole semplici quello che quotidianamente accade in Palestina. In particolar modo verrà dato risalto a quello che è avvenuto nella Striscia di Gaza in seguito all ultima offensiva israeliana "Bordo Protettivo", l'operazione militare che ha provocato la morte di migliaia di civili soprattutto nella Striscia. Kenda infatti da anni lavora nei territori occupati realizzando progetti di cooperazione che mirano ad affermare i diritti umani in quei territori.

"EtiVite" accompagna empaticamente gli spettatori nella carne viva del conflitto seguendo le vicende personali di 5 peronaggi. Si parte facendo la conoscenza di caratteri a noi molto prossimi per poi scoprire che il conflitto arabo-israeliano e la negazione dei diritti umani nella Striscia di Gaza sono questioni che ci appartengono, che ci sono molto più vicine di quello che appaiono. Si vedrà poi che i confini e le definizioni fittiziamente imposti a nulla servono contro il richiamo naturale alle passioni, alla vita piena, all'amore. Il tutto verrà sviluppato grazie ad un mix di arti. Pittura, teatro, musica e danza si fondono e si disfano per rendere possibile l'approccio emozionale e pieno al problema.

Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Disarmo
    Il Pentagono finalmente ammette l’«orribile errore»

    Il drone americano a Kabul ha fatto una strage di civili

    Un missile americano il 29 agosto ha ucciso 10 persone innocenti. Zamarai Ahmadi, obiettivo del drone, lavorava per una organizzazione umanitaria Usa. Non trasportava esplosivo, ma «taniche d’acqua per la sua famiglia». Il generale Mark Milley aveva inizialmente definito l’attacco «giusto».
    19 settembre 2021 - Marina Catucci
  • PeaceLink
    L’obiezione di coscienza di Daniel Hale

    Italiani per Hale

    L’ex analista dell'intelligence Usa è in carcere perché ha svelato i danni collaterali dei droni. Ha detto: "Abbiamo ucciso persone che non c’entravano nulla con l’11 settembre". Alex Zanotelli aderisce a questa campagna e dice: “Daniel Hale è un eroe del nostro tempo, è un dovere sostenerlo".
    18 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
  • Sociale
    Sul programma televisivo Forum

    Basta! Anche io ora dico la mia

    Violenze maschili contro le donne, patriarcato, femminicidi anche in vita: la testimonianza di Ilaria Di Roberto – scrittrice, artista, attivista femminista radicale, vittima di violenza e cyber bullismo – dopo le parole di Barbara Palombelli.
    19 settembre 2021 - Alessio Di Florio
  • Editoriale
    Questo video mostra l’uccisione spietata di un civile disarmato afghano

    Perché la maggioranza degli afghani ha preferito i Talebani agli occidentali?

    Il noto programma TV australiano “Four Corners”, simile a “Report” e “Presa Diretta” in Italia, ha ritrasmesso il video di un soldato australiano mentre uccide un civile afghano a sangue freddo. Si riaccende la polemica intorno alle “forze speciali” e a come vengono addestrate.
    13 settembre 2021 - Patrick Boylan
  • Disarmo
    Comunicato stampa di Stop RWM e Madri contro la repressione

    "Non vogliamo la fabbrica di bombe"

    Il 23 settembre ci sarà la prima udienza in Consiglio di Stato contro la fabbrica di bombe RWM (Domusnovas, Sardegna) per il ricorso sporto da Italia Nostra, USB, CSS-Assotziu Consumadoris.
    17 settembre 2021 - Redazione PeaceLink
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)