happening

FLASH MOB - S.O.S. Europa in memoria degli 800 che hanno perso la vita il 19 aprile 2015 nel Mediterraneo

20 giugno 2015
ore 16:30

FLASH MOB - S.O.S. Europa

Il 19 Aprile 2015 piu' di 800 persone hanno perso la vita al largo delle coste libiche, e tante altre ancora da quel giorno ad oggi, nel tentativo di fuggire a guerra, fame, violenza e disperazione, una tragedia figlia della decisone di sospendere l'operazione "Mare Nostrum" in favore della molto meno efficace "Triton".
Ogni anno migliaia di migranti e rifugiati cercano di raggiungere l'Europa. Alcuni sono spinti dalla necessità di fuggire dalla povertà cronica, altri cercano una via di uscita da violenze, persecuzioni e conflitti.

La risposta dell'Europa si è concretizzata in politiche e prassi di controllo dell'immigrazione che mettono a rischio la vita di migliaia di migranti, rifugiati e richiedenti asilo e li costringono a intraprendere percorsi pericolosi per arrivare in Europa; quando giungono sul territorio europeo, spesso subiscono violazioni dei diritti umani, trattamenti disumani e degradanti e sfruttamento lavorativo.

Nonostante il 13 Maggio la Commissione Europea ha reso nota l'Agenda Europea in Materia di Immigrazione e Asilo nella quale sembra sia previsto un ampliamento del raggio d'azione della missione Triton, i fatti di cronaca che giungono da Ventimiglia destano preoccupazione perche' dimostrano che tanto ancora c'e' da fare riguardo le politiche di accoglienza nel pieno rispetto dei Diritti Umani.

Vogliamo chiedere all'Unione Europea maggior impegno nella ricerca ed il soccorso in mare affinche' tragedie come quelle del 19 Aprile non si ripetino mai piu' e dire che l'unico obbiettivo da perseguire e' quello di salvare quante piu' vite umane possibili e che vengano garantiti loro tutti i Diritti garantiti dalla legge.

PRIMA LE PERSONE!!! POI LE FRONTIERE...

http://www.amnesty.it/sos-europa

Aiutaci a realizzare con noi questo momento di preghiera, ricordo e riflessione...

Amnesty International Gruppo 214 Taranto
Abfo Associazione benefica fulvio occhinegro
Ass. Salam - Centro Interculturale Nelson Mandela - Taranto
EMERGENCY Martina Franca
Peacelink
SPRAR di Martina Franca

Per maggiori informazioni:
Fulvia Gravame
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Conflitti
    Un forum per promuovere un appello contro la guerra

    Il conflitto in Ucraina e il ruolo del movimento per la pace

    In questa pagina web riportiamo le voci di tutti coloro che stanno partecipando ai webinar di PeaceLink con lo scopo di definire una piattaforma comune di obiettivi finalizzati a evitare una degenerazione dell'aspro confronto in atto fra la Russia e la Nato
    22 gennaio 2022 - Redazione PeaceLink
  • Taranto Sociale
    Lo conferma lo studio dell'OMS

    Le emissioni dello stabilimento ILVA continuano ad essere incompatibili con la salute pubblica

    Da ora in poi, con i dati OMS che vanno a confermare le precedenti Valutazioni Danno Sanitario, non si può più considerare normale una situazione anomala. Questo rapporto dell'OMS a nostro parere costituisce notizia di reato.
    22 gennaio 2022 - Comitato Cittadino per la Salute e l'Ambiente a Taranto
  • Cultura
    A Roma a San Lorenzo il Primo Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Festival del Libro per la Pace e la Nonviolenza

    Quattro giorni di presentazioni di libri, incontri, film, workshops, stands a cura di numerose realtà italiane e non solo per aprire dialoghi e confronti su diritti, Mediterraneo e migranti, Obiezione di Coscienza, disarmo nucleare, educazione alla nonviolenza, cultura di pace
    17 gennaio 2022 - Laura Tussi
  • Cultura
    Nessun potere è stato in grado di mettere a tacere la sua disperata vitalità

    A cento anni dalla nascita di Pier Paolo Pasolini

    Scrive Enzo Golino: “Sul vuoto che Pasolini ha lasciato permane la difficoltà di cancellarne l’ombra, e più si tenta di cancellarla e più si proietta nella realtà che stiamo vivendo”. Rimane più che mai attuale la sia critica del potere e dell'omologazione della nuova società neocapitalistica.
    14 gennaio 2022 - Dale Zaccaria
  • Pace
    La prima cosa da chiedere è di non vendere armi all'Ucraina e di non farla entrare nella Nato

    Crisi Ucraina: il ruolo proattivo dei pacifisti

    I pacifisti dovrebbero dire no a un coinvolgimento militare della Nato. La crisi in Ucraina oggi è molto simile alla crisi di Cuba del 1962. Se ne può uscire con un atto di fiducia reciproca, smantellando le armi nucleari Usa in Europa in cambio di un impegno a garantire la sicurezza dell'Ucraina.
    11 gennaio 2022 - Alessandro Marescotti
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)