happening

FLASH MOB - S.O.S. Europa in memoria degli 800 che hanno perso la vita il 19 aprile 2015 nel Mediterraneo

20 giugno 2015
ore 16:30

FLASH MOB - S.O.S. Europa

Il 19 Aprile 2015 piu' di 800 persone hanno perso la vita al largo delle coste libiche, e tante altre ancora da quel giorno ad oggi, nel tentativo di fuggire a guerra, fame, violenza e disperazione, una tragedia figlia della decisone di sospendere l'operazione "Mare Nostrum" in favore della molto meno efficace "Triton".
Ogni anno migliaia di migranti e rifugiati cercano di raggiungere l'Europa. Alcuni sono spinti dalla necessità di fuggire dalla povertà cronica, altri cercano una via di uscita da violenze, persecuzioni e conflitti.

La risposta dell'Europa si è concretizzata in politiche e prassi di controllo dell'immigrazione che mettono a rischio la vita di migliaia di migranti, rifugiati e richiedenti asilo e li costringono a intraprendere percorsi pericolosi per arrivare in Europa; quando giungono sul territorio europeo, spesso subiscono violazioni dei diritti umani, trattamenti disumani e degradanti e sfruttamento lavorativo.

Nonostante il 13 Maggio la Commissione Europea ha reso nota l'Agenda Europea in Materia di Immigrazione e Asilo nella quale sembra sia previsto un ampliamento del raggio d'azione della missione Triton, i fatti di cronaca che giungono da Ventimiglia destano preoccupazione perche' dimostrano che tanto ancora c'e' da fare riguardo le politiche di accoglienza nel pieno rispetto dei Diritti Umani.

Vogliamo chiedere all'Unione Europea maggior impegno nella ricerca ed il soccorso in mare affinche' tragedie come quelle del 19 Aprile non si ripetino mai piu' e dire che l'unico obbiettivo da perseguire e' quello di salvare quante piu' vite umane possibili e che vengano garantiti loro tutti i Diritti garantiti dalla legge.

PRIMA LE PERSONE!!! POI LE FRONTIERE...

http://www.amnesty.it/sos-europa

Aiutaci a realizzare con noi questo momento di preghiera, ricordo e riflessione...

Amnesty International Gruppo 214 Taranto
Abfo Associazione benefica fulvio occhinegro
Ass. Salam - Centro Interculturale Nelson Mandela - Taranto
EMERGENCY Martina Franca
Peacelink
SPRAR di Martina Franca

Per maggiori informazioni:
Fulvia Gravame
Aggiungi a calendario: Google - Outlook - Apple - Altri

Prossimi appuntamenti

Ricerca eventi

Dal sito

  • Taranto Sociale
    Nuovo studio italiano pubblicato sullo Scientific Report di Nature

    Danni neurotossici causati da piombo e arsenico nei bambini di Taranto

    Disturbi da deficit di attenzione, autismo e iperattività, sarebbero riscontrati in numero maggiore, nei quartieri più vicini al siderurgico: Tamburi e Paolo VI. Siamo stanchi di prestare le nostre vite e quelle dei nostri figli, come se fossimo cavie da laboratorio.
    19 giugno 2021 - Giustizia per Taranto
  • Taranto Sociale
    I dati relativi alle polveri sottili (PM2,5 e PM10) e al biossido di azoto (NO2)

    Ex Ilva: Peacelink, rischio cancerogeno inaccettabile

    “L’aria di Taranto non rispetta i limiti dell'Organizzazione mondiale della sanità” dice Peacelink, per la quale “a fronte di una situazione sanitaria fortemente compromessa, la popolazione di Taranto dovrebbe godere di una protezione particolare".
    18 giugno 2021 - AGI (Agenzia Giornalistica Italia)
  • Disarmo
    Biden e Putin siglano un comunicato congiunto “on Strategic Stability”

    Good News? La speranza continua

    "Gli Stati Uniti e la Russia avvieranno insieme un dialogo bilaterale integrato di stabilità strategica nel prossimo futuro, che sarà deliberato e solido. Attraverso questo Dialogo, cerchiamo di gettare le basi per future misure di controllo degli armamenti e di riduzione dei rischi.”
    17 giugno 2021 - Roberto Del Bianco
  • Sociale
    Siamo nel 2021 e le donne, qui, in Italia, italiane e straniere, ancora non possono dire no!

    Saman

    Saman non è stata uccisa per ordine del Corano. Saman è stata uccisa dal sistema patriarcale. La sua uccisione è un femminicidio come qualsiasi femminicidio che succede quotidianamente in Italia e ovunque a conseguenza di una mentalità maschilista marcia ed arretrata
    17 giugno 2021 - Gulala Salih (Donna curda cittadina italiana. Attivista per la pace e i diritti delle donne e dei bambini)
  • Sociale
    Ilaria Di Roberto: «non siamo un sesso debole, siamo sopravvissute».

    «Quanto subisco rispecchia il concetto di femminicidio in vita»

    La denuncia pubblica di quanto subisce da anni e dell’ultima molestia subita l’11 giugno e un drammatico appello, «ho bisogno di essere creduta e di aiuto».
    17 giugno 2021 - Alessio Di Florio
PeaceLink C.P. 2009 - 74100 Taranto (Italy) - CCP 13403746 - Sito realizzato con PhPeace 2.6.39 - Informativa sulla Privacy - Informativa sui cookies - Diritto di replica - Posta elettronica certificata (PEC)